Passa ai contenuti principali

PRESENZE CRIMINALI A SAN MARINO


Il dibattito sull’infiltrazione mafiosa nella Repubblica di San Marino, spesso, ha concentrato tutta la sua attenzione sul personaggio chiave dell’indagine denominata “operazione staffa”, Francesco Vallefuoco, piuttosto che mettere in evidenza altre e più rilevanti, presenze criminali.
L’inchiesta, tra l’altro, ha dimostrato non solo la presenza dei casalesi nel territorio, ma l’avvenuta saldatura di clan tradizionalmente rivali, per meglio ottenere illeciti guadagni senza però giungere a lotte intestine che avrebbero potuto attirare maggiormente l’attenzione delle Forze dell’ordine. Per comprendere meglio quali sono le presenze riscontrate nel territorio della Repubblica, tracciamo questo elenco sintetico:

camorra

1. clan Stolder operativo nel rione Forcella di Napoli è attivo nel campo delle estorsioni, rapine ad istituti di credito, con la tecnica del buco, riciclaggio di soldi, a livello nazionale ed internazionale; 2. clan Mariniello di Acerra (NA) ed operante nello zone limitrofe, è attivo soprattutto nel campo delle estorsioni e nel riciclaggio. E’ alleato dei clan Alfonso, operante nell’area vesuviana di Napoli, e del clan Anastasio di Sant’Anastasia (NA); 3. clan Vallefuoco di Brusciano (NA), dedito ad estorsioni, usura e riciclaggio; 4. casalesi, è un cartello camorristico della provincia di Caserta che prende il nome dalla sua città d'origine, Casal di Principe. Ne fanno parte differenti clan. Le attività della cosca sono state segnalate in diverse regioni d'Italia (Lazio e Lombardia in testa), con una forte presenza riscontrata anche in alcuni stati europei (Spagna e Scozia). Le attività criminali principali sono narcotraffico, traffico di armi, traffico dei rifiuti, estorsioni, usura, infiltrazioni negli appalti pubblici e privati, riciclaggio. Nella Repubblica di San Marino sono state riscontrate le presenze dei gruppi: fazione Schiavone, prende il nome dal capo storico dei casalesi Francesco Schiavone, detto “Sandokan; fazione Bidognetti,  prende il nome dell’altro capo storico dei casalesi Francesco Bidognetti, detto “Cicciotto' e mezzanotte”. 5. clan Gallo - Cavalieri, operante in Torre Annunziata (NA),  tra i più potenti della fascia vesuviana del napoletano, dedito al traffico internazionale di stupefacenti, alle estorsioni ed al riciclaggio;

‘ndrangheta

1. ‘ndrina Mancuso , cosca più potente della provincia di Vibo Valentia, opera, in particolar modo, nelle zone di Limbadi e Nicotera, ed ha influenze anche nel reggino a seguito di alleanze con i Piromalli di Gioia Tauro e i Pesce di Rosarno. L’attività criminale principale è il traffico internazionale di sostanze stupefacenti, soprattutto cocaina, estorsioni, usura, settore degli pubblici, riciclaggio; 2. ‘ndrina Facchineri , opera a Cittanova e si occupa di estorsioni, gestione di attività commerciali e traffico di droga.

cosa nostra

1. clan Fidanzati del quartiere Arenella di Palermo, le attività criminali principali sono: narcotraffico, estorsioni, usura, riciclaggio; 2. clan Rinzivillo di Gela legato al capomafia di Caltanissetta, Pippo Madonia. le attività criminali principali sono: narcotraffico, estorsioni, usura, riciclaggio 3. clan Emmanuello di Gela anch’esso legato al capomafia di Caltanissetta, Pippo Madonia. Le principali attività criminali sono: narcotraffico, estorsioni, usura, riciclaggio.

sacra corona unita

1. gruppi operanti nelle province di Lecce e Brindisi stranieri

1. gruppi criminali cinesi;

2. riciclaggio fondi russi ;

3. riciclaggio fondi nigeriani.

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

OMICIDIO DI MAFIA A PESARO: NON CADERE MAI NELLA TRAPPOLA CHE LA MAFIA NON SPARA PIÙ O DIMENTICA... di Giuseppe Lumia

A Pesaro si è consumato un gravissimo omicidio di mafia proprio in pieno centro. Ad agire due killer a volto coperto;  ad essere colpito il fratello di un collaboratore di giustizia calabrese. L’agguato è stato realizzato platealmente la notte di Natale.

Il Capo della Procura Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, ha spiegato bene il carattere mafioso dell’omicidio e il segnale di sfida che con esso viene lanciato allo Stato.

C’è, insomma,  da riflettere per individuare  e superare alcune trappole in cui spesso si cade.


PRIMA TRAPPOLA: LE MAFIE NON SPARANO PIÙ.
Per mesi e mesi si è diffuso uno strano _leitmotiv_ legato all’analisi che le mafie non ricorrono più all’uso della violenza, e in particolare degli omicidi, perché ormai si sono trasformate  in “mafia d’affari”. Una cosa è invece certa: le mafie più si tuffano negli affari  più mantengono sul tavolo del proprio agire il possibile uso della violenza. In sostanza al famoso _kalashnikov_ non si rinuncia mai. L‘Ndrangheta…

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…