Passa ai contenuti principali

PRESENZE CRIMINALI A SAN MARINO


Il dibattito sull’infiltrazione mafiosa nella Repubblica di San Marino, spesso, ha concentrato tutta la sua attenzione sul personaggio chiave dell’indagine denominata “operazione staffa”, Francesco Vallefuoco, piuttosto che mettere in evidenza altre e più rilevanti, presenze criminali.
L’inchiesta, tra l’altro, ha dimostrato non solo la presenza dei casalesi nel territorio, ma l’avvenuta saldatura di clan tradizionalmente rivali, per meglio ottenere illeciti guadagni senza però giungere a lotte intestine che avrebbero potuto attirare maggiormente l’attenzione delle Forze dell’ordine. Per comprendere meglio quali sono le presenze riscontrate nel territorio della Repubblica, tracciamo questo elenco sintetico:

camorra

1. clan Stolder operativo nel rione Forcella di Napoli è attivo nel campo delle estorsioni, rapine ad istituti di credito, con la tecnica del buco, riciclaggio di soldi, a livello nazionale ed internazionale; 2. clan Mariniello di Acerra (NA) ed operante nello zone limitrofe, è attivo soprattutto nel campo delle estorsioni e nel riciclaggio. E’ alleato dei clan Alfonso, operante nell’area vesuviana di Napoli, e del clan Anastasio di Sant’Anastasia (NA); 3. clan Vallefuoco di Brusciano (NA), dedito ad estorsioni, usura e riciclaggio; 4. casalesi, è un cartello camorristico della provincia di Caserta che prende il nome dalla sua città d'origine, Casal di Principe. Ne fanno parte differenti clan. Le attività della cosca sono state segnalate in diverse regioni d'Italia (Lazio e Lombardia in testa), con una forte presenza riscontrata anche in alcuni stati europei (Spagna e Scozia). Le attività criminali principali sono narcotraffico, traffico di armi, traffico dei rifiuti, estorsioni, usura, infiltrazioni negli appalti pubblici e privati, riciclaggio. Nella Repubblica di San Marino sono state riscontrate le presenze dei gruppi: fazione Schiavone, prende il nome dal capo storico dei casalesi Francesco Schiavone, detto “Sandokan; fazione Bidognetti,  prende il nome dell’altro capo storico dei casalesi Francesco Bidognetti, detto “Cicciotto' e mezzanotte”. 5. clan Gallo - Cavalieri, operante in Torre Annunziata (NA),  tra i più potenti della fascia vesuviana del napoletano, dedito al traffico internazionale di stupefacenti, alle estorsioni ed al riciclaggio;

‘ndrangheta

1. ‘ndrina Mancuso , cosca più potente della provincia di Vibo Valentia, opera, in particolar modo, nelle zone di Limbadi e Nicotera, ed ha influenze anche nel reggino a seguito di alleanze con i Piromalli di Gioia Tauro e i Pesce di Rosarno. L’attività criminale principale è il traffico internazionale di sostanze stupefacenti, soprattutto cocaina, estorsioni, usura, settore degli pubblici, riciclaggio; 2. ‘ndrina Facchineri , opera a Cittanova e si occupa di estorsioni, gestione di attività commerciali e traffico di droga.

cosa nostra

1. clan Fidanzati del quartiere Arenella di Palermo, le attività criminali principali sono: narcotraffico, estorsioni, usura, riciclaggio; 2. clan Rinzivillo di Gela legato al capomafia di Caltanissetta, Pippo Madonia. le attività criminali principali sono: narcotraffico, estorsioni, usura, riciclaggio 3. clan Emmanuello di Gela anch’esso legato al capomafia di Caltanissetta, Pippo Madonia. Le principali attività criminali sono: narcotraffico, estorsioni, usura, riciclaggio.

sacra corona unita

1. gruppi operanti nelle province di Lecce e Brindisi stranieri

1. gruppi criminali cinesi;

2. riciclaggio fondi russi ;

3. riciclaggio fondi nigeriani.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…