Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2016

CONTINUA LA FAIDA A NAPOLI

CASO ETRURIA: BONIFICI SOSPETTI SPEDITI A SAN MARINO

MILANO: ARRESTATI TRE LATINOS

YAKUZA: ARRESTO PER POSSESSO MITRA

YAKUZA: UN ARRESTO PER OMICIDIO

LE AUTO DEI BOSS YAKUZA

YAKUZA: SEQUESTRATA PISTOLA

YAKUZA: CHIUSO CASINÒ ILLEGALE

YAKUZA: ARRESTO PER FRODE TERRENI

DIA 2015: MAFIA A FOGGIA

FAIDA CAMORRA: UN MORTO

FOGGIA: PRESO IL COMMANDO DEL KALASHNIKOV

IL BUNKER DELLA 'NDRANGHETA

TRENTO TRAFFICO DI DROGA: 22 ARRESTI

ANALISI SULLA MAFIA IN TOSCANA

TRAFFICO DI RIFIUTI A Ancona, Campobasso, Firenze, Grosseto, Perugia e Pescara

POLIZIA ARRESTA IN BUNKER 2 BOSS 'NDRANGHETA

NARCOS IN COLOMBIA E MESSICO

BROKER ARRESTATO A GENOVA PER RICICLAGGIO

GUERRA DI MAFIA A FOGGIA: 8 ARRESTI

AGENTE MEGAN INTERVISTA FILIPPI (SIULP VENETO)

Apro quest’incontro che vuole essere un dialogo assertivo tra amici e anche colleghi, più che un’intervista, con una frase di Voltaire, il quale nell’agosto del 1765 così scriveva a D’Alembert:
<<Vorrei che ogni uomo pubblico, che fosse sul punto di compiere un grande sproposito, dicesse sempre a se stesso: l’Europa ti guarda>>.
Scelgo di iniziare la conversazione con questo pensiero, avendo dinanzi Silvano Filippi, una laurea in giurisprudenza e un dottorato di ricerca, una vita operativa vissuta come ispettore in una grande città del nord est e segretario regionale del SIULP Veneto, uno dei sindacati maggiormente rappresentativi della Polizia di Stato.
-Il contratto del comparto sicurezza, così come quello del resto del pubblico impiego, è fermo all’anno 2009. Un blocco che già lo scorso maggio la Corte Costituzionale ha giudicato illegittimo, anche se nella recente legge di stabilità non sono state approntate risorse per il rinnovo triennale, limitandosi a uno stanzia…

CORRUZIONE NELL'ESERCITO: 3 ARRESTI

GABRIELLI SULLA MAFIA A ROMA

ENERGIA: APPALTI TRUCCATI PER UN MILIARDO IN VENETO LOMBARDIA FRIULI

DESIO NEWS

CATELLO MARESCA ALLA TRIBUNA DI SAN MARINO

EVASIONE FISCALE NEL CALCIO

I CLAN DI VITTORIA

OPERAZIONE ANTIBES

MAFIA NIGERIANA A CASTELVOLTURNO

STOPMAFIA FA IL PUNTO SUI BENI CONFISCATI CON CATELLO MARESCA

1) i beni confiscati ed il loro utilizzo sono un tema fondamentale per la lotta alla mafia. Oggi quale è la situazione?

La situazione dei beni confiscati in Italia non è purtroppo buona. Nonostante gli sforzi che bisogna riconoscere a tutti gli operatori impegnati e soprattutto all'agenzia nazionale, vi sono ancora molti immobili inutilizzati e le aziende continuano a fallire nella gran parte dei casi. I beni confiscati non rappresentano ancora la risorsa economica che dovrebbero invece essere, data la consistenza economica e strutturale. Complessivamente i sistema non consente ancora un proficuo utilizzo, ne' tantomeno una parziale messa a reddito.

2) la nuova normativa in discussione quali sono i pregi e i difetti?

La nuova normativa ha il pregio di intervenire in una materia in cui ormai da ogni parte si segnala la necessità di un intervento sostanziale. Purtroppo, però, di questo intervento sostanziale a mio parere vi è solo una traccia iniziale. Si comincia a parlare di…

DIA 2015: GIOIA TAURO ED IL PORTO

PESCARA: DUPLICE OMICIDIO PER QUESTIONI DI DROGA

MUSELLA: SIAMO STANCHI DEI SERMONI

Si parla tanto di lotta alla 'ndrangheta ma poi non si danno strumenti per operare e si lasciano i guerrieri con le arme spuntate e le pallottole a salve.Siamo stanchi dei sermoni istituzionali ,delle bugie e delle parate .Alla vigilia della visita del Presidente Mattarella in Calabria ,onde evitare ennesime passarelle e frasi di circostanza,Il Coordinamento antimafia Riferimenti denunzia la grave situazione in cui versano tribunali e Forze di polizia in Calabria più' che altrove lasciate al loro destino. Un esempio per tutti lo stato dei parchi macchine che e' a dir poco allucinante.Mancano autovetture e quelle poche che ci sono ,hanno centinaia di migliaia di chilometri per cui un giorno sì e l'altro pure restano a terra lungo strade e autostrade.Se non si viene uccisi per mano dei criminali ,si rischia di morire sull'asfalto. Inascoltati a Roma il grido d'allarme di magistrati e questori che più' volte hanno fatto presente la precarietà' della si…

BARI: 46 CONDANNE

AGGUATO A FOGGIA

CAMORRA: UN ARRESTO

SEQUESTRATO ARSENALE CAMORRA

EX PENTITO UCCISO A NAPOLI

CACCIA ALL'AUDI GIALLA

DDA/DIA CALTANISSETTA: ESECUZIONE ORDINANZA PER STRAGI SU MESSINA DENARO

Procura della Repubblica di Caltanissetta Direzione Distrettuale Antimafia Comunicato Stampa Su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, la locale D.I.A., in data 22 corrente mese, ha posto in esecuzione, con conseguente conferma dello stato di latitanza, l’o.c.c. emessa dal G.I.P. di Caltanissetta in data 22 corrente mese nei confronti di Matteo Messina Denaro ritenuto mandante delle stragi di Capaci e Via D’Amelio. Tale provvedimento cautelare segue le ordinanze custodiali emesse tra il 2012 ed il 2013 dallo stesso Ufficio G.I.P. nei confronti di vari appartenenti a Cosa Nostra ritenuti, a vario titolo, responsabili degli eventi stragisti consumatisi nel corso del 1992. I dettagli dell’operazione di cui all’ordinanza del 22 gennaio 2016 saranno esposti in una conferenza stampa indetta dalla D.D.A. di Caltanissetta per il giorno 23 gennaio 2016, alle ore 11:30, presso il palazzo di giustizia di Caltanissetta.

DIA 2015: MAPPA CLAN REGGIO CALABRIA

DIA 2015: CLAN SANTAPAOLA (CATANIA) IN PUGLIA