Passa ai contenuti principali

Post

Nascondeva armi e droga in casa

  Nascondeva armi e droga in casa Comando Provinciale di  Bari  -  Bari , 06/08/2022 11:20 I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari con l’ausilio di unità cinofile, nel quartiere San Paolo, hanno eseguito una perquisizione nell’abitazione di un noto pregiudicato, 26enne, esponente di un clan locale e al momento già detenuto agli arresti domiciliari, sul cui conto emergono gravi indizi di colpevolezza (accertamenti compiuti nella fase delle indagini preliminari che necessitano della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa) rinvenendo una pistola rubata, mod. 48 calibro 7,65, munita di caricatore inserito e 4 cartucce, nonché altri due caricatori per pistola cal.6,35, due radio ricetrasmittenti, diversi grammi di cocaina già divisi in dosi, due bilancini di precisione e materiale vario usato per il confezionamento della sostanza stupefacente, il tutto nascosto in un doppio fondo ricavato in un mobile del salotto. Da immediati accertamenti è emerso che la pi
Post recenti

Scoperte due piantagioni di cannabis, arrestato un 51enne

  Scoperte due piantagioni di cannabis, arrestato un 51enne Comando Provinciale di  Palermo  -  Carini (PA) , 06/08/2022 08:17 I Carabinieri della Compagnia di Carini hanno arrestato in flagranza un 51enne del luogo, ritenuto responsabile del reato di coltivazione di sostanze stupefacenti. Nel corso di un servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, svolto con il supporto aereo del 9° Nucleo Elicotteri Carabinieri, è stata individuata, presso un appezzamento di terreno di proprietà dell’indagato, fuori dal centro abitato, un’estesa piantagione di cannabis indica composta da 451 piante aventi fusto tra i 70 ed i 200 cm, pronte per la raccolta, ben occultate tra le fila di altre tipologie di coltivazioni e irrigate con apposito impianto collegato all’abitazione del soggetto tratto in arresto. In località non distante dal primo intervento, è stata rinvenuta ulteriore piantagione con 85 piante aventi fusto tra i 100 ed i

Era latitante dal 2017, arrestato nel crotonese

 Era latitante dal 2017, arrestato nel crotonese ANSA, 05/08/2022 15:50 (ANSA) - COSENZA, 05 AGO - I carabinieri della Compagnia di Cosenza hanno arrestato, a Isola Capo Rizzuto, un 55enne di nazionalita' marocchina, latitante dal 2017. L'uomo era ricercato perche' deve scontare la pena residua di un anno e nove mesi in seguito alla sentenza di condanna emessa dal Tribunale di Cosenza nell'aprile del 2014 perche' giudicato colpevole di concorso in lesioni personali gravi. Il cinquantacinquenne, il 2 ottobre del 2007, a Cosenza, ha sparato dei colpi d'arma da fuoco contro un connazionale ferendolo agli arti inferiori. L'uomo e' stato condotto nel carcere di Crotone. (ANSA).

Video online di persone armate di coltelli in pieno centro a Firenze: la Polizia di Stato identifica i presunti protagonisti delle immagini, tra cui anche un minore

  Nei confronti dei maggiorenni fermati, la Questura di Firenze ha immediatamente avviato le procedure di espulsione dall’Italia Si sarebbero fatti riprendere col telefonino mentre, con in mano grossi coltelli e una mazza da baseball, giravano di notte per le strade del centro fiorentino. Il video sarebbe poi finito recentemente online, destando preoccupazione tra i residenti e i commercianti intorno all’arco di San Pierino, che proprio lo scorso 23 luglio sarebbe stato peraltro teatro di una violenta rissa tra due gruppi di cittadini stranieri armati di bastoni e coltelli. Sull’episodio delle scorse settimane sono tuttora in corso accertamenti, ma ieri pomeriggio la Polizia di Stato ha sequestrato proprio i tre coltelli che sarebbero stati mostrati in rete nelle immagini ora al vaglio degli investigatori. Gli stessi non escludono anche la possibile partecipazione alla rissa di San Pierino da parte dei protagonisti del video. I Falchi della Squadra Mobile hanno trovato gli strumenti da

Incendia una azienda. Era ai domiciliari

 Incendia una azienda. Era ai domiciliari Comando Provinciale di Prato - Montemurlo (PO), 05/08/2022 14:45 Era il 19 gennaio di quest’anno quando un incendio divampava presso una ditta a Montemurlo, azienda attiva nella produzione tessile ricavata dal riciclo degli indumenti usati. Chiarissima era stata l’origine dolosa dell’evento, anche perché, oltre che dal sopralluogo tecnico svolto da personale dei Vigili del Fuoco, la dinamica dei fatti veniva acclarata dalla ricostruzione effettuata con l’analisi delle immagini videoregistrate dall’impianto di videosorveglianza dell’azienda. Da quel momento erano partite le attività investigative da parte dei Carabinieri della Tenenza di Montemurlo, anche con la collaborazione della sezione Operativa di Prato, finalizzate all’individuazione delle personali responsabilità ed all’identificazione degli autori. Mesi di attività investigative che hanno dato quale epilogo l’arresto di due cittadini albanesi, di cui uno domiciliato a Montemurlo e l’a

Droga: blitz carabinieri, a Perugia sequestrata eroina per 1 mln

 Droga: blitz carabinieri, a Perugia sequestrata eroina per 1 mln = AGI, 05/08/2022 11:45 (AGI) Perugia, 5 ago - Avrebbe fruttato circa un milione di euro l'eroina sequestrata dai carabinieri nel corso delle indagini che hanno portato il gip di Perugia a emettere un'ordinanza di custodia cautelare a carico di 24 persone che, secondo l'accusa, avrebbero dato vita a un sodalizio criminale dedito a rifornire di eroina il mercato perugino. Le indagini, tra febbraio e dicembre 2021, riferisce la Procura di Perugia, hanno permesso di arrestare 15 persone in flagranza di reato, recuperando ingenti quantitativi di eroina. Come nel corso del blitz di giugno 2021, quando, nel quartiere di Fontivegge, a Perugia, durante una perquisizione in un'abitazione vennero sequestrati 12 chili di droga nascosti all'interno di un mobile. L'eroina, purissima, una volta tagliata avrebbe immesso sul mercato circa 15mila dosi per oltre mezzo milione di euro di "incassi". A lugli

FIRENZE: ARRESTATO NIGERIANO PER SPACCIO SOSTANZE STUPEFACENTI

  FIRENZE: ARRESTATO NIGERIANO PER SPACCIO SOSTANZE STUPEFACENTI ITALPRESS , 05/08/2022 10:57 FIRENZE (ITALPRESS) - Nel corso del pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia Oltrarno di Firenze hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per l'ipotesi di spaccio di sostanze stupefacenti, un soggetto di nazionalità nigeriana, classe '84. In particolare, all'esito di un servizio di osservazione svolto nella zona di via Pisana, via Soffiano e della Villa Strozzi, finalizzato proprio al contrasto dei reati in tema stupefacenti, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Oltrarno avevano modo di osservare il ragazzo nigeriano mentre cedeva una dose di sostanza stupefacente, poi accertata pari a 1.5 gr. circa di eroina, ad un assuntore italiano, in cambio di 45 euro. Entrambi sono stati subito fermati dai militari operanti che recuperavano e sequestravano lo stupefacente appena ceduto nonché la somma di 100 euro rinvenuta nella disponibilità del nigeriano, ritenuta

Esecuzione ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di 9 persone.

  Esecuzione ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di 9 persone. Comando Provinciale di  Avellino  -  Irpinia, province di Foggia, Lecce e Palermo , 05/08/2022 10:40 Questa mattina, in Irpinia e nelle province di Foggia, Lecce e Palermo, i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, coadiuvati da quelli dei Reparti territorialmente competenti, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di 9 persone (delle quali 7 destinatarie della misura coercitiva carceraria e 2 della misura degli arresti domiciliari)  emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Avellino su richiesta della Procura della Repubblica, in quanto gravemente indiziate, allo stato delle indagini, di “associazione per delinquere” finalizzata alla “fabbricazione, porto e ricettazione di esplosivo e materiale esplodente”, “furto aggravato” e “danneggiamento aggravato” in danno di istituti bancari ed uffici postali. L’attività di indagine, avviata nel 2020 e condotta d

Discarica a cielo aperto rischio disastro ambientale. Eseguito decreto di sequestro.

  Discarica a cielo aperto rischio disastro ambientale. Eseguito decreto di sequestro. Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale  Torino  -  Moncalieri (TO) , 05/08/2022 08:33 Nella mattinata odierna il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri di Torino, su richiesta della Procura della Repubblica di Torino, ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo senza facoltà d’uso, emesso dal locale Ufficio GIP del Tribunale, di terreni ed edifici presenti nel Comune di Moncalieri (TO) Strada del Vignotto n. 37.  L’area interessata di circa 10.000 m2, proprio a ridosso del torrente Sangone e già dichiarata dal Comune di Moncalieri a forte rischio di dissesto idrogeologico, è difficilmente visibile dalla pubblica via a causa della folta vegetazione che, a partire dal 2005, ha invece facilitato l’illecito sversamento da parte di ignoti di qualsiasi tipologia di rifiuto, creando una situazione di degrado ed inquinamento che ha intaccato sia il terreno circostante che potenzialment

Taranto: 2 arresti per concussione, incendio e induzione indebita

I poliziotti della Squadra mobile di  Taranto  hanno arrestato il sindaco di Roccaforzata, comune nella provincia di Taranto e un suo “amico” pregiudicato di 59 anni che pilotava gli appalti e minacciava imprenditori e consiglieri comunali. Indagate anche 5 persone nell’ambito della stessa indagine. Gli investigatori hanno fatto emergere l’esistenza di una costante presenza da parte del 59enne nell’andamento dell’amministrazione comunale. L’uomo oltre a essere un pregiudicato, orbitava in circuiti di criminalità organizzata ed era capace di manovrare le scelte politiche-amministrative del comune per un apparente rapporto “simbiotico” con il sindaco. Il 59enne ed uno degli indagati sarebbero, infatti, i presunti responsabili di un incendio appiccato all’auto di un consigliere comunale che si era opposto politicamente al primo cittadino e criticato il rapporto che questi aveva con l’uomo. Si ritiene che tale rapporto fosse già conosciuto in occasione dell’elezioni elettorali; il 59enne v