Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2019

Operazione Sestante final - Maxi operazione internazionale contro il traffico di migranti

Dalle prime luci dell’alba oltre 100 militari del Comando Provinciale di Lecce e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata di Roma della Guardia di Finanza (S.C.I.C.O.), in sinergia con la Polizia e la Guardia Costiera greche, nonché di personale Europol - European Migrant Smuggling Centre (EMSC) dislocato sul luogo delle operazioni, coordinati da Eurojust (Paesi Bassi), dalla Direzione Nazionale Antimafia e dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, sono impegnati in una vasta operazione contro il traffico di migranti nel Salento ed in Grecia (denominata operazione “Sestante”), anche in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare richiesta dai magistrati della citata D.D.A. ed emessa dal G.I.P. del locale Tribunale, a carico complessivamente di 13 persone. Le indagini, condotte dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Lecce con il supporto dello S.C.I.C.O., durate poco più di un anno, hanno dimostrato l’esiste…

ASSE 'NDRANGHETA - ALBANESI IN TOSCANA

Un uomo vicino alle cosche calabresi era l'anello di congiunzione con i trafficanti albanesi di marijuana. La copertura era una pizzeria a Montecatini.

http://www.toscanamedianews.it/firenze-le-mani-della-ndranghgeta.htm





'Ndrangheta in Umbria - 27 arresti

Sono in totale 27 i provvedimenti eseguiti dalle Squadre mobili di diverse città italiane, in collaborazione con gli agenti del Servizio centrale operativo, nei confronti di appartenenti alla ’Ndrangheta. Si tratta del risultato di due diverse operazioni portate a termine dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro e dalla Procura distrettuale di Reggio Calabria. Operazione "Infectio" La prima indagine, denominata “Infectio”, condotta dalle Squadre mobili di Perugia e Catanzaro, ha portato all’arresto di 23 persone (20 in carcere e 3 ai domiciliari). Gli indagati sono accusati di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e occultamento di armi clandestine, minacce, violenza privata, associazione per delinquere finalizzata alla consumazione di una serie di reati di natura contabile o economico-finanziaria strumentali alla realizzazione sistematica di frodi in danno del sistema bancario. Sequestrate diverse società …

Truffa da 30 milioni di euro - Violati i profili di migliaia di giocatori on- line

Violati i profili di migliaia di giocatori on-line. Perquisizioni della Guardia di Finanza di Torino nelle sedi di due concessionari di rete per il gioco in rete. Coinvolte decine di sale scommesse in tutta Italia, 3 le persone denunciate, 60 i siti “congelati”. Accesso abusivo ai sistemi informatici ed esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa. Questa l’accusa nei confronti dei due rappresentati legali dei concessionari di rete per il gioco on line, perquisiti poche ore fa dalla Guardia di Finanza di Torino nel corso di un’imponente operazione che ha visto coinvolte numerose regioni in tutta Italia: dalla Lombardia al Lazio, dall’Abruzzo sino alla Sicilia. L’operazione è “nata” proprio nel capoluogo piemontese, dopo che i Finanzieri, alcuni mesi fa, avevano denunciato i due titolari di una sala scommesse illegale, mascherata da punto raccolta, nel quartiere Lingotto. I due concessionari coinvolti nell’inchiesta, avevano predisposto le loro piattaforme di gioco, (nate con…

Estorsioni: fermi per sequestro persona in ambito camorra

(AGI) - Milano, 12 dic. - Sono nell'ambito della camorra gli 11 fermi e i 4 arresti eseguiti questa mattina in diverse citta' italiane per sequestro di persona a scopo di estorsione. Lo apprende L'AGI da fonti investigative. I carabinieri della compagnia di Corsico assieme ai colleghi del Nucleo investigativo di Bologna hanno operato su impulso della procura bolognese per disarticolare un'organizzazione legata alla mafia campana che aveva ramificazioni tra Milano, Verona e Napoli. 

Armi: Reggio Calabria, sequestrato arsenale da guerra

(AGI) - Reggio Calabria, 12 dic. - I Carabinieri di Reggio Calabria hanno arrestato un uomo, DG di 47 anni, trovato in possesso di un arsenale da guerra comprensivo di armi, tritolo ed esplosivo in grado di distruggere un palazzo. L'arrestato e' un reggino gia' condannato per favoreggiamento della latitanza di VF esponente dell'omonima cosca, che fu catturato in provincia di Macerata nel giugno del 2006 dai Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria.

LA DIA DI TORINO SEQUESTRA, IN VALLE DAOSTA, BENI PER OLTRE 1 MILIONE DI EURO AD ANTONIO RASO, AFFILIATO ALLA 'NDRANGHETA

La DIA di Torino ha sequestrato, con provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione di quel Tribunale, su proposta del Direttore della DIA, Generale Giuseppe Governale, i beni di Antonio Raso, 61enne, ritenuto affiliato al locale di ndrangheta di Aosta e legato alle ndrine Nirta, Mammoliti, Di Donato e Raso.
Raso, attualmente detenuto e in attesa di giudizio, è stato arrestato dai Carabinieri, nel gennaio di questanno, nell'ambito della operazione “Geenna”, per associazione mafiosa e per scambio elettorale politico-mafioso, afferente alle consultazioni del 2015. Infatti, pienamente coinvolto nelle dinamiche dellassociazione criminale, aveva promesso voti ad alcuni politici locali, poi eletti, in cambio di informazioni riservate, con lintento di influenzare gli organi amministrativi di due Comuni della Valle dAosta ed agevolare così il sodalizio mafioso.
L'odierno decreto ha interessato quote di partecipazione in 3 società (una delle quali afferente ad un noto ristor…

CATANIA - SEQUESTRO A CLAN SANTAPAOLA ERCOLANO

Su proposta di questa Procura della Repubblica, i Finanzieri del Comando Provinciale di Catania, in collaborazione con il Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (S.C.I.C.O.), hanno eseguito un provvedimento di applicazione di misura patrimoniale, emesso dal Tribunale etneo, Sezione Misure di Prevenzione, finalizzato al sequestro di 2 attività commerciali per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro, ritenute di proprietà di TOMASELLIAntonio (classe 1966), inteso “penna bianca”, già reggente della famiglia “Ercolano”, attualmente recluso in carcere dal novembre del 2017. Il patrimonio sottoposto a sequestro di prevenzione dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria è costituito dalle 2 seguenti imprese unitamente ai pertinenti complessi aziendali: “ETNEA AUTOSERVIZI & C. S.A.S.”, avente la sua sede in zona centrale a Catania in via Cimarosa, attiva dal 1977, esercentel’attività di “autorimesse e garage”; “CONTI CALCESTRUZZI S.R.L.S.”, con sed…

Rifiuti: traffico illecito verso la Bulgaria, sequestrati 17 vagoni di un treno

Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale Roma - Lecco, 11/12/2019 08:21 Prosegue incessante l’azione di prevenzione e contrasto del Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale per arginare il fenomeno dello stoccaggio illecito di rifiuti.
Dopo il sequestro di numerose aree abusive o dismesse del Nord Italia adibite a discarica di rifiuti, presso lo scalo ferroviario di  Lecco, i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Milano, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e Monopoli – Ufficio delle Dogane di Como-Sezione Operativa Territoriale di Lecco, e con l’Agenzia Regionale per la protezione ambientale Lombardia - Dipartimento di Lecco, hanno proceduto al controllo di una spedizione transfrontaliera di rifiuti in procinto di essere inviata presso uno stabilimento di recupero in Bulgaria.
Dalla visione della documentazione fornita è emerso come detti rifiuti, anzichè essere costituiti da scarti di plastica recuperabili, come certificato in atti, risultavano essere compost…

Scoperto centro scommesse abusivo

Nella giornata del 9 dicembre 2019, i Carabinieri della Stazione di Campobello di Mazara e della Sezione Radiomobile della Compagnia di Mazara del Vallo, nel corso di un servizio straordinario finalizzato al controllo della regolare attività di raccolta e gestione delle scommesse sportive hanno svolto, insieme agli ispettori dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, un accesso ispettivo presso un centro scommesse affiliato ad un bookmaker estero.

Durante il controllo, il personale operante accertava che la raccolta delle scommesse sportive veniva esercitata in assenza della prevista autorizzazione, per tali motivi, deferivano in stato di libertà il titolare della citata attività, un castelvetranese cl.68, per le ipotesi di reato di esercizio abusivo del gioco delle scommesse ed esercizio delle scommesse senza la prescritta licenza.

Tali controlli saranno ripetuti nelle prossime settimane al fine di monitorare il regolare svolgimento della attività di un settore delicato come la gestione…

Operazione "Buon vento genovese" - Sequestrate tre autovetture di una cosca di `ndrangheta

I militari del Comando Provinciale di Genova hanno sequestrato tre autovetture su delega della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo, nell’ambito dell’operazione di polizia giudiziaria, denominata “Buon Vento Genovese”, conclusasi, lo scorso luglio, con la cattura di 3 cittadini italiani per traffico internazionale di cocaina dal Sudamerica, con le aggravanti "mafiosa", della ingente quantità e della transnazionalità. Le prime due autovetture, intestate a A.A., classe 1980, elemento di vertice della cosca di `ndrangheta "Alvaro" di Sinopoli (RC), sono state colpite da un provvedimento del Tribunale di sequestro preventivo finalizzato alla “confisca per sproporzione”, istituto che consente all’Autorità Giudiziaria di sottrarre a soggetti indagati per reati gravi beni e utilità non congrui rispetto ai redditi dichiarati. La terza, invece, risultata intestata ad un prestanome, è stata oggetto di un sequestro preventivo fi…

Maxi operazione antidroga - 10 arresti e 22 provvedimenti cautelari

Comando Provinciale Venezia Dalle prime ore di oggi la Guardia di Finanza di Venezia sta eseguendo l’ordinanza con cui il G.I.P. presso il Tribunale del capoluogo lagunare ha disposto provvedimenti restrittivi della libertà personale nei confronti di 32 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. L’esecuzione delle misure cautelari e le connesse perquisizioni domiciliari hanno interessato le province di Venezia, Padova, Vicenza, Treviso, Milano, Bergamo, Brescia, Pavia e Bolzano. I provvedimenti, emessi a seguito delle indagini svolte dai finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria e del I Gruppo di Venezia e dirette dalla locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, hanno riguardato la custodia cautelare in carcere per 10 persone, il divieto di dimora nella provincia di Venezia per altre 17, l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria…

Maxi sequestro di droga - Fermata un’imbarcazione con oltre 300 kg di droga ed arrestato uno scafista

Reparto Operativo Aeronavale Bari La Guardia di Finanza ha concluso, al largo delle coste brindisine, un’altra importante operazione che ha permesso di sequestrare un grosso carico di sostanze stupefacenti. In particolare, durante l’ordinaria attività di pattugliamento marittimo, un’unità navale del Reparto Operativo Aeronavale di Bari - Sezione Operativa Navale di Brindisi, ha localizzato e fermato un’imbarcazione a poche miglia dalla costa. La tipologia del mezzo, l’insolita posizione nonché le vaghe e incoerenti dichiarazioni rese dallo scafista hanno insospettito i finanzieri che hanno condotto nel locale porto l’imbarcazione per effettuare un controllo accurato. A bordo dell’imbarcazione, in un vano posto sotto la plancia di comando, i militari hanno rinvenuto nr. 186 involucri cellophanati per un totale di 310 kg. di marijuana e 24 kg di hashish che al mercato clandestino avrebbero fruttato quasi 4 milioni di euro. Il natante utilizzato per l’illecito traffico, uno scafo in vet…

Catanzaro: traffico illecito di rifiuti, 20 arresti

Operazione “Rubbish circle” della Squadra mobile di Catanzaro e degli uomini del commissariato di Lamezia Terme nei confronti di 20 persone a conclusione di un’indagine sul traffico illecito di rifiuti. Le indagini hanno preso avvio dall’individuazione di una discarica abusiva, in località “Bagni” a Lamezia Terme, dove alcuni autocarri si recavano per sversare rifiuti, formalmente destinati ad essere stoccati in siti autorizzati del Nord Italia. L’attività investigativa, anche attraverso le intercettazioni, ha fatto emergere l’esistenza di un vero e proprio gruppo criminale organizzato che operava attraverso il controllo di due società del settore;
una con sede in provincia di Catanzaro e un’altra in provincia di Bologna. Entrambe, destinatarie di un provvedimento di sequestro preventivo, le due società gestivano in modo illecito la filiera del recupero e dello smaltimento dei rifiuti sversati sia all’interno della discarica abusiva in località Bagni, che in quella in località San Sid…

RICORDO DI NONNO NINO CAPONNETTO di Beppe Lumia

Gli anni passano ma la memoria di nonno Nino Caponnetto rimane viva, per molti versi sempre più attuale.

La lotta alle mafie sta attraversando un momento difficile, ha perso un po’ mordente e non richiama l’attenzione di una volta.

Stiamo attraversando una fase di crisi, che può essere vissuta con un duplice atteggiamento: chi si è approcciato a questa lotta per moda o convenienza penserà a rinnegare o a tenersi lontano, chi invece ha creduto con passione nei valori dell’antimafia può fare di questo momento critico un’opportunità per capire meglio e progettare il futuro.

Ecco, ispirarsi a Caponnetto può dare stimoli ed energie per andare avanti a testa alta e con rinnovato impegno.

Dei dialoghi con nonno Nino, ricordo due passaggi che si adattano bene a questa fase.

Nel dicembre del 2000, quando a Palermo si organizzò la prima sessione dell’ONU sulla lotta alle mafie, nelle nostre conversazioni fu importante mettere a fuoco l’intuizione di Falcone di promuovere la legislazione Antima…

Sequestrati per “sproporzione” ex d.lgs. 159/2011 beni per circa 2 milioni di euro a un imprenditore

Comando Provinciale Firenze I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze hanno eseguito una misura di prevenzione patrimoniale nei confronti di un imprenditore 55enne dell’empolese, di origini calabresi, attraverso il sequestro di beni immobiliari e mobiliari nonché di compagini societarie, per un valore di circa 2 milioni di euro. L’attività trae origine dall’operazione “Vello d’Oro”, condotta dal G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Firenze in collaborazione con il locale Reparto Operativo Nucleo Investigativo dell’Arma dei carabinieri, che, nel febbraio 2018, aveva portato all’arresto di 14 persone tra la Calabria e la Toscana, per reati che vanno dall’associazione per delinquere all’estorsione, dal sequestro di persona all’usura, dal riciclaggio all’abusiva attività finanziaria, dall’emissione di fatture per operazioni inesistenti al trasferimento fraudolento di valori, anche con l’aggravante del metodo mafioso. Nell’ambito dell’indagine era stato rico…

Corruzione al Comune di Casteldaccia

Con l’accusa di corruzione i Carabinieri della Compagnia di Bagheria hanno arrestato eseguendo un provvedimento del Gipo del Tribunale di Termini Imerese il sindaco di Casteldaccia, piccolo comune del palermitano, Giovanni Di Giacinto,
Read more at https://www.grandangoloagrigento.it/primo-piano/corruzione-al-comune-arrestati-sindaco-vice-sindaco-assessore-e-dirigente-vd#1vbGEKIwyqB6ig2O.99

Roma: imprenditori corrompevano funzionari pubblici, 9 arresti

Si è conclusa stamattina, con l'esecuzione di 9 misure cautelari, l’operazione Cassandra della Squadra mobile di Roma. La “Sezione anticorruzione” ha individuato, in collaborazione con l’Ufficio antifrode dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, i rapporti illeciti tra un gruppo imprenditoriale della Capitale e alcuni funzionari pubblici, nell’aggiudicazione degli appalti relativi alla gestione e ristrutturazione di immobili di proprietà del fondo di previdenza del ministero dell’Economia e delle Finanze. Per 2 imprenditori il Giudice per le indagini preliminari ha ritenuto necessaria la misura restrittiva del carcere gli altri indagati sono finiti agli arresti domiciliari. Le persone individuate dall’indagine sono responsabili a seconda del ruolo rivestito, di corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, turbata libertà degli incanti e truffa ai danni dello Stato, nonché di reati in materia di imposte sui redditi e sul valore…

Sequestrati/oscurati 98 siti web - Proponevano la vendita on line di prodotti contraffatti

Comando Provinciale Macerata Operazione della Compagnia di Macerata che, sotto la direzione del Procuratore della Repubblica di Macerata – Dott. Giovanni Giorgio, ha sottoposto a sequestro, “oscurandoli”, 98 siti web che commercializzavano on line prodotti contraffatti di abbigliamento ed accessori di noti marchi nazionali ed internazionali. Le indagini, hanno accertato che i gestori dei siti, avevano artatamente collocato all'estero gli indirizzi I.P. (Internet Protocol Address), nell'intento di sviare e rendere maggiormente difficoltosa l'attività di polizia giudiziaria. Nello specifico, i siti risultavano collocati in Germania, Francia, Danimarca, Stati Uniti, Panama, Cina e Gran Bretagna: negli stessi Paesi, erano allocati i server ospitanti le inserzioni di vendita dei prodotti. Enorme l’illecito giro d’affari stroncato, atteso che ogni sito, al suo interno, proponeva la vendita di prodotti di ogni tipo, acquistabili per diverse taglie e quantità, taluni di essi fino…

Operazione Assegni facili - Due usurai arrestati in flagranza

I Finanzieri del Comando Provinciale di Genova hanno tratto in arresto due persone, di nazionalità italiana, colte nell’atto di ritirare un assegno dalla propria vittima, alla quale avevano prestato del denaro applicando un tasso di interesse pari al 100% su base annua. Una terza persona è stata denunciata a piede libero per aver concorso nella medesima fattispecie criminosa. È questo l’esito di una articolata indagine operata dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Genova, coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo ligure e volta al contrasto del fenomeno dell’usura. Dall’attività investigativa, è emersa un’attività di concessione di prestiti a tassi usurari, perpetrata da un cittadino genovese, il 29enne R.F., dipendente di un’azienda privata. L’attività svolta dai Militari ha permesso di individuare ed identificare la vittima, un cittadino italiano 52enne che versando in difficoltà economiche e finanziarie e non potendo rivolgersi ai canali …

Operazione Mondo velato - Sequestrati beni del valore di quasi due milioni di euro

Comando Provinciale Ancona I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ancona, nell’ambito dell’operazione “MONDOVELATO”, hanno dato esecuzione nei giorni scorsi ad apposito provvedimento emesso dall’Ufficio Misure di Prevenzione del Tribunale di Ancona, ai sensi del c.d. Codice delle Misure di Prevenzione (D.Lgs. 159/2011), sottoponendo a sequestro immobili, siti nelle provincie di Macerata e di Fermo, e rapporti finanziari per un valore di circa 2 milioni di euro, nella disponibilità di un imprenditore di Fermo di 59 anni. L’esecuzione dell’ingente sequestro dei beni rappresenta l’epilogo della complessa e articolata attività investigativa svolta, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Ancona, dai militari del G.I.C.O. del predetto Nucleo che ha permesso di ricostruire gli asset patrimoniali e finanziari nella disponibilità, diretta e indiretta (tramite i suoi familiari e/o c.d. “teste di legno”), del soggetto, che si ritiene siano stati acquisiti con …

Centinaia di videoslot sequestrate in tutta italia

Comando Provinciale Torino Centinaia di sequestri in tutta Italia e perquisizioni congiunte in Piemonte, Calabria, Emilia Romagna e Toscana, cinque sono i soggetti indagati. L’operazione scaturisce dallo sviluppo di elementi emersi durante l’attività di controllo economico-finanziario del territorio, dal costante monitoraggio delle problematiche legate alla ludopatia attraverso il gioco illegale, anche a danno dei minori, nonché dallo sviluppo sinergico delle attività amministrative e di pubblica sicurezza svolte dalla Polizia di Stato di Roma, Torino e Vercelli e dalla Guardia di Finanza di Torino, nel corso di controlli in materia di apparecchi e congegni da intrattenimento e divertimento. In particolare, è stata disarticolata una rete criminale di produttori, gestori ed altri operatori del mondo del gioco d’azzardo, i quali avevano installato in tutta Italia centinaia di apparecchi del tutto simili a “slot machine”, pur essendo privi dei previsti titoli autorizzatori e del collega…