Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2017

STRAGI 93 - NOVITÀ

Immagine

17 ARRESTI - TRANI

Immagine

OPERAZIONE DIA BRESCIA

Immagine
DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. DI BRESCIA SEQUESTRA DUE IMMOBILI E UNA SOCIETA
IN PROVINCIA DI BERGAMO


La Direzione Investigativa Antimafia di Brescia ha proposto ed ottenuto il sequestro di beni immobili al 58enne R. G., originario della provincia di Vibo Valentia, condannato in via definitiva per diversi reati, commessi in un arco temporale che va dagli anni 70 sino ad oggi, tra i quali usura ed estorsione, nonché indiziato di appartenere alla criminalità organizzata di stampo ndranghetista.
Il provvedimento odierno è stato emesso dal Tribunale di Bergamo, in accoglimento della proposta per lapplicazione della misura di prevenzione patrimoniale avanzata dal Direttore della D.I.A., a seguito di articolate e complesse indagini patrimoniali effettuate in stretto coordinamento con la Procura Distrettuale della Repubblica di Brescia.
I beni sottoposti a sequestro ammontano ad un valore complessivo di oltre 160.000 euro e risultano costituiti da un appartame…

Compravendita di diamanti, clienti ingannati: 15 milioni di multa a banche e broker

Immagine

FIRENZE - Maxi furto alla sartoria Rossi

Immagine

FIRENZE- 3a CORSIA A1 - ASSOLTI

Immagine

OPERAZIONE ANTIDROGA - CC CASTELLO (FIRENZE)

Immagine

AVELLINO - PROSTITUZIONE MINORILE - ARRESTI

Immagine

LUMIA - Bagheria, azione sistematica contro Cosa nostra è risposta migliore

Immagine
Quest’azione sistematica contro Cosa nostra, che si riorganizza e che non abbandona mai l’idea di strutturarsi attraverso una commissione provinciale, è la migliore risposta che bisogna continuare a dare. I miei complimenti vanno alla Direzione distrettuale antimafia, al Tribunale e al Comando provinciale dei Carabinieri di Palermo per l’operazione “Nuova Alba” che ha portato all’arresto di 16 persone con l’accusa di associazione mafiosa ed estorsione. Il provvedimento di custodia cautelare riguarda Pietro Liga, Antonino Virruso, Francesco Speciale, Giacinto Di Salvo, Salvatore Zizzo, Vito Guagliardo, Damiano D’Ugo, Vincenzo Urso, Andrea Lombardo, Michele Modica, Giovan Battista Rizzo, Giovanni Trapani, Francesco Lombardo, Andrea Carbone e Nicola Marsala. Nomi vecchi e nuovi del potere mafioso nella provincia di Palermo. Nessun imprenditore ha denunciato i ricatti del pizzo. Da tempo sostengo che i fine pena sono un vero problema. Emblematica è la storia del boss di Bagheria Pino S…

DOPO 28 ANNI - RIAPERTURA CASO CALCIATORE BERGAMINI

Immagine

COME È IMPORTANTE IL FINE PENA MAI PER I MAFIOSI

Immagine
«Io non lo faccio, il padre sei tu e lo fai tu… io non faccio niente… mi devo consumare io? Consumati tu, io ho trent’anni, non mi consumo».

Palermo, il boss ordina l'omicidio della figlia. “Ha una relazione con un carabiniere”

Immagine

BAGHERIA - COSA NOSTRA - 16 ARRESTI

Immagine

GIOVANNI SPAMPINATO - RICORDO

Immagine

CLAN CONTINI - ARRESTO

Immagine

OSTIA - CASSAZIONE - NUOVO PROCESSO PER MAFIA - FASCIANI

Immagine

UNA PIATTAFORMA UNICA NEL PANORAMA DELL’ANTIMAFIA-TERRORISMO

Immagine

Dal genero di Riina subdolo tentativo di mistificazione della realtà DI GIUSEPPE LUMIA

Immagine
Ci mancava solo questo: adesso dobbiamo fare la ‘colletta’ per il genero di Riina, Tony Ciavarello. I tempi cambiano e la mafia muta strategia. Il figlio di Riina va in tv ad ostentare forza e sicurezza. Ciavarello fa addirittura un post su Facebook per chiedere prestiti, asserendo di avere difficoltà economiche ma pronto a restituirli e pensate un po’ a fare beneficenza. A Corleone ritorna in libertà, per fine pena, Giovanni Grizzafi, denominato il “messia” con il compito di rilanciare la famiglia mafiosa di Riina. Insomma, siamo di fronte ad un misto di arroganza, agire sfrontato e senza rossore, ma anche ad un subdolo tentativo di mistificazione della realtà diretto a suscitare quasi quasi dei sensi di colpa all’antimafia, fatta, secondo i boss, di persone feroci, senza cuore, che affamano i mafiosi e che rovinano la ‘loro’ economia. Attenzione, perché questo gioco apparentemente sembra una buffonata, sotto sotto è un gioco sottile a cui non va dato spazio. È risaputo che col fu…

CLAN CAPPELLO - SEQUESTRO DA 1 MILIONE E MEZZO

Immagine

SIGLATO UN PROTOCOLLO DINTESA TRA LA D.N.A.A. E LA D.I.A. IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO

Immagine
DIREZIONE NAZIONALE
ANTIMAFIA E ANTITERRORISMO

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA



COMUNICATO STAMPA

SIGLATO UN PROTOCOLLO DINTESA TRA LA D.N.A.A. E LA D.I.A.
IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO

Consolidare e garantire un ulteriore salto di qualità dellefficacia del sistema di prevenzione e contrasto al riciclaggio.

È questo lobiettivo del protocollo dintesa siglato ieri tra il Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, dott. Franco Roberti, e il Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, Generale di Brigata dei Carabinieri Giuseppe Governale.

Con il citato documento, infatti, da un lato si assicura uno scambio di informazioni più tempestivo e puntuale, favorendo il coordinamento investigativo e il potere dimpulso proprio del P.N.A.A., dallaltro si favorisce la concentrazione delle risorse investigative della D.I.A. verso contesti attinenti alla criminalità organizzata.

Liniziativa, che consegue dalle previsioni del Protocollo stipulato in data 5 ottobre 2017 tra la Direzione …

Catania: si ferma per soccorrere due giovani, loro la rapinano e tentano di violentarla - Per paura non denuncia

Immagine

LA 'NDRANGHETA IN EMILIA ROMAGNA - MUTAZIONE RISPETTO AD ORIGINE

Immagine

TARANTO - 43 CONDANNE

Immagine

JESSICA GENINATTI INTERVISTA SALVATORE CALLERI PRESIDENTE FONDAZIONE ANTONINO CAPONNETTO

Immagine
COSA E' LA MAFIA?
Antonino Caponnetto nella Sua ultima intervista a Massimo Del Papa definì nel 2002 la mafia così: "era ed è ancora l'organizzazione criminale più pericolosa e spietata che ci sia".
La mafia oggi è un qualcosa che si è evoluto come una sorta di virus mutante, in grado di sparare quando serve, ma mirante a portare avante i propri interessi.
La mafia nasce in territori ricchi e li rende poveri sfruttandoli.

COME E' CAMBIATO NEL CORSO DEL TEMPO IL RUOLO DELLA DONNA NELLE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI MAFIOSE?
Man mano che il ruolo della donna cambia nella società normale... Cambia pure in quella mafiosa. Se ieri le donne erano in primis solo mogli, amanti e madri dei mafiosi oggi spesso addivengono a ruoli sempre più importanti all'interno dei clan ... Questo fatto essendo le donne molto più raffinate e capaci dell'uomo deve farci aggiornare i criteri di lotta alla mafia.

IL RUOLO EDUCATIVO DELLA MADRE E' IMPORTANTE NELLA FORMAZIONE DI UN PER…

MESSICO - NARCOS - 68 OMICIDI AL GIORNO

Immagine

FURTI- FIRENZE

Immagine

FRONTE DEM - POSIZIONI CONTRO LA MAFIA

Immagine

LIDL - REVOCATA AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA

Immagine

PORTO GENOVA - 8 MISURE - CONTAINER RADIOATTIVI

Immagine

DIA - OPERAZIONE PROVINCIA MESSINA - SEQUESTRO SMIRIGLIA

Immagine
Direzione Investigativa antimafiaProcura della Repubblica
Sezione Operativa Messina Presso il Tribunale di  Messina
- Direzione Distrettuale Antimafia -

COMUNICATO STAMPA

MESSINA:Altro sequestro della D.I.A. nei confronti dellimprenditore SMIRIGLIA Antonino, vicino alla consorteria mafiosa denominata famiglia di Mistretta”.

Il personale della D.I.A. di Messina, supportati dal Centro Operativo di Catania, a conclusione di ulteriori approfondimenti investigativi - conseguenti ad un analogo provvedimento, eseguito nellestate scorsa, su proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale a firma del direttore della D.I.A. - in piena sinergia con la Direzione Distrettuale Antimafia di Messina guidata dal dr. Maurizio DE LUCIA, sta procedendo al sequestro di un ulteriore patrimonio nella disponibilità di SMIRIGLIA Antonino, di SantAgata di Militello (ME), noto imprenditore legato alla famiglia mafiosa di Mistretta, il cui esponente di vertice era lormai deceduto RAMPULL…

DIA MESSINA - CATANIA - OPERAZIONE IN CORSO

Immagine
Direzione Investigativa antimafiaProcura della Repubblica
Sezione Operativa Messina Presso il Tribunale di  Messina
- Direzione Distrettuale Antimafia -

COMUNICATO STAMPA

MESSINA:Sequestro della D.I.A. nei confronti di noto imprenditore operante nella fascia tirrenica della provincia peloritana


Dalle prime ore del mattino, il personale della D.I.A. di Messina, supportato dal Centro Operativo di Catania - su disposizione del Tribunale Misure di Prevenzione di Messina e in piena sinergia con la Direzione Distrettuale Antimafia guidata dal dr. Maurizio DE LUCIA - sta apponendo i sigilli al patrimonio individuato nella disponibilità di un noto imprenditore operante nel contesto delle forniture di inerti, e sospettato di contiguità con la criminalità organizzata  insistente nella fascia tirrenica della provincia di Messina.
I particolari dell’operazione – la cui esecuzione è tuttora in corso ed interessa anche una società di capitali - verranno dettagliati con un successivo comunicato stampa…

ALTOPASCIO NEWS

Immagine

FOLLONICA NEWS

Immagine

CORRUZIONE- INDAGATO GIUDICE - CONSIGLIO DI STATO

Immagine

SUCCESSO INIZIATIVA SIENA - ODG FONDAZIONE CAPONNETTO

Immagine

CAVA PATERNO - NEWS

Immagine

RIFIUTI- 12 ARRESTI IN PUGLIA - 2 SINDACI

Immagine

PACHINO NEWS

Immagine

TORINO - UCCISO ALBANESE

Immagine

INTERROGAZIONE SEN LUMIA SU CLAN MUTO

Immagine
ePub Versione per la stampa Mostra rif. normativi Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-08205 Atto n. 4-08205 Pubblicato il 10 ottobre 2017, nella seduta n. 893 LUMIA - Ai Ministri dell'interno, della giustizia, dello sviluppo economico e delle politiche agricole alimentari e forestali. - Premesso che, a quanto risulta all'interrogante: il boss Franco Muto, conosciuto come "re del pesce", agisce da decenni a Cetraro (Cosenza), ed è a capo di una conosciuta famiglia mafiosa calabrese, legata ad affari illeciti nel settore turistico, in quello ittico e nel traffico di droga (cocaina, marijuana ed eroina); è ritenuto il mandante dell'omicidio di Giannino Losardo, ucciso il 21 giugno 1980, consigliere comunale del Partito comunista di Cetraro, attivista antimafia, nonostante sia stato assolto in primo e secondo grado e la sentenza sia passata in giudicato; negli anni '90, quando alcune cosche della Locride cominciarono ad occuparsi dello smaltimento…

LIBRINO - 2 ARRESTI

Immagine

'NDRANGHETA - UN ARRESTO

Immagine

YAKUZA - UN FERITO

Immagine

YAKUZA - ARRESTI PER RIDUZIONE SCHIAVITÙ

Immagine

CATANIA - AGGUATO IN UN BAR

Immagine

ACATE (RAGUSA) - CONTROLLI ANTICAPORALATO

Immagine
Comando Provinciale Carabinieri
Comunicato Stampa

ACATE.CONTROLLI DEI CARABINIERI SUL “CAPORALATO” NELLE CAMPAGNE: DENUNCIATI 2 IMPRENDTORI.



Proseguono i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ragusa finalizzati al monitoraggio ed al contrasto del fenomeno del “caporalato”, particolarmente diffuso nell’ambito del settore agricolo.
Nello specifico, i Carabinieri della Compagnia congiuntamente a quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Ragusa hanno ispezionato numerose aziende agricole ricadenti nel territorio del comune di Acate.
La delicata attività posta in essere ha permesso di individuare un’azienda agricola, sita in Contrada Dirillo, all’interno della quale è stato sorpreso un bracciante agricolo di origine rumena  sottoposto a condizioni lavorative di sfruttamento. All’uomo, infatti, fin dalla metà del 2015 per una giornata lavorativa di 9 ore veniva corrisposta una retribuzione giornaliera di euro 25, inferiore ai minimali previsti per legge. Inoltre, è stata al…

OPERAZIONE ANTI CAMORRA - NAPOLI - CATANIA - ANCONA

Immagine

CAMORRA - 2 FERITI

Immagine