Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2015

ACCADE A FIRENZE.. RUBANO LE RUOTE

Immagine

MAFIA A RIMINI - ESTRATTO REPORT 2015

Immagine
FOCUS SU RIMINI
ESTRATTO RAPPORTO SULLA MAFIA A RIMINI
Nel territorio della provincia di Rimini sono attivi i Vrenna-Bonaventura. L'organizzazione 'ndranghetista opera anche attraverso gli alleati Masellis - Lentini, nel controllo del gioco d’azzardo, l’usura, le estorsioni e il traffico di sostanze stupefacenti. Sono presenti anche i Pompeo di Capo Rizzuto, gli Ursino di Gioiosa Jonica (RC) e i Muto. E’ molto forte e radicata la presenza della camorra con i clan D’Alessandro, Di Martino - Afeltra, Vallefuoco di Brusciano (NA), Mariniello di Acerra (NA) e dei casalesi. Sono presenti soggetti della sacra corona unita e anche del clan mafioso catanese dei Laudani. Nel rapporto del 2012 abbiamo messo in evidenza la denuncia lanciata dagli albergatori, che avevano evidenziato il rischio di possibili acquisizioni di strutture ricettive e della balneazione da parte la mafia, a causa della crisi che ha investito il settore turistico. La conferma a quanto paventato dagli addetti al sett…

'NDRANGHETA IN BRIANZA: 9 ARRESTI

Immagine

VERTICE ANTIMAFIA NEWS 4

Immagine

VERTICE ANTIMAFIA NEWS 3

Immagine

ARRESTATO IN RUSSIA PERSONA ACCUSATA DI FAR PARTE DEI FALCIANI DI OSTIA

Immagine

PREMIO SCOMODO 2015 - AD INCHIESTA TERRE DI TUTTI DI INDISCRETO SICILIA DI MASSIMO SCUDERI

Immagine
L'inchiesta di terre di tutti è veramente scomoda. Ha messo in risalto la mafia tortoriciana che leva i terreni ai cittadini. Per questo al 21° Vertice Nazionale Antimafia la Fondazione Caponnetto ha dato il Premio Scomodo 2015 a Massimo Scuderi per l'inchiesta di I
ndiscreto Sicilia.

PREMIO SCOMODO 2015 - INCHIOSTRO SCOMODO

Immagine
Inchiostro scomodo scrive cose scomode. Per questo la Fondazione Caponnetto al 21° Vertice Nazionale Antimafia ha premiato inchiostro scomodo.

PREMIO SCOMODO 2015 - ELENA GIORDANO

Immagine
La giornalista Elena Giordano appartiene alla generazione di giornalisti che prima di scrivere verificano e non si fanno trascinare dalle bufale web. Dote sempre più rara. Questo l'ha portata ad essere scomoda ed a non seguire i cliché. Per questo al 21° Vertice Nazionale Antimafia la Fondazione Caponnetto le ha dato il Premio Scomodo 2015.

PREMIO SBIRRO 2015 - GIORGIO GIOMBETTI

Immagine
Il colonnello Giorgio Giombetti crede nella cultura della legalità a 360 gradi sia se si tratta di parlare agli studenti che ai suoi uomini della Gdf. Per questo la Fondazione Caponnetto al Vertice Nazionale Antimafia gli ha dato il Premio Sbirro 2015.

PREMIO SBIRRO 2015 - NINO CIAVOLA

Immagine
Il commissario Nino Ciavola ha un merito: non sottovalutare la presenza mafiosa nel territorio in cui opera, a Ragusa. Per questo al 21° Vertice Nazionale Antimafia la Fondazione Caponnetto gli ha dato il Premio Sbirro 2015.


PREMIO SBIRRO 2015 - PEPPE VITALE

Immagine
Peppe Vitale ha fatto tutto in polizia. Dalla digos, alla dia, alle volanti ed alle scorte. Uomo vicino a Caponnetto e persona per bene. Per questo la Fondazione Caponnetto lo ha premiato al 21° Vertice antimafia con il premio sbirro 2015.


VERTICE ANTIMAFIA NEWS 2

Immagine

MAFIA IN UMBRIA

Immagine

ANAS, DAMA NERA ED 'NDRANGHETA

Immagine

VERTICE ANTIMAFIA NEWS

Immagine

DIA NAPOLI -BOLOGNA: SEQUESTRO AI CASALESI A RIMINI E RICCIONE

Immagine
DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA COMUNICATO STAMPA LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER UN VALORE DI OLTRE CINQUE MILIONI DI EURO AL CLAN DEI CASALESI Nella mattinata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Napoli, congiuntamente alla Sezione Operativa D.I.A. di Bologna, ha dato esecuzione al provvedimento di sequestro dei beni emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere - Sezione per l’applicazione delle Misure di Prevenzione - nei confronti di PELLICCIONI Flavio, imprenditore cinquantanovenne riminese. Nel mese di dicembre 2011, PELLICCIONI Flavio venne tratto in arresto dal C.O. D.I.A. di Napoli in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli nei confronti di 57 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo camorristico, estorsione, turbativa delle operazioni di voto mediante corruzioni e/o concussioni elettorali, truffa ai danni dello stato, abuso d’ufficio, falso in atto pubblico, riciclaggi…

PIROMALLI: 4 ARRESTI

Immagine

'NDRANGHETA TORINESE RIORGANIZZATA

Immagine

SIGILLATA LA NAVE CON L'ESPLOSIVO DELLA 'NDRANGHETA

Immagine

DIA CATANIA: SEQUESTRA BENI IN VENETO

Immagine

COMUNICATO DIA CATANIA

Immagine
DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA COMUNICATO STAMPA CATANIA: LA D.I.A. CONFISCA IL PATRIMONIO DI UN IMPRENDITORE VICINO AL CLAN MAFIOSO “SANTAPAOLA” PER UN VALORE DI CIRCA 7 MILIONI DI EURO Dalle prime ore della mattinata odierna personale della Direzione Investigativa Antimafia di Catania sta eseguendo il decreto di confisca beni, emesso dal Tribunale di Catania in accoglimento di una proposta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di FARO Giuseppe, di 58 anni, noto imprenditore pluripregiudicato a capo di attività operanti nei settori dell’edilizia e del movimento terra, ritenuto vicino all’organizzazione mafiosa facente capo al clan “LA ROCCA”, affiliata alla famiglia mafiosa “SANTAPAOLA” di Catania, di cui è rappresentante nel territorio di Caltagirone. Le indagini di natura economico-finanziaria svolte dalla predetta articolazione D.I.A., riguardanti il periodo compreso tra il 1992 ed il 2011, finalizzate a rilevare la capacità reddituale del FARO e dei …

DIA CATANIA CONFISCA A SANTAPAOLA

Immagine
DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA COMUNICATO STAMPA CATANIA: LA D.I.A. CONFISCA IL PATRIMONIO DI UN IMPRENDITORE VICINO AL CLAN MAFIOSO “SANTAPAOLA” PER UN VALORE DI CIRCA 7 MILIONI DI EURO Dalle prime ore della mattinata odierna personale della Direzione Investigativa Antimafia di Catania sta eseguendo, nella locale provincia e in Veneto, un decreto di confisca di beni nei confronti di FARO Giuseppe, di anni 58, noto imprenditore a capo di attività operanti nei settori dell'edilizia e del movimento terra, vicino all'organizzazione mafiosa facente capo al clan La Rocca, affiliata alla famiglia mafiosa "SANTAPAOLA" di Catania. Tra i beni sottoposti a confisca figurano quote societarie, aziende, terreni, appartamenti, garage, automezzi e numerose disponibilità bancarie e postali per un valore complessivo di circa 7 milioni di euro. I dettagli dell’operazione verranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alla presenza del Procuratore di Catania…

CONDANNATA LA MAFIA DI PORTA NUOVA

Immagine

SPARATORIA A ROMA: UN MORTO

Immagine

RAPINA IN FRANCIA CON OSTAGGI: INTERVENGONO TESTE DI CUOIO

Immagine

CATANIA: 8 ARRESTI PER PIZZO

Immagine

NOVARA: 46 ARRESTI TRA LE GANG SUDAMERICANE

Immagine

CAMORRA: 5 ARRESTI NEL SALERNITANO

Immagine

NAPOLI: OPERAIO TUNISINO UCCISO A COLPI D'ARMA DA FUOCO

Immagine

21mo VERTICE ANTIMAFIA AL BIGALLO

Immagine

TRAFFICO RIFIUTI DALLA CALABRIA VS VERONA

Immagine

VITERBO: 6 ARRESTI TRA I RAPINATORI DI BANCHE

Immagine

CLAN CAPPELLO A CATANIA: 37 ARRESTI PER DROGA, AMBULANZE ED ONORANZE FUNEBRI

Immagine

CLAN SANTAPAOLA: 8 ARRESTI

Immagine

OPERAZIONE DIA LECCE

Immagine
DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA COMUNICATO STAMPA AGGRESSIONE AI PATRIMONI MAFIOSI. CONFISCA DEFINITIVA DI BENI PER 650.000,00 EURO A RUSSO FRANCESCO La Direzione Investigativa Antimafia di Lecce ha eseguito una confisca di beni mobili ed immobili riconducibili a Russo Francesco, 63enne di Nardò (LE), già condannato per tentata estorsione, rapina, sequestro di persona e porto illegale di armi da fuoco. Tra le varie vicende giudiziarie in cui è rimasto coinvolto, spicca l’operazione “CANASTA” del 2010, nell’ambito della quale il Russo è stato arrestato per il reato di estorsione in concorso. L’odierno provvedimento di confisca, divenuto irrevocabile in data 20 ottobre 2015, scaturisce dal sequestro eseguito nel 2013 a seguito di una proposta di applicazione di misura di prevenzione avanzata dal Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, a conclusione di articolate indagini patrimoniali svolte dalla Sezione Operativa della D.I.A. di Lecce. I beni acquisiti al patrimonio …

22 ARRESTI PER DROGA A SIRACUSA

Immagine

GELA: 22 ARRESTI. IMPRENDITORI SI RIBELLANO A MAFIA

Immagine
07:05 24 NOV 2015 (AGI) - Caltanissetta, 24 nov. - Smantellata una cosca mafiosa specializzata nelle estorsioni e nel traffico di sostanze stupefacenti in provincia di Caltanissetta. La Squadra mobile ha eseguito a Gela ventidue misure di custodia cautelare, diciotto in carcere e quattro ai domiciliari. Colpiti personaggi di spicco appartenenti ai clan di Cosa nostra Rinzivillo ed Emmanuello. Arrestato anche il nuovo reggente di Gela e decapitati i vertici della cosca. Gli indagati, sono accusati a vario titolo, di associazione mafiosa, aggravata dall'uso delle armi, finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e alle estorsioni. L'operazione, denominata "Redivivi", ha consentito agli inquirenti, di ricostruire i nuovi assetti della mafia gelese. Nonche' i suoi affari, realizzati anche grazie ad alleanze che superavano i confini provinciali e persino dell'organizzazione. Il gruppo criminale, infatti, ha messo in piedi un fiorente traffico di stupefacent…

TRAFFICO D'ARMI: POLIZIOTTO UCCISO IN FRANCIA A TOLONE

Immagine

RAGUSA NON È UNA PROVINCIA BABBA

Immagine

CATANIA: ARRESTATO CORRIERE

Immagine

I MUTO RE DEL PESCE?

Immagine

GRANDE OPERAZIONE ANTIMAFIA A MONTREAL

Immagine

ZAINO CON PISTOLE A ROMA

Immagine

REGOLAMENTO DI CONTI A MARSIGLIA

Immagine

TRE MEMBRI YAKUZA ARRESTATI

Immagine

DIA LECCE: CONFISCA DA 14 MILIONI

Immagine

CASALESI: ARRESTATO REGGENTE ZAGARIA

Immagine

REPORT 2015 SU SAN MARINO - RIMINI

Immagine
RAPPORTO SULLE INFILTRAZIONI CRIMINALI 
ORGANIZZATE 2015 SAN MARINO
FOCUS SU RIMINI





INDICE
PREMESSA
IMPORTANZA GEOPOLITICA DEL TITANO
COME AFFRONTARE IL FENOMENO DELLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA
ELENCO OPERAZIONI CHE IN MODO DIRETTO OD INDIRETTO HANNO RIGUARDATO SAN MARINO
ANALISI DI COME VIENE VISTA ALL'ESTERO SU TALI TEMATICHE LA REPUBBLICA DI SAN MARINO
CONCLUSIONI
FOCUS SU RIMINI


PREMESSA
Il rapporto analitico sulla presenza mafiosa nella regione geografica della Romagna, in parte italiana ed in parte sammarinese, serve a creare gli anticorpi della società pulsante che vive in un territorio. Le organizzazioni criminali sono oramai delle realtà estremamente diffuse sul territorio internazionale che si muovono come delle moderne società commerciali prive di scrupoli in grado di movimentare immensi capitali. I settori merceologici di tali organizzazioni sono i più vari e partono dai tradizionali traffici di droga e di armi per arrivare alle tratte di migranti, al traffico di rifiuti senza d…