Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2015

ROMA COME NAPOLI? FOLLA FA LIBERARE PUSHER

SAETTA: SEQUESTRO DA 6 MILIONI A LUCCA

CONFISCA DA 52 MILIONI A CLAN BARLETTA

GUERRIGLIA TRA PUSHER E CC A ROMA

CRIMINALITÀ RUMENA A VICENZA: ARRESTI

LA SIENA BETTOLLE ED I RIFIUTI

VIBO: ARRESTATO LATITANTE

ASSE NARCOS TRA COLOMBIA TOSCANA E MALA DEL BRENTA

COMUNICATO DIA CATANZARO

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA Sezione Operativa di Catanzaro COMUNICATO STAMPA LA D.I.A. DI CATANZARO SEQUESTRA 80 MILIONI DI EURO ALL’IMPRENDITORE VIBONESE ANTONINO CASTAGNA ORGANICO AL CLAN MANCUSO DI LIMBADI Nelle prime ore di questa mattina, gli uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro hanno eseguito un decreto di sequestro del patrimonio riconducibile al sessantaquattrenne Antonino CASTAGNA, noto imprenditore di Jonadi (VV), particolarmente attivo nel fiorente comparto delle costruzioni metalmeccaniche per industrie petrolchimiche, farmaceutiche ed alimentari anche estere, da ultimo tratto in arresto nell’ambito dell’operazione “Black Money”, per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso (art. 416 bis c.p.). Il provvedimento, disposto dal Tribunale di Vibo Valentia - Sezione Misure di Prevenzione, presieduto dal dr. Cardona, su proposta del Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, Gen. D. Nunzio Antonio FERLA, è scaturito dagli…

PROGRAMMA RIABILITAZIONE PER EX YAKUZA

LA MAFIA IN VENETO C'È

DIA CATANZARO: SEQUESTRO DA 80 MILIONI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA Sezione Operativa di Catanzaro COMUNICATO STAMPA ‘NDRANGHETA: LA D.I.A. DI CATANZARO SEQUESTRA BENI NEL VIBONESE PER OTTANTA MILIONI DI EURO E’ in corso, dalle prime ore di questa mattina, una vasta operazione della Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro, finalizzata al sequestro di beni, per un valore di 80 milioni di euro, riconducibili all’imprenditore vibonese Antonino CASTAGNA (cl. 50), ritenuto organico alla cosca “MANCUSO”, operante in Limbadi (VV). Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Vibo Valentia, su proposta del Direttore della D.I.A., a seguito di complessi accertamenti patrimoniali effettuati, ex Dlgs. n. 159/11 (Codice Antimafia), dagli uomini della Sezione Operativa D.I.A. di Catanzaro. I dettagli dell’operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che avrà luogo, alle ore 11:00, presso la sede della Sezione Operativa D.I.A. di Catanzaro, via G. da Fiore n. 124, alla presenza del Procuratore D…

LA TOSCANA OSSERVATA DALLA STAMPA ESTERA

Non solo Roma, anche la Toscana è sotto la lente d’ingrandimento della stampa estera Renato Scalia | 29 lug 2015 L’Italia impallinata dai quotidiani internazionali. Gli argomenti sono i soliti, quelli che attanagliano il nostro Paese da tempo immemore: degrado, corruzione, mafia e traffico di rifiuti. Dopo il New York Times anche il quotidiano francese Le Monde si è occupato di “Roma, la degradata“. Con il reportage del 21 luglio scorso, nel nostro piccolo, abbiamo cercato di mettere a fuoco lo stato di completo abbandono in cui versano le periferie della Capitale. Il quadro che ne è uscito è veramente desolante. E’ una città devastata dal crimine organizzato e da una classe politica di collusi. Appena fuori dal centro, sembra di vivere un’odissea in una Roma sudicia come non mai, penetrata dal germe mafioso (http://www.laspeziaoggi.it/news/2015/07/testimoni-cronisti-del-degrado-fra-termini-e-le-periferie-dellurbe/). Oggi un altro quotidiano, questa volta tedesco, il Südwest Presse,…

SUD PONTINO NARCOS: OPERAZIONE SUN RAY

EXPO 2015: ANNULLATO PROVVEDIMENTO INTERDIZIONE

GDF SEQUESTRA PORTO DI OSTIA

A PROCESSO IDEATORE ECOMAFIA

A PROCESSO L’IDEATORE DELL’ECOMAFIA IL DISINTERESSE È GENERALE. RENATO SCALIA | 28 LUG 2015 NAPOLI – E’ riuscito a riempire di denaro, come non mai, i forzieri del clan dei casalesi. Con la sua funesta intuizione ha devastato e avvelenato ampi territori, trasformandoli in terre dei fuochi. I suoi sporchi affari hanno falcidiato intere famiglie e segnato indelebilmente il destino del nostro Paese. Un disastro ambientale che ha seminato morte e continuerà a farlo sino alla fine del secolo. Tuttavia, solo in pochi conoscono le generalità del mostro che è considerato responsabile di questo flagello. Eppure in questi giorni, nella più totale indifferenza, si sta celebrando il processo proprio contro di lui, l’avvocato e imprenditore Cipriano Chianese, inventore dell’ecomafia. E’ stupefacente come un evento così rilevante sia stato completamente ottenebrato da intercettazioni fantasma e mobilitazioni di massa contro poveri migranti. Nell’aula della V Sezione della Corte di Assise del Tribu…

IN GERMANIA SI PARLA DEL CASO DEI RIFIUTI DELLA CAMORRA IN TOSCANA

RICICLAGGIO IN PROVINCIA DI RAGUSA

ASSE ROMA / PRATO PER IL FALSO CINESE

Smantellata consorteria cinese del falso Made in Italy Comando Provinciale Roma - 28 luglio 2015 ore 12:00 Video Dalle prime ore di questa mattina le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Roma, al termine di una complessa indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, stanno sequestrando un ingente quantitativo di beni - tra cui quote societarie, compendi aziendali, immobili, autovetture di lusso e disponibilità finanziarie - nella disponibilità di 35 imprenditori cinesi, tutti operanti all'interno del noto sito commerciale "Commercity", ubicato in zona Portuense. Le investigazioni traggono origine dal censimento delle aziende operanti nel settore c.d. "pronto moda" presenti nell'area di "Commercity", che aveva fatto emergere una massiccia presenza di attività di proprietà e/o comunque amministrate da cinesi pari ad oltre il 50% del totale degli operatori attivi nel sito. Nonostante la forte incidenza, il volume d'affari genera…

UOMO VICINO AI RIZZUTO (?) INDAGATO IN ISRAELE

OPERAZIONE DIA NAPOLI

Direzione Investigativa Antimafia Centro Operativo di Napoli CLAN DEI CASALESI: LA DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA SEQUESTRA BENI DEL VALORE DI CIRCA 11 MILIONI DI EURO. La Direzione Investigativa Antimafia di Napoli, sta ultimando l’esecuzione di un decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (CE) - Sez. Misure di Prevenzione nei confronti dell’imprenditore aversano 70 enne GRASSIA Francesco. Il Tribunale sammaritano ha emesso il provvedimento accogliendo una proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione personale e patrimoniale formulata dal Direttore della D.I.A.. GRASSIA Francesco, imprenditore edile aversano, nel giugno del 2000 fu tratto in arresto in esecuzione di O.C.C. in carcere, perché appartenente all’associazione per delinquere di tipo camorristico unitamente a ZAGARIA Vincenzo, BIONDINO Francesco e DE SIMONE Dario, operante nell’agro aversano. GRASSIA nell’ambito del citato sodalizio aveva il compito di fornire continuo app…

RIFERIMENTI: LONGA MANUS SUI BENI CONFISCATI

Mafia: Riferimenti, su beni confiscati c'è "longa manus" Gestiti da'oligarchie e associazionismo misto a polita e affari' (ANSA) - CATANZARO, 20 LUG - "Quanti hanno richiesto invano la disponibilita' di un bene confiscato alla criminalita' organizzata? Tanti. Proprio giorni fa mi e' capitato di interloquire con un'associazione di ragazzi disabili. Associazione fuori dal giro delle scatole cinesi e quindi fuori dal potere e quindi, come tante, senza sede. Perche' non ci interroghiamo sulla 'longa manus' esistente sui beni confiscati e i relativi affari di un'oligarchia privilegiata che gestisce potere in nome di una presunta antimafia e di una solidarieta' sociale beffata?". Lo afferma, in una nota, Adriana Musella, presidente del Coordinamento antimafia Riferimenti. "Per me e per tanti altri come me - aggiunge - l'antimafia e' stata un sentimento, un qualcosa di intrinseco, ormai, al nostro Dna, un m…

APPALTI POST TERREMOTO ABRUZZO: ARRESTI

LE TRIADI A NAPOLI?

MESSICO: TROVATE 60 FOSSE COMUNI

YAKUZA: TRAFFICO DI DROGA DENTRO IL PESCE DA TAIWAN

YAKUZA OGGI

TRAFFICO DI ORGANO DI UN SENZATETTO: 2 YAKUZA INCRIMINATI

POLIZIA FORESTALE DI FIRENZE SVENTA TRAFFICO DI CANI

PRESENZE DELLA 'NDRANGHETA A MASSA CARRARA

PAVIA: MAXI SEQUESTRO DI VINO

LE FRODI DELLA CAMORRA PASSANO ANCHE PER JERSEY, SVIZZERA E SAN MARINO

COSA NOSTRA: SEQUESTRO AD ACIREALE

MAFIA CAPITALE: ARRESTI A SANTO DOMINGO

RECENSIONE L'AQUILA E LA PIOVRA DI PALAGONIA

L’AQUILA E LA PIOVRA, UN POLIZIOTTO ITALIANO IN MISSIONE IN ALBANIA RENATO SCALIA | 22 LUG 2015 Nell’intervista pubblicata la primavera scorsa (Intervista a Gianni Palagonia, poliziotto-scrittore), avevamo preannunciato l’uscita dell’ultimo libro Gianni Palagonia, “L’aquila e la piovra – Un poliziotto italiano in missione in Albania“. E’ incredibilmente diverso leggere un libro scritto da un amico. Si provano sensazioni nuove, mai sperimentate prima. In certi momenti, sembra di avere Gianni Palagonia seduto accanto te. Appare all’improvviso anche il suo volto. L’immagine è talmente nitida che i lineamenti sono ben definiti. Senti anche la sua voce, le sue battute in dialetto siciliano, condite dall’affabile sorriso. Non è l’effetto di qualche sostanza particolare, sei solo rapito da questo avvincente racconto. Quando ti rendi conto di tenere in mano solo il suo libro, comprendi bene quanto siano efficaci le capacità descrittive e di narrazione del poliziotto-scrittore. Con questo ro…

OPERAZIONE DIA LECCE

Direzione Investigativa Antimafia Sezione Operativa di Lecce Via Del Delfino n. 7 - 73100 Lecce - Tel. 0832*247711- P.E.C. dia.lecce.le@pecps.interno.it COMUNICATO STAMPA SEQUESTRO DI BENI PER 600.000 € NEI CONFRONTI DEL PREGIUDICATO PUTIGNANO PASQUALE DI PALAGIANO (TA). lA SEZIONE OPERATIVA DELLA Direzione Investigativa Antimafia di Lecce, in esecuzione di una misura di prevenzione di carattere patrimoniale, EMESSA DAL TRIBUNALE DI TARANTO su proposta del direttore della D.I.A., nunzio antonio ferla, sta procedendo, in provincia di taranto, al sequestro di numerosi beni MOBILI ED immobili riconducibili aL SESSANTASEIENNE PUTIGNANO PASQUALE, NOTO pregiudicato di PALAGIANO (ta), GIà condannato PER ASSOCIAZIONE DI STAMPO MAFIOSO FINALIZZATA, TRA L’ALTRO, ALL’ESTORSIONE. IN PARTICOLARE, LO STESSO, VERSO LA FINE DEGLI ANNI NOVANTA, AVEVA RIVOLTO LA PROPRIA ATTIVITÀ al conseguimento del MONOPOLIO DEL TRASPORTO SU STRADA DELLA MERCE PRODOTTA DA ALCUNE AZIENDE AGRICOLE TARANTINE…

CLAN GIONTA: ARRESTATA BOSS

CLAN MAFIOSI AD ACILIA (VICINO OSTIA): 9 ARRESTI

CONFISCA DIA CATANIA

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA Centro Operativo di Catania COMUNICATO STAMPA BREVE CATANIA: La D.I.A. confisca beni alla famiglia VACANTE per un valore di 2 milioni di euro La Direzione Investigativa Antimafia di Catania sta eseguendo un Decreto di confisca di beni, a Catania e provincia, nei confronti di Roberto VACANTE, più volte condannato in via definitiva per il reato di associazione mafiosa, poiché ritenuto elemento di spicco del clan “SANTAPAOLA”, ad esso legato da vincoli di parentela. Tra i beni sottoposti a sequestro figurano un’impresa di gestione di impianti sportivi, tra i quali diversi campi di calcio in pieno centro, due ville ubicate tra Catania e Tremestieri Etneo, nonché conti correnti bancari, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro. Alle ore 10,30 odierne, presso la locale Procura della Repubblica, si terrà una conferenza stampa. Catania, 22 luglio 2015

SCOMMESSE ON LINE DELLA 'NDRANGHETA: 41 ARRESTI E SEQUESTRO DA 2 MILIARDI

OPERAZIONE DIA TORINO

COMUNICATO STAMPA RICICLAGGIO DI DENARO DELLA ’NDRANGHETA A TORINO: LA D.I.A. ARRESTA 4 PERSONE E SEQUESTRA BENI PER 5 MILIONI Il Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia di Torino ha dato esecuzione, stamane, a quattro ordinanze di custodia cautelare nei confronti di un pregiudicato, due imprenditori ed un noto professionista torinese, sequestrando preventivamente beni mobili, immobili, aziende e quote societarie, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro. Sono state, inoltre effettuate n.30 perquisizioni domiciliari in Piemonte, Lombardia, Liguria, Lazio e Calabria. Gli arrestati sono accusati di riciclaggio aggravato dall’aver agevolato un’organizzazione di tipo mafioso, bancarotta fraudolenta, falso in bilancio, trasferimento fraudolento di valori ed emissione di documentazione per operazioni finanziarie inesistenti. Le indagini hanno accertato che il boss della ‘ndrangheta IETTO Francesco, già agli arresti domiciliari presso la propria abitazione d…

INTERROGAZIONE SEN GIARRUSSO SU GIRGENTI ACQUA

Interrogazione GIARRUSSO - Al Presidente del Consiglio, al Ministro dell'Interno, al Ministro dell'Ambiente e al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Premesso che: la società che gestisce i servizi idrici nei 43 Comuni della provincia di Agrigento, nonché nello stesso capoluogo, nasce a Catania nel 2007: di essa fanno parte il Comune di Agrigento e tutti i comuni del consorzio del Voltano, componenti, a loro volta, dell'Autorità di Ambito Territoriale Ottimale 9 (ATO Idrico di Agrigento), configurando, di conseguenza, una situazione nella quale i soggetti coinvolti si trovano ad essere sia enti aggiudicanti che aggiudicatari. Il conflitto di interessi generato venne superato grazie ad un parere espresso dall'Avvocato Gaetano Armao, ex assessore regionale all'Economia del governo Lombardo, attraverso il quale è stato possibile sottoscrivere un contratto trentennale per la fornitura idrica siglato dall'allora presidente della Provincia di Agrigento, i…

CHIEDEVA IL PIZZO DA 25 ANNI

MAFIA CAPITALE HORROR

CC ARRESTANO A POZZALLO LATITANTE CLAN STRISCIUGLIO DI BARI

COMPAGNIA CARABINIERI DI MODICA NOTA: Per l’immediata divulgazione. CONTATTO: Capitano Edoardo Cetola Pozzallo (RG): Catturato dai Carabinieri pericoloso ricercato legato al clan Strisciuglio di Bari. Eseguita nei suoi confronti ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla DDA di Bari per i reati di detenzione illegale di armi, munizioni o esplosivi da guerra aggravato dall’utilizzo del metodo mafioso. Già nei primi di luglio arrestate 40 persone a Bari nel corso in un’indagine che ha scoperto una capillare rete di taglieggiatori facenti capo al clan mafioso degli Strisciuglio, uno dei raggruppamenti criminali più attivi sul territorio barese. I Carabinieri della Stazione di Pozzallo e del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Bari, nel pomeriggio di ieri, hanno tratto in arresto un pericoloso ricercato legato al clan Strisciuglio, uno dei raggruppamenti criminali più attivi sul territorio barese. Si tratta di Vincenzo Locorotondo, barese, classe 198…

CONFISCA DA 5 MILIONI A NISCEMI

RELAZIONE DCSA 2014: GIOIA TAURO E GENOVA I PORTI DELLA COCAINA

FONDAZIONE CAPONNETTO DAI BASCHI VERDI

Una delegazione della Fondazione Caponnetto si è recata come ogni anno alla consegna dei Baschi Verdi ad Orvieto.