Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2013

GDF ARRESTA 2 PROFESSORI UNIVERSITARI A MESSINA

Immagine

CENA ANLG

Immagine

ASSE NARCOS BOLIVIA CALABRIA

Immagine

'NDRANGHETA IN SALSA LIGURE

Immagine

COSA NOSTRA ED IL TRAFFICO DI DROGA

Immagine

DIA TRAPANI: SEQUESTRO DA 10 MILIONI

Immagine
DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA
                                 Centro Operativo di Palermo


COMUNICATO STAMPA

AGGRESSIONE AI PATRIMONI MAFIOSI
A TRAPANI  LA DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA
SEQUESTRA BENI PER OLTRE 10 MILIONI DI EURO
AD UN  IMPRENDITORE DI ALCAMO (TP)

Nel quadro delle attività istituzionali tese all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati dalle organizzazioni criminali, la Direzione Investigativa Antimafia di Trapani ha sequestrato beni per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro.
Il Tribunale di Trapani – Sez. Misure di Prevenzione, accogliendo la  proposta di misura di prevenzione patrimoniale avanzata d’iniziativa dal Direttore della D.I.A., ha disposto il sequestro dei beni riconducibili a MONTALBANO Giuseppe, 44 enne, di Alcamo (TP), imprenditore nel settore edile, ritenendo ricorrenti, a carico dello stesso, i presupposti richiamati nel combinato disposto degli artt. 4, comma 1, lett. a)  del D.lgs. 159/2011, in quanto:
indiziato di app…

DIA AGRIGENTO: SEQUESTRO DA 3 MILIONI

Immagine
DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA
Centro Operativo di Palermo

COMUNICATO    STAMPA

MAFIA: LA D.I.A.  SEQUESTRA  NELL’AGRIGENTINO AZIENDE,  IMMOBILI E TERRENI, PER UN VALORE DI OLTRE 3 MILIONI DI EURO.

La Direzione Investigativa Antimafia di Agrigento ha sottoposto a sequestro, in quel territorio, beni mobili ed immobili, intestati o riconducibili a COTTITTO Gioacchino Francesco cl 1967, imprenditore nel settore agroalimentare, di Palma di Montechiaro (AG).
L’odierno provvedimento di sequestro emesso dal Tribunale di Agrigento,  che rientra nel quadro delle attività istituzionali tese all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati dalle organizzazioni criminali, nasce  da una proposta avanzata dal Direttore della D.I.A., e finalizzata ad impedire che i proventi di origine illecita continuino ad inquinare il circuito dell’economia legale nel settore della grande distribuzione.
La figura di Cottitto Gioacchino Francesco, inteso Franco, si comincia a delineare quando, nell’ambito…

TRAFFICO DI COCAINA A TERNI

Immagine

RICICLAGGIO TRA LECCE E LUGANO

Immagine

SICARI UCCIDONO IMPRENDITORE NELLA BERGAMASCA

Immagine

OPERAZIONE MONEY BURNING: 8 ARRESTI TRA CAMPANIA E TOSCANA

Immagine

ASIA: 23 MILIONI GIOCATI SUL PADOVA

Immagine

COSA GRIGIA

Immagine

BINI: OCCHI CHIUSI PER TROPPO TEMPO IN EMILIA

Immagine

USURA IN UMBRIA

Immagine

COMUNE DI BORDIGHERA SI COSTITUISCE COME PARTE OFFESA

Immagine

SGOMINATO TRAFFICO DI BAMBINI IN CINA

IN RICORDO DI PIER LUIGI VIGNA

Immagine
È DA UN ANNO CHE PIER LUIGI CI HA LASCIATO È da un un anno che se ne è andato ma è sempre nei miei ricordi. Un anno passato in fretta. Un anno in cui mi è mancato molto. La sua simpatia, la sua schiettezza unita al suo sarcasmo da toscanaccio. La sua voglia di vita che ti trasmetteva. La sua pensione se l'è goduta purtroppo poco, ma non dimenticherò mai l'essersi messo a disposizione di chiunque lo cercasse per difendere la legalità e per combattere la mafia. In particolare il suo "Codice antimafia per la regione Sicilia" detto "Codice Vigna" e le riforme antimafia preparate per San Marino. Di lui mi voglio ricordare un paio di momenti ironici e sarcastici in pieno stile "Vigna". Uno recente ed uno di qualche anno fa. Partiamo da quest'ultimo. La sinistra giovanile, allora si chiamava così, organizza un dibattito alla festa dell'unità di Legri vicino Calenzano. Zona di caccia. L'organizzatrice che si chiama Laura (oggi presiede l'a…

POLIZIA ARRESTA ESPONENTE CLAN MALLARDO

Immagine

COLD CASE DELLA MAFIA GELESE RISOLTO DOPO 23 ANNI

Immagine

RIFLESSIONE DELL'AVVENIRE SULLA MAFIA AZIENDA

Immagine

SEGNALO SUL CALCIO SCOMMESSE

Immagine

CAMORRA NARCOS: 10 ARRESTI

Immagine

BASILEA: ARRESTATO FRANCESE CON ARMA E STRUMENTI DA SCASSO

Immagine

MARCHE: RICICLAGGIO IN UN CANTIERE NAVALE

Immagine

POMPE FUNEBRI ITALIANA SCONFINA IN SVIZZERA

Immagine

TOSCANA: 6 ERGASTOLI ALLA CAMORRA DEGLI STRACCI

Immagine

METODO MAFIOSO A DRÔME

Immagine

PALERMO VIETATA A CROCETTA PER MOTIVI SICUREZZA

Immagine

ANNULLATO IL SEQUESTRO A LIGRESTI

RISSA TRA ALBANESI A RAGUSA

Immagine

SCRITTE PRO MAFIA IN SCUOLA BRINDISI

Immagine

SEGNALO SUI BENI CONFISCATI

Immagine

CALCIO SCOMMESSE: MAURI SOSPESO PER 6 MESI

Immagine

SEQUESTRO DA 50 MILIONI A BARLETTA

Immagine

OMICIDIO COPPIA MILANO: 2 ARRESTI

Immagine

DIA e CC NAPOLI: CONFISCA DA 700 MILIONI

Immagine
\
PROCURA DELLA REPUBBLICA DI NAPOLI
DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA
Confisca beni
Personale del centro operativo della D.I.A. e dell’Arma dei Carabinieri di Caserta stà eseguendo un provvedimento di confisca emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Sezione Misure di Prevenzione nei riguardi degli eredi di Dante Passarelli, riferimento economico-finanziario del clan dei Casalesi, deceduto il 4 novembre 2004, cadendo misteriosamente da una terrazza priva di recinzione,  mentre si avviava a conclusione innanzi alla Corte di Assise di S.M. Capua Vetere il processo “Spartacus”, nei confronti dei principali esponenti del clan dei Casalesi e dello stesso Dante Passarelli.
I beni caduti oggi in confisca vennero valutati all’epoca del sequestro -8/04/2010- in 700 milioni di euro.

Il provvedimento di confisca emesso dal Tribunale Sammaritano ha dato attuazione alla novella legislativa introdotta dall’art.18 del decreto legislativo 6 settembre 2011 n 159 (Testo Unic…

TROVATO ENNESIMO ARSENALE CAMORRA

Immagine

TORINO: 10 ARRESTI PER FRODI AL FISCO

Immagine

CAPO ULTRA' LAZIALE ARRESTATO PER TRAFFICO DROGA DALLA SPAGNA

Immagine

DIA GENOVA: CONFISCA DA 2 MILIONI

Immagine
Direzione Investigativa Antimafia
Centro Operativo di Genova



COMUNICATO STAMPA


GENOVA: definitivamente confiscati dalla Cassazione i beni sequestrati per circa 2.000.000 (due milioni) di euro dalla Direzione Investigativa Antimafia di Genova ad un soggetto indiziato di appartenere all’organizzazione mafiosa “Cosa Nostra”, operante in Caltanissetta e nell’Italia nord-occidentale, fra cui Genova.


A distanza di quattro anni da quando questo Centro Operativo aveva sottoposto a sequestro i beni riconducibili a LO IACONO Antonino e i componenti il proprio nucleo familiare, lo scorso 09 luglio, la Corte Suprema di Cassazione - II Sezione Penale, con sentenza nr. 1633/2013, confermando integralmente il provvedimento di confisca dei beni emesso in data 25.09.2012 dalla Corte di Appello di Caltanissetta, e dichiarando inammissibili i ricorsi presentati, ha posto la parola fine all’intera vicenda dichiarando la confisca di tutto il patrimonio riconducibile al predetto ed ai suoi congiunti.

Pert…

CROCETTA: GIÙ LE MANI DAL MIO GOVERNO

Immagine

ARRESTATO LATITANTE A TORINO

Immagine

PALERMO: SEQUESTRO DA 2 MILIONI AD UN GIOIELLIERE

Immagine

CONFISCA DA 2 MILIONI

Immagine

GIU' LE MANI DA CROCETTA

Immagine
NOTA STAMPA
GIÙ LE MANI DA CROCETTA
Firenze 25.09.2013.- Per la prima volta un esponente della vera antimafia non parolaia e per questo condannata a morte prova a governare una regione difficile da amministrare: Rosario Crocetta. La verità e che Crocetta ha toccato gli interessi di cosa nostra ben radicati nella burocrazia regionale. Crocetta ha colpito gli interessi politici e clientelari dietro gli enti di formazione. Ha tagliato gli sprechi senza fare macelleria sociale. Crocetta è scomodo a 360 gradi in quanto è un personaggio reale e non virtuale. È un personaggio vero che prova a cambiare la Sicilia. Rosario Crocetta è il primo esponente del centrosinistra a vincere le elezioni regionali in Sicilia. Prima di lui nessuno ce l'aveva mai fatta. È un governatore che sicuramente avrà i suoi difetti ma di cui non ci si vergogna. Ebbene a meno di un anno dalla sua elezione invece che rilanciare la sua azione di governo i siciliani del pd escono dalla maggioranza. Un gesto che al cen…

ASSE TRA COSA NOSTRA ED 'NDRANGHETA IN LOMBARDIA

Immagine

PIETRO SUCHAN SU MAFIA IN TOSCANA

Immagine

LA CAMORRA BRUCIA LE ECOBALLE

Immagine

LAB. COCA A MARSIGLIA: 2 ARRESTI IN ALTA CORSICA

Immagine

PARIGI: 3 ITALIANI E 2 INGLESI NARCOS SOTTO PROCESSO

Immagine
Oltre una tonnellata di droga proveniente dal Venezuela sequestrata in un aereo. Di mezzo a questa storia la 'ndrangheta sembra.

http://www.agi.it/iphone-estero/notizie/201309241900-est-rom0105-francia_3_italiani_e_2_inglesi_accusati_di_narcotraffico