Passa ai contenuti principali

CC CROTONE SMANTELLANO TRAFFICO DI TARTARUGHE



REGIONE CARABINIERI “CALABRIA”

Comando Provinciale di Crotone

COMUNICATO STAMPA

CROTONE:Carabinieri e Guardie Ecozoofile: sequestrate 171 tartarughe

Nella giornata di ieri, gli agenti del Nucleo Operativo del Corpo Guardie Ecozoofile Fareambiente Crotone, unitamente ai militari del N.O.R.M. – Aliquota Radiomobile della Compagnia CC, coordinati dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale Carabinieri di Crotone, nell’ambito di una attività investigativa volta al contrasto del traffico illecito di animali protetti, hanno posto sotto sequestro 171esemplari di tartaruga “Testudo Hermanni”, specie protetta dal CITIES (Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie selvatiche minacciate di estinzione). Le persone che le detenevano, M.C. cl’52 e L.C. cl’91, entrambi pregiudicati di Rocca di Neto (KR) ai fini della vendita in mancanza delle prescritte autorizzazioni, sono state sorprese all’interno del parcheggio del Centro Commerciale “Le Spighe” nel tentativo di vendere gli esemplari e per questo motivo sono state deferite all’Autorità Giudiziaria per i reati di detenzione e vendita di animali protetti, ricettazione, cattura e prelievo di esemplari di specie animali selvatiche protette. Gli esemplari, alcuni nati da pochi mesi, a seguito di visita medico - veterinaria accertante lo stato di buona salute, saranno reintrodotti in natura in una zona protetta con l’ausilio del Carabinieri Forestali su disposizione della Procura della Repubblica di Crotone. “Il traffico illecito di specie protette è un fenomeno emergente nel nostro territorio – dichiara il portavoce delle Guardie Ecozoofile – sempre più reati vengo posti in essere in danno di animali, nella maggior parte dei casi a danno di specie particolarmente protette. La perfetta sinergia raggiunta nel tempo tra il nostro personale e Militari del Comando Provinciale dei Carabinieri di Crotone ha consentito il successo dell’operazione”.
Crotone 19 Aprile 2017       




______________________________         

Capitano Claudio Martino
Comandante la Compagnia Carabinieri di Crotone
Tel. 0962 612901


Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/