Passa ai contenuti principali

SEN. GIARRUSSO CONTRO SCARCERAZIONE VENTURA

VENERDÌ 21 APRILE 2017 16.32.53

Mafia: scarcerato boss Ventura; Giarrusso (M5S), vergogna

Mafia: scarcerato boss Ventura; Giarrusso (M5S), vergogna E' libero per fine pena dopo aver scontato 9 anni reclusione (ANSA) - PALERMO, 21 APR - "+ una vergogna che una persona che è stata coinvolta in reati di questa gravità sia libera di girare tranquillamente per le vie della sua città, questa non è lotta alla mafia, questa è connivenza. Bisogna essere chiari nelle scelte che si fanno e la scarcerazione del sanguinario capomafia di Vittoria, Filippo Ventura, è uno scandalo prodotto dal Pd e dalla sua finta lotta alla mafia. Una scelta di campo: chi ci governa ha scelto la linea morbida verso i mafiosi". Lo afferma il senatore del Movimento 5 Stelle e componente della Commissione Antimafia, Mario Michele Giarrusso, che annuncia un'interrogazione, commentando la scarcerazione per fine pena di Filippo Ventura, mafioso ragusano che ha scontato 9 anni di carcere. Filippo Ventura è fratello di Giovambattista condannato qualche settimana fa a un anno e otto mesi di reclusione per concorso in tentata violenza privata nei confronti del giornalista Paolo Borrometi. "Filippo Ventura - dice Giarrusso - è considerato unanimemente dalle relazioni della Direzione Nazionale Antimafia e della Direzione Investigativa Antimafia degli ultimi cinque anni, come il capo del clan Carbonaro-Dominante, sodalizio mafioso che si è macchiato di decine di omicidi. E' incredibile come un boss del suo calibro, fino a poco tempo fa al 41-bis, oggi sia libero di girare per le vie della sua città e riprendere le fila del comando di un clan, mai interrotto, come ci dice la Cassazione in occasione della recente sentenza nei confronti dei figli del Ventura. Un clan che ha fatto affari milionari, dalle agromafie fino alla droga, non dimenticando mai il guadagno maggiore: le estorsioni". (ANSA). COM-FK 21-APR-17 16:31 NNN

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/