Passa ai contenuti principali

COMUNICATO DIA CATANIA CONFISCA SANTAPAOLA

Direzione Investigativa Antimafia
Centro Operativo di Catania
via Vecchia Ognina n. 168, 95127 Catania  Tel. 095 7532011  p.e.c. dia.catania.ct@pecps.interno.it

COMUNICATO STAMPA

CATANIA: LA D.I.A. CONFISCA BENI PER UN VALORE DI 2.000.000,00 DI EURO AD ESPONENTE DI SPICCO DELLA FAMIGLIA MAFIOSA SANTAPAOLA – ERCOLANO.


Dalle prime ore della mattinata odierna personale della D.I.A. di Catania, diretta dal 1° Dirigente della Polizia di Stato dr. Renato PANVINO, in sinergia con la Procura della Repubblica di Catania diretta dal dott. Carmelo Zuccaro, sta eseguendo il decreto di confisca di beni emesso dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione - nei confronti di COCIMANO Orazio Benedetto di anni 54, nativo di Catania, elemento di vertice dellorganizzazione mafiosa SANTAPAOLA - ERCOLANO.
Il provvedimento di confisca dei beni giunge a completamento del procedimento scaturito dalla proposta di applicazione di misura di prevenzione, a firma del Direttore della D.I.A., nei confronti del COCIMANO, a seguito della quale il Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione - emetteva i Decreti di sequestro nr. 144/15 R.S.S. del 30.09.2015 e nr. 9/16 R. Seq. del 21.04.2016.
Più volte arrestato, già nella metà degli anni 90, per il reato di estorsione, COCIMANO Orazio Benedetto, in data 03.05.2000, era stato raggiunto da una nuova ordinanza di misura cautelare nellambito delloperazione di Polizia Orione 3 per il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso, quale affiliato al Clan Santapaola, ed associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Particolarmente vicino al pericoloso boss santapaoliano Maurizio ZUCCARO, il collaboratore Santo LA CAUSA, del quale sarebbe stato il successore in seno allorganizzazione, lo ha indicato come componente del gruppo di fuoco che nel 1996 uccise Luigi ILARDO, confidente del Col. CC Riccio, negli anni della ricerca dellallora latitante capo di cosa nostra Bernardo PROVENZANO, e la cui vicenda costituisce oggetto di discussione nel noto processo sulla presunta trattativa Stato-Mafia. Il medesimo collaboratore ne riferisce un ruolo anche nellomicidio del rampollo dei SANTAPAOLA, Angelo.
Nel 2011 veniva nuovamente arrestato perché ritenuto responsabile di estorsione in danno dellimpresa di costruzione Essedì Costruzioni S.R.L., aggravata per essersi avvalso delle condizioni di assoggettamento e di omertà derivanti dallappartenenza allorganizzazione mafiosa Santapaola - Ercolano, e per aver commesso il fatto nei tre anni successivi al periodo di sottoposizione alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S.
Nel mese di luglio 2014 COCIMANO Orazio Benedetto veniva tratto in arresto dalla Squadra Mobile di Catania nellambito delloperazione Ghost”, poiché gravemente indiziato del reato di fittizia intestazione di società operanti nel settore delle costruzioni edili, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniali e di agevolare la commissione dei delitti di riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita. Reato commesso in concorso e con laggravante di essersi avvalso delle condizioni di assoggettamento e di omertà derivanti dallappartenenza allassociazione mafiosa Santapaola - Ercolano. Il predetto, successivamente all'arresto di LA CAUSA Santo, di PUGLISI Carmelo e - nellambito delloperazione "Iblis" - di ARCIDIACONO Francesco Carmelo detto Francu u Salaru", raggiungeva il vertice operativo dell'organizzazione mafiosa Santapaola - Ercolano diventando, alla fine del 2009 fino al 2011, reggente operativo dellala militare della famiglia, nonché detentore della cassa degli stipendi.
Il COCIMANO è stato, inoltre, più volte sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di PS con obbligo di soggiorno, nel 2011 e nel 2013.
Il quadro probatorio fornito dalla D.I.A. di Catania - con la ricostruzione del profilo criminale di COCIMANO Orazio Benedetto e i certosini accertamenti patrimoniali che evidenziavano la rilevante sproporzione tra redditi dichiarati, attività svolta e arricchimenti patrimoniali dello stesso - è stato positivamente valutato dal Tribunale di Catania che, con il provvedimento ablativo in corso di esecuzione, ha disposto la confisca dei beni complessivamente stimati in oltre 2.000.000,00 di euro, consistenti in due società operanti nel settore delledilizia, due appartamenti, tre garage, un locale deposito, ed un conto corrente.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…