Passa ai contenuti principali

LEGALITÀ ED ANTIMAFIA: DUE TERMINI SEMPRE ATTUALI riflessione di Salvatore Calleri




Legalità ed Antimafia.

Due termini semplici da un lato e complessi dall'altro.

Due termini usati spesso, molto spesso.

Usati con un contorno di polemiche in cui molti commentatori si ergono a paladini del pensiero sciasciano, in modo poco sciasciano .

Due termini che per qualche big non dobbiamo più usare perchè inflazionati.

Ebbene io li uso.
Li uso perchè mi piacciono.
Li uso perchè rappresentano la mia vita vissuta negli ultimi 27 anni.
Li uso ma al contempo do loro una definizione precisa per non confondermi con i tanti quacquaraquà moderni.

Legalità significa rispetto della legge, ma dopo la rivoluzione francese inizia a farsi strada la legalità come principio in contrapposizione al re assoluto la cui legge veniva applicata da un suo servile magistrato.Quindi negli anni il concetto si evolve. La legalità degli stati assoluti e delle dittature non corrisponde al principio di legalità moderno. Basti pensare alle leggi razziali volute da Hitler e poi da Mussolini. Leggi aberranti. Leggi contrarie al principio di legalità. Oggi quindi per definire la legalità si deve necessariamente attingere ai ns principi supremi che sono la "Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo", la "Costituzione italiana" e da pochi anni la "Carta di Nizza". Ossia oggi la legalità va coniugata con la giustizia sociale. Il principio di legalità derivante dalla rivoluzione francese si coniuga con la legge delle carte fondamentali che si fondono con la giustizia sociale.

La mafia è il contrario di tale principio anche se, come uno specchio simmetrico rispetto allo stato democratico, ha le sue forme di regole interne, le sue leggi... ed il suo codice. La mafia quindi rappresenta l'antilegalità per eccellenza.

Storicamente per contastare la mafia c'è la antimafia che può essere sociale o istituzionale.

Il cosiddetto movimento antimafia rappresenta quella parte di società che combatte la mafia sin dalle sue origini. Con la nascita della mafia è nato socialmente anche chi la combatte. Invito per questo a leggere il libro di Umberto Santino, Storia del movimento antimafia. E l'antimafia sociale ha spesso anticipato quella istituzionale. La antimafia quindi oramai è nella storia del nostro paese. Il termine antimafia è quindi connesso con il termine legalità.

Oggi qualcuno, anche facente parte dell'antimafia, prova quasi vergogna ad usare tali termini. Io al contrario preferisco attualizzarli per definire in termini moderni dove deve andare oggi il movimento antimafia.

Oggi è necessario coniugare la legalità intrisa di giustizia sociale allo sviluppo con il quale si combatte la mafia.

Accanto a ciò bisogna essere raffinati nell'analisi di come oggi la mafia agisce.

Concludendo quindi oggi, la mafia la si combatte con: legalità, giustizia sociale, sviluppo ed analisi.

Post popolari in questo blog

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.