Passa ai contenuti principali

COMUNICATO DIA DEFINITIVO SU SEQUESTRO GIARRE



DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA
CENTRO OPERATIVO DI CATANIA


COMUNICATO


Il Tribunale di Catania-  Sezione Misure  di Prevenzione, accogliendo la proposta avanzata dalla Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, ha disposto il sequestro dei beni riconducibili a RUSSO Roberto, già responsabile tecnico-operativo della Aimeri Ambiente S.R.L. per la zona di competenza della A.T.O. CT 1 - JONIAMBIENTE, allo stato detenuto per delitti di mafia ed elemento di spicco del clan mafioso dei Cintorino, correlato al noto clan dei Cursoti, a sua volta gruppo gravitante nell’orbita del potente clan dei “Cappello/Bonaccorsi” di Catania.

Il RUSSO era stato già raggiunto da ordinanza di custodia cautelare in carcere nel maggio 2012 e, da ultimo, nel gennaio del 2013 per il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso; di traffico di sostanze stupefacenti; per delitti in materia di armi, contro il patrimonio ed in materia ambientale nell’ambito dell’operazione “Nuova Ionia”.
In particolare, le indagini del Centro Operativo D.I.A. di Catania, nell’accertare, oltre ai delitti di associazione mafiosa e di spaccio di stupefacenti, altresì un complesso meccanismo di traffico illecito di rifiuti in forma organizzata,  diretto in prima persona da Russo Roberto, evidenziavano in capo allo stesso il ruolo di dirigente del citato clan e di manovratore, ad alto livello, di meccanismi volti all’ottenimento di illeciti profitti grazie all’infiltrazione mafiosa nel settore della raccolta dei rifiuti, sul territorio ricadente nella fascia dell’alto Jonio etneo.

Venivano peraltro svolti accertamenti volti a rilevare  la capacità reddituale del RUSSO Roberto e del suo nucleo familiare, i quali hanno permesso di identificare diversi cespiti patrimoniali che, benché formalmente intestati a prossimi congiunti del RUSSO, erano riconducibili alla sua effettiva titolarità.

Sono stati evidenziati forti profili sperequativi tra i redditi dichiarati e il patrimonio posseduto, tali da fondare la presunzione, accolta dal Tribunale, di un’illecita acquisizione patrimoniale derivante dalle attività delittuose connesse all’organico e prolungato inserimento del RUSSO nella citata organizzazione delinquenziale.


In particolare, oltre al sequestro di un terreno con insistente una costruzione; di quota parte di un appartamento con garage, di una attività commerciale di bar-tabacchi, nonchè di due autoveicoli e di svariati conti correnti bancari e postali, il decreto ha avuto ad oggetto altresì:
la società “Alkantara 2001 Soc.Coop. Arl” la quale solo apparentemente risultava operante nel campo dei lavori stradali e costruzioni, avendo invece la medesima ottenuto l’aggiudicazione di lavori pubblici per la rimozione di microdiscariche;
quota della società “Mar Service Srl” operante nel campo della raccolta di rifiuti.  
A mezzo di tali società il RUSSO operava direttamente nel settore della raccolta dei RSU, forte del potere di intimidazione derivante dalla sua appartenenza, con ruolo di rilevo, al clan mafioso CINTORINO-CURSOTI.
La Direzione Investigativa Antimafia di Catania ha pertanto eseguito il suddetto decreto su delega del Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione, il quale ha ritenuto, su conforme richiesta della Procura, che sussistesse grave pericolo di dispersione dei beni indicati.

Il patrimonio sequestrato ammonta a circa 1.000.000,00 Euro.


Catania, 26 aprile 2013



Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…