Passa ai contenuti principali

COMUNICATO DIA NAPOLI SU CLAN FABBROCINO


COMUNICATO STAMPA Operazione Fulcro Nella mattinata di ieri, personale del Centro Operativo di Napoli della Direzione Investigativa Antimafia, ha dato esecuzione a un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal G.I.P. di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, a carico di MATRONE Franco, ritenuto uno dei maggiori esponenti del clan camorristico facente capo alla famiglia Fabbrocino e capo zona per il Comune di Terzigno della medesima organizzazione camorrista.  La D.I.A., inoltre, ha dato esecuzione al sequestro preventivo, disposto dallo stesso G.I.P. su richiesta della DDA partenopea, dei beni e delle società del MATRONE costituenti gli illeciti profitti conseguiti con lattività delittuosa al medesimo e consistente in un immobile, quattro terreni ed una società di abbigliamento, nonché conti correnti e rapporti finanziari. Nel dicembre 2012 il MATRONE si era già sottratto, rendendosi latitante, allesecuzione della misura cautelare detentiva disposta a carico dei maggiori esponenti del clan Fabbrocino poiché ritenuto responsabile, in concorso, di estorsione aggravata dal metodo mafioso.  La vicenda era relativa ad un recupero di un credito nei confronti di un operatore economico di Terzigno, territorio di cui il Matrone è responsabile di fronte allorganizzazione criminale dei Fabbrocino.  La misura coercitiva, annullata dal Tribunale del riesame di Napoli, che non aveva ritenuto comprovata lidentificazione del MATRONE, è stata rinnovata in ragione delle ulteriori fonti di prova recentemente acquisite da nuove indagini disposte dalla DDA ed effettuate dalla DIA, che hanno confermato lesatta identificazione dellautore e le dinamiche della fattispecie delittuosa contestata. Le indagini relative al MATRONE rientrano in più ampio e complesso quadro investigativo relativo alla c.d. operazione Fulcro che, nel 2012, ha permesso la cattura di numerosi esponenti di rilievo del Clan Fabbrocino, egemone nel comprensorio Vesuviano, che avevano costituito la nuova struttura organizzativa del sodalizio a seguito dellarresto e della condanna a due ergastoli dello storico capoclan Mario FABBROCINO, al quale era succeduto Biagio BIFULCO affiancato dal cognato COZZOLINO Francesco, dai fiduciari MATURO Francesco, SASSO Giovanni, e FABBROCINO Mario, cl. 56 cugino/cognato dellomonimo capoclan, ed infine dai referenti territoriali STRIANO Berardo, per San Giuseppe Vesuviano e CESARANO Domenico, per Palma Campania.  Il complesso quadro probatorio acquisito con lindagine Fulcro ha dimostrato che lorganizzazione diretta dal BIFULCO/FABBROCINO, dimostrando particolari capacità di relazione anche con le realtà criminali operative nei comprensori contigui, ha esercitato sistematicamente il controllo del territorio vesuviano soprattutto mediante il taglieggiamento dei maggiori operatori commerciali, il recupero crediti, il controllo degli appalti pubblici, la turbativa delle aste per lacquisizione a prezzi di favore di beni di ingente valore economico, il voto di scambio finalizzato a favorire l'elezione di candidati vicini al sodalizio, il coinvolgimento di autorevoli esponenti di imprenditori eprofessionisti che hanno fornito la propria consulenza per il conseguimento dei fini illeciti dellorganizzazione quale, tra laltro, linvestimento degli illeciti profitti conseguiti in numerose attività commerciali nel settore dellabbigliamento e del commercio di alimenti con una grande capacità di infiltrazione in Campania, Calabria, Lazio, Abruzzo, Umbria, Emilia Romagna, Marche e Lombardia. Il complesso di fonti di prova acquisite sul clan Fabbrocino ha consentito, nel corso dellultimo anno, di pervenire al sequestro preventivo di oltre 250 immobili, circa 100 imprese, liquidità e rapporti finanziari per oltre 18 milioni di euro, ed altri beni per un valore stimato complessivo di oltre 200 milioni di Euro. Napoli, 19 aprile 2013



Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…