Passa ai contenuti principali

COMUNICATO DIA SU SEQUESTRO DA OLTRE UN MILIONE A REGGIO CALABRIA



PROCURA DELLA REPUBBLICA
presso il Tribunale di Reggio Calabria
DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA


COMUNICATO STAMPA


REGGIO CALABRIA : SEQUESTRATI BENI PER UN VALORE DI OLTRE UN MILIONE DI EURO.

Il Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta di questa Procura - Direzione Distrettuale Antimafia, nelle persone del Procuratore Dott. Federico CAFIERO de RAHO, del Proc. Agg. Dott. Michele PRESTIPINO e del Sost. Proc. Dott. Rocco COSENTINO, ha emesso un decreto di sequestro preventivo a carico dell’imprenditore reggino MANGIOLA Edoardo, 33 anni, in atto detenuto.

Il provvedimento è stato eseguito da personale del Centro Operativo DIA di Reggio Calabria, Ufficio di polizia delegato agli accertamenti.

In passato, nel 2008, il MANGIOLA era stato vittima di un tentato omicidio, riportando plurime ferite di arma da fuoco, mentre nell’aprile del 2010 veniva sottoposto alla misura di prevenzione dell’avviso orale.

MANGIOLA Edoardo è stato arrestato, nel mese di febbraio 2012, nell’ambito della cosiddetta operazione “COSMOS” eseguita da personale del Centro Operativo DIA di Reggio Calabria, per avere fatto parte dell’associazione di stampo mafioso denominata ‘ndrangheta ed in particolare della cosca LIBRI, per aver commesso i reati di estorsione e illecita concorrenza con minaccia o violenza ed ancora perché titolare di un’attività economica riconducibile al sodalizio criminale.
Così è stata fatta luce sull’infiltrazione della cosca LIBRI nei lavori per la realizzazione del nuovo Palazzo di Giustizia di Reggio Calabria.

Il MANGIOLA risultava aver avuto un ruolo di primo piano nella perpetrazione di atti intimidatori commessi ai danni dei dirigenti della impresa BENTINI SPA, aggiudicataria dell’appalto in oggetto, consentendo alla cosca LIBRI di accaparrarsi, attraverso l’ impresa gestita dal predetto MANGIOLA, la rilevante commessa del servizio di mensa aziendale.

In relazione ai capi d’imputazione formulati, il G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria - oltre alle misure coercitive personali aveva disposto altresì il sequestro preventivo di beni di sua proprietà e/o comunque riconducibili allo stesso tra cui il bar – tavola calda “Senza Tempo” adiacente il CEDIR ed un panificio in via Sant’Anna.

Con il provvedimento in trattazione, il Tribunale di Reggio Calabria ha disposto il sequestro - come misura di prevenzione - dei seguenti beni, alcuni dei quali già sequestrati come detto in via preventiva durante le fasi dell’arresto:

patrimonio aziendale dell’impresa individuale “MANGIOLA Carmela”,  con attività di “produzione di  prodotti di panetteria freschi”, esercitata nella sede ubicata in Reggio Calabria via S. Anna II Tronco n.34;
patrimonio aziendale dell’impresa individuale bar “SENZA TEMPO” - con sede in Reggio Calabria via del Gelsomino nr. 45, esercitante attività  di “ristorazione con preparazione cibi da asporto, bar, tavola calda, pizzeria”;
due autovetture, tra cui un’autovettura marca Alfa Romeo modello Spider ed un autoveicolo Fiat Doblo’;
rapporti finanziari in corso di quantificazione.
Il valore dei beni sottoposti a sequestro  è quantificabile in circa euro 1.050.000,00 .
In particolare, il Tribunale ha accertato l’esistenza in capo al prevenuto ed ai suoi familiari e conviventi di una cospicua e generalizzata sproporzione tra i redditi dichiarati ed il patrimonio posseduto ed ha stigmatizzato la condotta delittuosa del MANGIOLA ed in particolare i suoi fitti rapporti intrattenuti con gli esponenti apicali della consorteria ‘ndranghetistica dei LIBRI (TUSCANO Salvatore, CHIRICO Filippo, CHIRICO Angelo, ZINDATO Gaetano Andrea ed altri). La bontà dell’impianto accusatorio ha trovato conferma altresì nel recente rinvio a giudizio del MANGIOLA disposto dal GUP presso il Tribunale di Reggio Calabria in data 10 marzo scorso, sia per il reato di associazione mafiosa che per i reati di estorsione e di illecita concorrenza e minaccia, aggravati dal metodo mafioso.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…