Passa ai contenuti principali

GIARRUSSO SU MAFIA DEGLI STRACCI A PRATO

COMUNICATO STAMPA
Giarrusso (M5S): chiediamo al ministro della giustizia di riferire quanto prima in merito agli sviluppi dell’operazione sulla criminalità organizzata che opera nel settore dei Rifiuti tessili di Prato.
ROMA 15 dicembre – il senatore Mario Giarrusso, membro della commissione antimafia del M5S ha presentato al Ministro della Giustizia una interrogazione in merito agli sviluppi dell’operazione di polizia giudiziaria coordinata dalla DDA di Firenze che, in data 23  luglio  2013  ha visto coinvolto il Corpo  Forestale  dello  Stato,  in collaborazione  con  l’Agenzia  delle  Dogane  e  dei  Monopoli, nonché i tecnici dell’ Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (ARPAT), con  la  perquisizione di  oltre  100  siti  tra  aziende  e  domicili  privati  in  10  regioni  (Toscana, Abruzzo, Campania, Veneto, Lombardia, Umbria, Lazio, Trentino, Liguria  ed  Emilia  Romagna). L’operazione veniva condotta a seguito di attività di indagine relativa ad un ingente traffico internazionale di  rifiuti  verso Paesi del nord  Africa e dell’Estremo Oriente (Cina)  per  il  tramite dell’Est  Europa. Nell’ambito dell’operazione venivano disposte  due  misure  di  custodia  cautelare a due esponenti  della  criminalità organizzata campana con base operativa a Prato, Vincenzo e Ciro Ascione, attivi nel settore degli indumenti usati rappresentanti delle famiglie protagoniste della lotta per il monopolio del settore degli “stracci” dei clan ercolanesi che si sono contrapposti nel territorio pratese, Birra – Iacomino ed Ascione – Saurino, fin dagli anni ’90. I due imprenditori campani avrebbero anche messo in atto un’attività di usura ed estorsione condotta parallelamente alla gestione illecita dei rifiuti, consumatasi a danno di  imprenditori locali; infatti la Polizia Giudiziaria avrebbe proceduto di cui all’art. 644 del codice penale per usura pluriaggravata con finalità mafiosa. “L’indagine riguardante la presenza ed attività dei clan campani in territorio toscano, sostiene il sen. Mario Giarrusso – avrebbe toccato importanti filoni del traffico internazionale di  rifiuti, e questo confermerebbe che attorno al settore degli indumenti usati e dei rifiuti tessili gira un sistema criminale ben consolidato che opera nel territorio pratese e italiano, sistema criminale capace di creare una sinergia criminale italo-cinese considerato che nell’ultimo decennio vi sono state numerose indagini delle DDA delle Procure, visto il sempre più elevato e concreto il rischio di stabili collegamenti della criminalità cinese con le mafie autoctone radicate nel nostro territorio, come anche attenzionato nei Report on Environmental Crime editi dalla Agenzia della Unione Europea EUROJUST. Questa situazione critica relativa alla presenza dei clan camorristici in territorio toscano in merito alla gestione dei rifiuti, è stata negli anni posta sotto attenzione anche dalla Fondazione Antonino Caponnetto, che nei diversi report sui rifiuti in Toscana, ha posto l’attenzione alle numerose indagini sull’operato delle mafie in questa regione.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…