Passa ai contenuti principali

FOCUS 2017 FIRENZE AREA P.ZA INDIPENDENZA








FOCUS 2017

CRIMINALITA' E DEGRADO

SU FIRENZE – AREA PIAZZA INDIPENDENZA

(comprendente via Panicale, via Guelfa, via Nazionale e strade limitrofe)

a cura di Giuseppe Vitale e Salvatore Calleri



Questo Focus della della Fondazione Caponnetto rientra su un progetto più ampio sulla situazione esistente a Firenze. Questo documento tratterà una delle zone maggiormente colpite dal fenomeno dello spaccio di stupefacenti, scippi, rapine, furti, aggressioni e consumo eccessivo di alcol in qualsiasi orario della giornata.
La zona che interessata è quella che corre sull’asse Piazza indipendenza, Borgo Panicale, via Guelfa , via Nazionale e strade limitrofe.
A qualsiasi ora del giorno e della notte è possibile notare bivacchi di persone ferme a consumare alcol, con la vendita che avviene in numerosi casi in violazione degli orari di chiusura.
Alcune delle lavanderie a gettone ubicate in via Nazionale e in via Guelfa che diventano luogo di spaccio e nascondiglio della droga per gli spacciatori della zona.

Alcuni episodi di criminalità di strada

Febbraio 2016

Piazza Indipendenza la Polizia ha arrestato un 29enne tunisino per spaccio e detenzione di sostanza stupefacente.

Agosto 2016

Viene fermato dopo inseguimento un soggetto rumeno di 30 anni per rapina impropria e lesioni ai danni di una coppia di turisti americani. Vi è stato un rocambolesco inseguimento da parte dei turisti aiutati da un cittadino intervenuto per buona parte del mercato di San Lorenzo.

Ottobre 2016

In piazza Indipendenza due uomini di origini nordafricane hanno litigato e. uno dei due ha accoltellato l'altro probabilmente per l'ennesimo regolamento di conti inerente lo spaccio di droga.
Ottobre 2016

Piazza Indipendenza baby gang rapina trentenne mentre rientra a casa.

Dicembre 2016

Piazza indipendenza arrestato un pakistano irregolare di 23 anni per detenzione hashish ai fini di spaccio.

Gennaio 2017
Una donna coreana di 33 anni è stata rapinata nella zona di San Lorenzo

Questi sono alcuni degli ultimi episodi che sono arrivati sulle pagine dei giornali. Gli episodi registrati nella realtà sono di più e si assiste ad una situazione che piano piano, giorno dopo giorno peggiora.

Nel 2005 la Fondazione Caponnetto aveva scritto in relazione a tale areavia Panicale/mercato San Lorenzo/via Nazionale. La presenza di numerosi phone center e di diversi negozi etnici ha trasformato il quartiere, da un lato rivitalizzandolo, dall'altro creando problemi di ordine pubblico (risse) sempre più numerose collegate all'abuso di alcolici. Occorre verificare la liceità dei phone center ed i recenti passaggi di proprietà dei negozi e degli alberghi. Può essere ipotizzabile un’attività di riciclo di denaro sporco. Un’alta percentuale di cinesi ha comprato le bancarelle di San Lorenzo usando contanti. Soluzioni possibili: aumento controllo del territorio e dei controlli amministrativi”
A distanza di 12 anni la situazione non si può definire migliorata ma peggiorata.

CONCLUSIONI

La Fondazione Caponnetto con questo semplice Focus intende dare un contributo per tenere alta l'attenzione su una parte di Firenze che non va dimenticata. Infatti se da un lato la zona trattata non ha raggiunto i livelli di criminalità che si registrano in alcune zone di Roma, Napoli o Milano, dall'altro la situazione non è in alcun modo da sottovalutare e diversi fenomeni negli anni sono peggiorati e diverse forme criminali sono nel frattempo diventate organizzate e da un punto di vista strettamente analitico va considerata la possibilità che in tale contesto tra l'altro possano crearsi i presupposti per l'inserimento di elementi criminali jihadisti.
Se la situazione non migliorerà a breve si rischia la creazione di una enorme zona franca, a medio impatto criminale, in cui lo stato rischia di perdere il controllo del territorio.



Post popolari in questo blog

I TESTIMONI DI GIUSTIZIA SONO UNA RISORSA PREZIOSA DA COLTIVARE E NON UN PROBLEMA DA ELUDERE di Giuseppe Lumia

  Sui Testimoni di Giustizia qualcosa non va. Sembra aleggiare ancora una volta una sorta di pregiudizio che colpisce la dignità e la possibilità dei Testimoni di Giustizia di essere considerati una straordinaria risorsa della Democrazia nella lotta alle mafie e non un problema da scansare o addirittura da ridimensionare.   Per anni e anni abbiamo cercato in tutti i modi di far comprendere che i Testimoni sono cittadini coraggiosi che scelgono di rompere con l’omertà e denunciano con fatti circostanziati le mafie, mettendo in gioco tutto di sé, della propria attività professionale e del destino delle loro stesse famiglie.   Prima venivano, spesso artatamente, confusi con i collaboratori di giustizia; poi, con impegno e determinazione, si sono ottenuti risultati positivi in diversi interventi in Parlamento, giungendo a una normativa quadro finalmente di alto valore; adesso si rischia di rovinare tutto, come spesso accade, nella fase applicativa.   Di recente è stato emanato un Decreto A

DALLA CHIESA. PASSANO GLI ANNI, LA LEZIONE RESTA. COSÌ I MISTERI. Di Giuseppe Lumia

  Gli anni passano. Il 3 Settembre 1982 vengono abbattuti il generale-prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, la giovane moglie Emanule Setti Carraro e il fidato agente di scorta Domenico Russo. Anno dopo anno il delitto Dalla Chiesa rimane una lezione sferzante per comprendere che non basta “l’antimafia del giorno dopo”.  Voleva che si approvasse l’allora rivoluzionaria legislazione sul reato di associazione mafiosa, il famoso 416-bis, e sulla decisiva aggressione ai patrimoni, misure contenute entrambe nella legge presentata al Parlamento da Pio La Torre. Niente.  Mesi prima, il 30 Aprile, cadde il leader politico della sinistra siciliana. Il 3 Settembre sempre di quell’anno fu colpito il Prefetto, giunto a Palermo dopo i successi ottenuti nella lotta al terrorismo per organizzare una moderna strategia antimafia, alla luce della preziosa esperienza che aveva maturato da giovane prima a Corleone e poi alla guida della Legione dei Carabinieri di Palermo. Ancora niente.  La legge fu approv

CONVENZIONE ONU SULLA LOTTA ALLE MAFIE: UN MOMENTO STRAORDINARIO CHE DEVE CONTINUARE A VIVERE DI IMPEGNI NUOVI E DI VERIFICA DEI RISULTATI di Giuseppe Lumia

   Una data da ricordare bene: 20 dicembre 2000. Anche il luogo: Palermo. Perché? In quei giorni l’ONU ha promosso un momento di svolta della propria attività internazionale. Per la prima volta, la lotta alle mafie è uscita dai confini soprattutto italiani e americani per diventare un impegno comune a tutti i Paesi. Un risultato per niente scontato: per anni il negazionismo o il minimalismo hanno caratterizzato l’approccio degli Stati nel riconoscere le mafie come una reale minaccia distruttiva di valori, di diritti, di economie e di dignità sociale ed esistenziale.  Finalmente l’ONU usciva dal suo tran-tran spesso sterile e contraddittorio per assumere un compito di guida sulle grandi sfide che dilaniano l’umanità.  Allora fu scelta Palermo, non per sottolineare ancora una volta la devastante presenza della mafia in Sicilia, ma perché da Palermo si era messo in moto un cammino antimafia inedito ed esemplare. Il passo costituente era stato fatto da Pio La Torre, che ha saputo inserire