Passa ai contenuti principali

INTERROGAZIONE GIARRUSSO SU CERTIFICATI MEDICI CHE HANNO AIUTATO BOSS GALLETTA

ePub Versione per la stampa Mostra rif. normativi Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-03409 Atto n. 3-03409 (con carattere d'urgenza) Pubblicato il 19 gennaio 2017, nella seduta n. 744 GIARRUSSO , DONNO , SANTANGELO , AIROLA , CAPPELLETTI , PAGLINI , MORONESE , BUCCARELLA , PUGLIA - Ai Ministri della giustizia e della salute. - Premesso che: secondo quanto riportato da "meridionews", in data 18 gennaio 2017, si apprende che è stato arrestato dagli agenti della Direzione investigativa antimafia (DIA) il boss Maurizio Galletta, esponente di primo piano del clan catanese Santapaola-Ercolano, grazie all'inchiesta denominata "Lazarus"; il boss sarebbe stato condannato per l'omicidio di Salvatore Vittorio, grazie all'aiuto del capomafia e cugino Maurizio Zuccaro, e del duplice omicidio di Angelo Di Pietro e Giulio Magrì; il suddetto articolo evidenzia che Galletta, in 12 anni, avrebbe cambiato 17 strutture penitenziarie, venendo sottoposto a numerose visite specialistiche per il suo stato di salute fino a quando, nel mese di luglio 2008, il killer mafioso sarebbe riuscito ad ottenere la scarcerazione, mentre si trovava in carcere a Parma, in quanto, secondo i giudici del tribunale di sorveglianza di Bologna, lo stato di salute del boss "non era conciliabile con il regime carcerario"; inoltre, "Il Gazzettino" del 18 gennaio 2017 precisa che la dimora del boss Galletta, negli ultimi 9 anni, sarebbe stata una casa all'interno del "Villaggio Delfino" di Vaccarizzo, nella zona sud di Catania, grazie ai molteplici certificati medici attestanti le gravi condizioni di salute e che sarebbero serviti per "attenuare provvedimenti cautelari emessi nei confronti di Maurizio Galletta"; in particolare, si apprende che, insieme al boss, sarebbero indagate anche una decina di persone e tra questi diversi medici catanesi di strutture private e pubbliche, che non solo avrebbero favorito lo stesso Galletta a vivere a casa, ma anche consentito allo stesso di percepire benefici economici, quali la pensione civile e l'indennità di accompagnamento, sottraendo alle casse dello Stato somme elevate, che ammonterebbero a circa 200.000 euro nell'arco di 11 anni; considerato che: le indagini dell'inchiesta "Lazarus", condotte dalla DIA di Catania, avrebbero fatto emergere anche indizi nei confronti di presunti complici, e tra questi familiari, prestanome a cui intestare beni o far gestire attività commerciali ed un uomo che avrebbe avuto il ruolo di "palo", con il compito di avvertire il killer Galletta quando le forze dell'ordine si sarebbero recate al residence di Vaccarizzo; inoltre, sarebbero state accertate corresponsabilità da parte di medici e specialisti, anche con incarichi dirigenziali nella sanità pubblica, che nel tempo avrebbero sottoposto a visite e perizie il boss Galletta dove svolgono la loro professione, si chiede di sapere: se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza dei fatti esposti; se il Ministro della giustizia non ritenga opportuno attivare le procedure ispettive e conoscitive previste dall'ordinamento, affinché sia fatta al più presto luce su quanto accaduto e sulle motivazioni che hanno indotto le autorità preposte a non sottoporre il killer mafioso Maurizio Galletta a controlli medici e specialistici in un ospedale militare; se il Ministro della salute intenda attivarsi presso le sedi di competenza affinché: siano sottoposte a rigorose indagini le aziende sanitarie interessate; vengano accertati i nominativi dei medici che avrebbero attestato le condizioni di salute dell'ergastolano catanese Maurizio Galletta; siano garantiti controlli e sanzioni più restrittivi, al fine di ripristinare la legalità nella sanità pubblica.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…