Passa ai contenuti principali

24° VERTICE ANTIMAFIA - AGGIORNAMENTO







24* Vertice Nazionale Antimafia - 4° Summit del Mediterraneo
Napoli 5 maggio 2018 – ore 16

Nell’affascinante cornice del palazzo di via Depetris 130, della Fondazione Mediterraneo, ospitati dal fondatore, Michele Capasso, si svolgerà quest’anno il XXIV Vertice Nazionale Antimafia – Antonino Caponnetto. 
La Fondazione Caponnetto da circa quindici anni, raccogliendo l’insegnamento del Giudice Caponnetto, raduna attorno a sé personaggi del mondo dell’antimafia: magistrati, investigatori, giornalisti, politici, studiosi, professionisti e gente comune, che si batte per divulgare il seme della legalità e per contrastare tutte le organizzazioni criminali. 

Garantire libertà e giustizia sociale per un paese libero e democratico”.

Nel solco tracciato da Antonino Caponnetto quest’anno la Fondazione vuole tenere questo vertice straordinario proprio a Napoli, per dare voce e sostenere ancora una volta magistrati, forze dell’ordine e giornalisti, impegnati quotidianamente su un terreno difficile, dove le Istituzioni pubbliche faticano a trovare anche il consenso di parte della società civile. 

I lavori saranno aperti dal Magistrato Antimafia Cesare Sirignano e chiusi dal suo collega Catello Maresca. 

Nel corso di numerosi interventi saranno trattati temi di scottante attualità, come il ruolo della rieducazione e del recupero dei detenuti, il riciclaggio di denaro e l’importanza dell’informazione qual strumento di divulgazione di temi di legalità. 

Per questo motivo saranno assegnati premi a testate giornalistiche e singoli giornalisti impegnati, anche a costo della propria sicurezza, nel quotidiano e gravoso compito di far conoscere i fatti. 

Saranno premiate le redazioni di Report – Rai 3 e di Investigative Reporting Project Italy, oltre a singoli professionisti dell’informazione come:

Federico Ruffo, giornalista, autore e conduttore Rai;
Veronica Ulivieri, giornalista del Fatto Quotidiano
Paolo Chiarello, giornalista di Sky TG24
Rino Giacalone, giornalista, Articolo 21 e La Stampa

Riceveranno il premio OMCOM (Osservatorio Mediterraneo criminalità organizzata e mafia): Giuseppe Linares, Nicola Franco, Aldo De Donno, Renato Panvino per i centri DIA di Napoli, Firenze e Catania.

Riceverà il premio scomodo Davide Russo per il suo impegno contro la mafia a Guidonia.

Riceveranno il Premio Mediterraneo i magistrati antimafia Cesare Sirignano, Luigi Riello, Catello Maresca.

Nel corso del vertice si darà inizio ai lavori dell’Osservatorio Permanente sul Riciclaggio Internazionale intitolato a “Pierluigi Vigna”, durante i lavori l’Osservatorio, coordinato dal Presidente Calleri, riceverà dalle mani dell’Avvocato Roberto Tropenscovino, il materiale relativo ad un importante caso di riciclaggio. 

Il vertice mira a coinvolgere sempre di più l’opinione pubblica sulla necessità di far quadrato attorno a chi ogni giorno svolge il suo compito nel contrasto, fisico e culturale alle mafie. 

Firenze 2 maggio 2018

Salvatore Calleri








Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…