Passa ai contenuti principali

24° VERTICE ANTIMAFIA - AGGIORNAMENTO







24* Vertice Nazionale Antimafia - 4° Summit del Mediterraneo
Napoli 5 maggio 2018 – ore 16

Nell’affascinante cornice del palazzo di via Depetris 130, della Fondazione Mediterraneo, ospitati dal fondatore, Michele Capasso, si svolgerà quest’anno il XXIV Vertice Nazionale Antimafia – Antonino Caponnetto. 
La Fondazione Caponnetto da circa quindici anni, raccogliendo l’insegnamento del Giudice Caponnetto, raduna attorno a sé personaggi del mondo dell’antimafia: magistrati, investigatori, giornalisti, politici, studiosi, professionisti e gente comune, che si batte per divulgare il seme della legalità e per contrastare tutte le organizzazioni criminali. 

Garantire libertà e giustizia sociale per un paese libero e democratico”.

Nel solco tracciato da Antonino Caponnetto quest’anno la Fondazione vuole tenere questo vertice straordinario proprio a Napoli, per dare voce e sostenere ancora una volta magistrati, forze dell’ordine e giornalisti, impegnati quotidianamente su un terreno difficile, dove le Istituzioni pubbliche faticano a trovare anche il consenso di parte della società civile. 

I lavori saranno aperti dal Magistrato Antimafia Cesare Sirignano e chiusi dal suo collega Catello Maresca. 

Nel corso di numerosi interventi saranno trattati temi di scottante attualità, come il ruolo della rieducazione e del recupero dei detenuti, il riciclaggio di denaro e l’importanza dell’informazione qual strumento di divulgazione di temi di legalità. 

Per questo motivo saranno assegnati premi a testate giornalistiche e singoli giornalisti impegnati, anche a costo della propria sicurezza, nel quotidiano e gravoso compito di far conoscere i fatti. 

Saranno premiate le redazioni di Report – Rai 3 e di Investigative Reporting Project Italy, oltre a singoli professionisti dell’informazione come:

Federico Ruffo, giornalista, autore e conduttore Rai;
Veronica Ulivieri, giornalista del Fatto Quotidiano
Paolo Chiarello, giornalista di Sky TG24
Rino Giacalone, giornalista, Articolo 21 e La Stampa

Riceveranno il premio OMCOM (Osservatorio Mediterraneo criminalità organizzata e mafia): Giuseppe Linares, Nicola Franco, Aldo De Donno, Renato Panvino per i centri DIA di Napoli, Firenze e Catania.

Riceverà il premio scomodo Davide Russo per il suo impegno contro la mafia a Guidonia.

Riceveranno il Premio Mediterraneo i magistrati antimafia Cesare Sirignano, Luigi Riello, Catello Maresca.

Nel corso del vertice si darà inizio ai lavori dell’Osservatorio Permanente sul Riciclaggio Internazionale intitolato a “Pierluigi Vigna”, durante i lavori l’Osservatorio, coordinato dal Presidente Calleri, riceverà dalle mani dell’Avvocato Roberto Tropenscovino, il materiale relativo ad un importante caso di riciclaggio. 

Il vertice mira a coinvolgere sempre di più l’opinione pubblica sulla necessità di far quadrato attorno a chi ogni giorno svolge il suo compito nel contrasto, fisico e culturale alle mafie. 

Firenze 2 maggio 2018

Salvatore Calleri








Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

DIA GENOVA - PONTE MORANDI - ARRESTI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA DIA DI GENOVA ESEGUE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE E SEQUESTRI NEI CONFRONTI DEGLI AMMINISTRATORI DI UN'IMPRESA GIÀ IMPEGNATA NELLA RICOSTRUZIONE DEL PONTE MORANDI

La D.I.A. di Genova sta eseguendo, in Liguria e in Campania, due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, nei confronti dell'amministratore di fatto (ritenuto contiguo ad elementi inseriti in organizzazioni camorriste) della TECNODEM S.r.l. di Napoli - società già impegnata nella demolizione del ponte Morandi” - e di una donna considerata prestanome nell'ambito della medesima compagine societaria.
Sono altresì in corso perquisizioni con esecuzione di sequestri preventivi.
I provvedimenti traggono origine da una articolata indagine, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova e condotta dalla D.I.A.…