Passa ai contenuti principali

24mo VERTICE ANTIMAFIA - FIRMATO PROTOCOLLO UIL SCUOLA / FONDAZIONE CAPONNETTO









Il contratto scuola ha nelle sue pieghe capitoli di progresso ancora non pienamente conosciuti e condivisi – spiega Noemi Ranieri, segretario organizzativo della Uil Scuola – che oggi ha siglato a Napoli, il protocollo d’intesa con la Fondazione Caponnetto. Una sigla importante che mette in contatto diretto il sindacato, da sempre in prima linea contro ogni forma di illegalità e di terrorismo, con una Fond
azione che ha fatto della lotta alla criminalità organizzata il suo segno distintivo. Il concetto di comunità educante, valorizzato nel contratto, dimostra come la modernizzazione passa anche dalle risoluzioni pattizie, a favore del progresso sociale – ha detto Noemi Ranieri durante la cerimonia che ha accompagnato la sigla del protocollo presso la Fondazione Mediterraneo a Napoli insieme alla Fondazione Caponnetto. Nella giornata dedicata alla legalità erano presenti il presidente della Caponnetto, Salvatore Calleri, i magistrati antimafia Cesare Sirignano e Catello Maresca, i membri della commissione antimafia Giarrusso e Lumia, il governatore della Puglia, Emiliano, Adriana Musella, presidente dell’associazione antimafia “Gerbera gialla”, Giuseppe Antoci, presidente parco naturale dei Nebrodi, vittima di mafia, giornalisti impegnati nella lotta alla mafia come Paolo Borrometi. Se guardiamo a temi così complessi – sappiamo che è proprio nei contesti più difficili che la scuola è capace di esprime tutte le sue potenzialità. Il coinvolgimento delle famiglie, dei genitori, della società civile, oltre al ruolo dei docenti e di tutto il personale scolastico hanno dato sempre prova di saper svolgere un ruolo di responsabilità, consapevolezza, conoscenza, rispetto. L’educazione alla legalità costituisce una delle frontiere su cui la guardia non può mai essere abbassata – ha detto ancora Ranieri, insieme al presidente della Caponnetto, Salvatore Calleri, La scuola – hanno ribadito – con attività mirate, con la formazione in servizio e progetti come quello in atto in centinaia di scuole di Toscana, Veneto, Calabria dei ‘Giovani, sentinelle della legalità’ che mira a creare un circolo virtuoso fra giovani cittadini e istituzioni, soprattutto con le amministrazioni locali, per far crescere l’assunzione di responsabilità di ciascuno rispetto alla tutela dei beni di tutti – può svolgere un ruolo veramente importante . Questa la sintesi degli impegni assunti nel protocollo appena siglato: Intervenire attivamente su tutti i problemi che direttamente o indirettamente, in ogni sede, pongano in discussione il ruolo e i comuni interessi dei lavoratori nel segno della legalità e degli adempimenti, previsti all’art.4 della Costituzione, finalizzati a concorrere allo sviluppo sociale e civile del paese. Favorire l’integrazione civile e sociale e combattere ogni forma di violenza, di discriminazione, di razzismo e di xenofobia ovunque e comunque si dovessero manifestare; Promuovere nelle scuole l’educazione alla legalità, al fine di favorire nelle studentesse e negli studenti la costruzione dell’identità personale e la consapevolezza di essere titolari di diritti e di doveri; Attuare un rapporto organizzativo con le associazioni del volontariato sociale e civile e delle attività “no profit” promuovendo iniziative anche dirette. A questo fine la UIL Scuola può svolgere tutte le attività in diretta attuazione dei propri scopi istituzionali; Diffondere un’educazione alla legalità che ha per oggetto la natura e la funzione delle regole nella vita sociale, secondo i valori della Costituzione. Educare alla legalità per elaborare e diffondere la cultura dei valori civili, consentendo l’acquisizione di una nozione più profonda dei diritti di cittadinanza, partendo dalla consapevolezza della reciprocità fra soggetti dotati della stessa dignità. La Uil Scuola e fondazione Antonino Caponnetto si impegnano a promuovere nelle scuole progetti per formare nei cittadini il rispetto delle regole per il mantenimento e la valorizzazione del patrimonio delle collettività e per un rafforzamento del tessuto sociale. In particolare, per il raggiungimento degli obiettivi in premessa, promuovono su tutto il territorio il progetto I giovani sentinelle della legalità elaborato dalla fondazione Caponnetto e già attivo, a cura della stessa. La Uil Scuola e fondazione Caponnetto promuovono un programma triennale di attività in merito alla diffusione della cultura della legalità e del rispetto delle regole con il progetto sopra citato. La Uil Scuola per la realizzazione degli incontri previsti nel programma triennale del progetto, si impegna nel favorire la partecipazione delle sue strutture territoriali, agli incontri previsti dal programma del progetto I giovani sentinelle della legalità.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…