Passa ai contenuti principali

OPERAZIONE DIA IN PROVINCIA DI AGRIGENTO

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA Centro Operativo di Palermo COMUNICATO STAMPA MAFIA: SEQUESTRATI DALLA DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA BENI PER UN MILIONE DI EURO AD UN ALLEVATORE DI CASTELTERMINI (AG). La Sezione Operativa di Agrigento della Direzione Investigativa Antimafia, in esecuzione di un decreto emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale nell'ambito di un procedimento a carico di DI PIAZZA Vincenzo, 73enne da Casteltermini (AG), ha sottoposto a sequestro, ai sensi della normativa antimafia, una serie di beni intestati ai familiari del predetto. L’attività d’indagine, coordinata dal Proc. Agg. Della DDA di Palermo, Dr Vittorio Teresi è stata condotta dalla Sezione Operativa della DIA di Agrigento. DI PIAZZA Vincenzo è in atto detenuto, in quanto condannato per associazione di tipo mafioso, siccome ritenuto componente, con il ruolo di capo, della famiglia mafiosa di Casteltermini. L’odierno sequestro ha riguardato beni intestati ai tre figli, per un valore complessivo quantificabile in oltre 1 milione di euro. L'operazione rientra nel più ampio contesto delle attività svolte dalla Direzione Investigativa Antimafia, sia in forza delle prerogative attribuite al Direttore della DIA, che sulla base delle deleghe conferite dall'Autorità Giudiziaria, finalizzate all'individuazione dei patrimoni acquisiti illecitamente, i quali, una volta reimmessi nel circuito economico legale, comportano, tra l'altro, una reale alterazione del sistema economico. Nel 1995, DI PIAZZA Vincenzo veniva tratto in arresto dalla Sezione Operativa DIA di Agrigento per il reato di favoreggiamento personale aggravato, nel corso dell'attività che aveva portato alla cattura del boss mafioso latitante FRAGAPANE Salvatore, 57enne da Sant'Elisabetta (AG), attualmente detenuto in quanto condannato all'ergastolo, all'epoca rintracciato in Contrada Liberto di Casteltermini, all'interno di una villetta di campagna di proprietà della famiglia DI PIAZZA. Proprio i1 coinvolgimento del DI PIAZZA Vincenzo nel favoreggiamento della latitanza del FRAGAPANE Salvatore, aveva consentito agli investigatori di inquadrarlo in un contesto criminale di rilievo e, infatti, in data 20.03.1998, il DI PIAZZA Vincenzo veniva tratto nuovamente in arresto, unitamente ad altre 42 persone, nell'ambito dell'operazione "AKRAGAS", in quanto indagato per associazione di stampo mafioso. Tra i soggetti destinatari del citato provvedimento figurava anche il predetto FRAGAPANE Salvatore, quale rappresentante provinciale di cosa nostra. Nel frattempo, in data 02.12.1999, la Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Agrigento irrogava al DI PIAZZA Vincenzo la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale della P.S. con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza, per la durata di 4 anni. La citata misura di prevenzione personale scaturiva da una proposta del 17.02.1999 del Direttore della D.I.A., e del 04.03.1999 del Procuratore della Repubblica di Agrigento. L'attività investigativa aveva permesso di acquisire elementi secondo i quali DI PIAZZA Vincenzo, ritenuto reggente della famiglia mafiosa operante in Casteltermini (AG), aveva acquisito in modo diretto ed indiretto il controllo di attività economiche, specie nel settore edilizio nel predetto centro, realizzando profitti e vantaggi ingiusti per se e per gli altri componenti del sodalizio. A1l'esito dell'iter giudiziario, it DI PIAZZA Vincenzo veniva condannato alla pena di anni 18 di reclusione per associazione per delinquere di tipo mafioso pluriaggravata. II sequestro in argomento ha riguardato: 26 fabbricati, compresi quelli rurali; 335 appezzamenti di terreno, adibiti a seminativo o pascolo; una ditta individuale riconducibile ad uno dei figli, con sede a Casteltermini ed esercente l'allevamento di bovini e caprini, con il relativo complesso aziendale e n. 9 veicoli, di cui 2 mezzi agricoli; una ditta individuale riconducibile ad un altro figlio, con sede a Casteltermini ed esercente l'attività di coltivazione di cereali, con il relativo complesso aziendale; 5 conti correnti bancari intestati ai figli. 28 febbraio 2014

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.