Passa ai contenuti principali

RAGUSA: OPERAZIONE TRANSPORTER


LEGIONE CARABINIERI SICILIA
Comando Provinciale di Ragusa

NOTA STAMPA
Oggetto: Operazione “Transporter”: smantellata una rete di spacciatori tunisini, marocchini ed egiziani attiva in Provincia di Ragusa. I Carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 11 soggetti, tutti extracomunitari, accusati di concorso in detenzione ai fini di  spaccio di sostanze stupefacenti.
Una solida e pericolosa rete di spacciatori di sostanze stupefacenti quella che hanno sgominato questa mattina alle prime luci dell’alba i Carabinieri della Compagnia di Modica che hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del tribunale di Ragusa, dott. Giovanni Giampiccolo, su richiesta  del Procuratore della Repubblica dr Carmelo Petralia e del sost. d.ssa Monica Monego, che hanno coordinato le indagini.
Si tratta di undici soggetti extracomunitari, con precedenti specifici, che avevano costituito un pericoloso sodalizio criminale dedito al trasporto, alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Di seguito si riportano i nome degli arrestati:
-        LAHAMER Hossine, classe ’89, algerino, pregiudicato;
-        SAHLAOUI Khaled, classe ’88, tunisino, pregiudicato;
-        SAHLAOUI Lazhar, classe ’80, tunisino, pregiudicato;
-        SAHLAOUI Mounir, classe ’83, tunisino, pregiudicato;
-        DOGUI Oualid, classe 95, italiano di origine tunisina, pregiudicato.
A carico del sodalizio i Carabinieri hanno raccolto inconfutabili elementi di colpevolezza, poiché con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, in concorso tra loro, hanno illecitamente detenuto, trasportato, offerto, venduto o comunque ceduto a terzi sostanze stupefacenti del tipo eroina ed hashish.
Le indagini del Nucleo Operativo della Compagnia di Modica furono avviate nel mese di gennaio 2015 a seguito del decesso per overdose di Orazio Adamo, classe 74, avvenuta a Modica  a dicembre 2014. Dopo il decesso di Adamo, infatti, i militari dell’Arma, coordinati dalla Procura iblea, hanno scandagliato e seguito i movimenti di vari soggetti tossicodipendenti della provincia di Ragusa, che hanno poi portato ad individuare diversi extracomunitari dediti all’attività di spaccio di sostanze stupefacenti, per lo più eroina ed hashish. L’attività è stata particolarmente impegnativa e difficile anche per infrangere il muro di omertà dei soggetti coinvolti. Colui che materialmente ha fornito la dose letale all’assuntore deceduto per overdose fu, infatti arrestato ad aprile 2015. Le successive investigazioni nei confronti del gruppo criminale hanno poi portato ai risultati odierni.
Le attività investigative, come già detto, si sono protratte per più di un anno a partire dal mese di gennaio 2015 ed hanno permesso di raccogliere gravi elementi probatori a carico degli indagati, consentendo di accertare i viaggi finalizzati all’approvvigionamento dello stupefacente, in diverse località della Sicilia, nonché di individuare i movimenti relativi all’attività di spaccio al minuto sulle varie piazze della provincia.
Nel corso dell’attività  sono stati arrestati, in flagranza, cinque soggetti, ritenuti i “corrieri” della droga,  ancora detenuti, e sono stati sequestrati 2 kg di hashish e 300 gr. di eroina pura.
Quest’ultima, una volta tagliata avrebbe consentito di mettere sul mercato migliaia di dosi ed avrebbe fruttato decine di migliaia di euro.  Inoltre, nel corso delle indagini sono stati accertati più di 30 episodi di spaccio avvenuti  su tutta la provincia di Ragusa, in particolare, oltre che nel capoluogo, a Modica, Ispica, Pozzallo, Scicli e Santa Croce Camerina, località dove gli indagati gestivano i loro traffici grazie al quale ricavavano cospicue somme di denaro che in parte serviva per il loro sostentamento e in parte veniva reinvestito per l’acquisto dello stupefacente.
Il giro di affari complessivo smantellato dai Carabinieri è stato stimato per migliaia di euro.
Inoltre sono stati segnalati alla prefettura - ai sensi dell’art. 75 del dpr.309/90 - tutti gli assuntori identificati nel corso dell’operazione.
Nel corso delle perquisizioni domiciliari nei confronti di soggetti in qualche modo collegati agli arrestati, dirette alla ricerca di stupefacente, a Punta Secca sono stati rinvenuti e sequestrati altri 4 kg di hashish ed è stato arrestato in flagranza il cittadino italiano di origine tunisina DOGUI Oualid, classe 95, già noto alle forze di polizia.
Al termine delle formalità di rito, gli arrestati sono stati tradotti in carcere come disposto dal provvedimento emesso dal Tribunale di Ragusa, mentre per quelli già ristretti l’ordinanza è stata notificata in carcere.
Le indagini proseguono per la cattura degli altri soggetti al momento irreperibili.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…