Passa ai contenuti principali

SEQUESTRO DIA CATANIA A CAMBRIA


PROCURA DISTRETTUALE DELLA REPUBBLICA
Catania
COMUNICATO STAMPA


Su delega di questa Direzione Distrettuale Antimafia, è in corso da parte di personale della D.I.A. di Catania, diretta dal 1° Dir. P.S. dr. Renato Panvino, l’esecuzione di un decreto di sequestro beni, emesso dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione - nei confronti di CAMBRIA Francesco, cl. 1984, soggetto ritenuto vicino al noto clan mafioso “Cappello - Bonaccorsi”.
Il provvedimento, finalizzato alla successiva confisca dei beni, riguarda i beni mobili ed immobili, somme di denaro ed una ditta, individuati a conclusione dei complessi accertamenti patrimoniali delegati alla D.I.A., e riconducibili direttamente o indirettamente a CAMBRIA Francesco.
Questi è figlio del più noto CAMBRIA Andrea, soggetto ritenuto organico al Clan mafioso etneo “Cappello”, nei confronti del quale già nell’ottobre 2017 la D.I.A. di Catania ha eseguito il sequestro di autoveicoli e somme di denaro per un valore di circa 200 mila euro.
CAMBRIA Francesco vanta svariati precedenti penali e di polizia, per reati contro il patrimonio, la persona e in materia di stupefacenti, essendo stato, tra l’altro, tratto in arresto nel 2003 per tentata rapina e nel 2010 per reati in materia di sostanze stupefacenti. In quest’ultima circostanza concorreva nel reato il fratello CAMBRIA Sebastiano, tratto in arresto nell’ambito della operazione di polizia cd. Family, in quanto gravemente indiziato di aver fatto parte di un’organizzazione criminale armata finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, cocaina e marijuana, con l’ulteriore aggravante dell’agevolazione del clan mafioso “Cappello-Carateddu”, nonché dei connessi reati fine per la commercializzazione degli ingenti quantitativi di sostanza stupefacente commercializzata.
Sempre nel 2010, benchè detenuto agli arresti domiciliari in relazione al detto fatto delittuoso, veniva colto ed arrestato in flagranza di analoga condotta criminosa, per la quale veniva condannato alla pena di anni due di reclusione.
Nel 2003 e nel 2012 è stato sottoposto all’Avviso Orale da parte del Questore.
I minuziosi e complessi accertamenti patrimoniali svolti dalla D.I.A. nei confronti di CAMBRIA Francesco, estesi anche al suo nucleo familiare, hanno consentito non solo di pervenire ad una puntuale ricostruzione del suo profilo criminale, che ne ha evidenziato la spiccata pericolosità sociale, ma anche di accertare, in base all’attività svolta dallo stesso, la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati e gli arricchimenti patrimoniali del predetto, evidentemente provento dell’attività delittuosa.
L’esito della complessa e articolata attività svolta è stato condiviso dal Tribunale - Sezione Misure di Prevenzione -, che ha emesso l’odierno provvedimento ablativo, in esecuzione del quale sono stati sottoposti a sequestro anche beni fittiziamente intestati alla moglie VENUTO Santa, in particolare una ditta individuale, quattro immobili, tre automezzi e somme di denaro per un valore complessivamente stimato in circa 300 mila euro.

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/