Passa ai contenuti principali

OPERAZIONE DELLA "ROMANINA" CONTRO I NARCOS ALBANESI

 ‪#‎ROMA‬. ‪#‎ARRESTATI‬ DALLA ‪#‎POLIZIADISTATO‬ 2 ‪#‎PUSHER‬ALBANESI. ‪#‎SEQUESTRATI‬ 15 CHILI DI ‪#‎DROGA‬. UNO DEI DUE ERA RICERCATO IN QUANTO RITENUTO IL MAGGIOR FORNITORE DI‪#‎COCAINA‬ DEL ‪#‎CLAN‬ MOLÈ DI ‪#‎GIOIATAURO‬. L’atteggiamento dei due stranieri a piedi in via Torre di Mezzavia ha insospettito gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Romanina, diretto dal dr. Fabio Abis, impegnati già da tempo in una attività volta al contrasto dello spaccio di stupefacenti. Dopo aver chiesto ai due stranieri di esibire i documenti, questi si sono mostrati da subito insofferenti e reticenti a fornire le proprie generalità. I poliziotti, quindi, insieme ai colleghi della squadra di Polizia Giudiziaria dello stesso ufficio, hanno proceduto alla loro perquisizione durante la quale sono stati sequestrati 2 telefoni cellulari nonché delle chiavi appartenenti ad un’autovettura e ad un appartamento. Entrambi albanesi, i due sono stati identificati per B.A., di 35 anni, e R.A., di 27 anni. Dai successivi accertamenti, a carico del primo è risultato un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Reggio Calabria per reati inerenti gli stupefacenti, pertanto, al fine di approfondire meglio la loro posizione, i due sono stati accompagnati in Commissariato. Nel frattempo, malgrado gli stranieri avessero dichiarato di essere a piedi, gli agenti della Polizia di Stato, avendo trovato un mazzo di chiavi indosso al 35enne, hanno cercato di rintracciare sia l’autovettura che l’abitazione degli stessi. Poco distante dal luogo del controllo è stata infatti trovata l’auto, mentre l’abitazione era in zona Appio Claudio. La perquisizione dell’autovettura, successivamente sequestrata, ha fatto scoprire un incavo ricavato nel pannello della portiera, tra la lamiera e la parte in plastica interna all’abitacolo, dove poteva essere comodamente ed abilmente nascosta della sostanza stupefacente. Quindi i poliziotti, in considerazione anche dei precedenti dell’uomo, hanno così deciso di recarsi a casa di questo per poter procedere anche qui a perquisizione. In casa, all’interno di una valigia e nell’armadio della camera da letto, sono state rinvenute 7 confezioni di marijuana per un peso complessivo di circa 14 kg, nonché due “cartuccere” contenenti piccoli involucri di hashish per un peso di circa 1 kg. Entrambi gli albanesi sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. B.A., destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare, già estradato in patria nel 2012 per una precedente condanna, è risultato essere un elemento di spicco affiliato al clan Molè di Gioia Tauro. Nel provvedimento emesso nel 2014 dal Tribunale di Reggio Calabria, infatti, l’uomo viene segnalato come il maggior fornitore di Cocaina della medesima associazione mafiosa e per questo ricercato. Roma, 19 agosto 2015 foto di Questura di Roma.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…