Passa ai contenuti principali

ANALIZZATE DALLA D.I.A. PIÙ DI 110.000 SEGNALAZIONI DI OPERAZIONI SOSPETTE, CON TRANSAZIONI FINANZIARIE, CONFLUITE IN PROCEDIMENTI PENALI, CHE SUPERANO 6 MILIARDI DI EURO. SOTTRATTI ALLA CRIMINALITÀ BENI PER OLTRE 600 MILIONI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

ANALIZZATE DALLA D.I.A. PIÙ DI 110.000 SEGNALAZIONI DI OPERAZIONI SOSPETTE, CON TRANSAZIONI FINANZIARIE, CONFLUITE IN PROCEDIMENTI PENALI, CHE SUPERANO 6 MILIARDI DI EURO.
SOTTRATTI ALLA CRIMINALITÀ BENI PER OLTRE 600 MILIONI.

La Direzione Investigativa Antimafia ha potenziato le attività investigative finalizzate ad anticipare i rischi di infiltrazioni mafiose.

Negli ultimi dodici mesi, sul fronte della prevenzione antiriciclaggio, la D.I.A. è riuscita ad analizzare tutte le oltre 110.000 segnalazioni di operazioni sospette” (s.o.s.) pervenute dallUnità di Informazione Finanziaria (U.I.F.) della Banca dItalia. A tali segnalazioni corrispondono 486.952 operazioni finanziarie, di cui oltre 100.000 sono contraddistinte dal ricorso al contante, riferibili ad un importo pari a 9 miliardi di euro.

Sono 40 le categorie di soggetti destinatari degli obblighi di segnalazione. Tuttavia, gli intermediari finanziari” (banche ed altro) segnalano di più (88% del totale), mentre con una stima di poco superiore al 4% si collocano i professionisti.

Delle oltre 110.000 segnalazioni analizzate dalla D.I.A. più di 23.000 sono state trasmesse alla Procura Nazionale Antimafia, perché potenzialmente attinenti alla criminalità organizzata.

Di queste ultime, circa 4.000 (riferibili ad oltre 25.000 transazioni) sono confluite direttamente, su impulso della P.N.A., in investigazioni penali in corso, per un volume finanziario che supera i 6 miliardi di euro.

La dimensione complessiva del fenomeno è percepibile dai dati diffusi dallU.I.F. nel suo ultimo rapporto annuale, dove viene stimato, per il 2016, come limporto totale delle transazioni effettivamente eseguite riguardanti le s.o.s. superi gli 88 miliardi di euro, che sfiorano i 155 miliardi qualora si considerino anche le operazioni tentate.

Significativa, infine, appare la ripartizione geografica relativa alleffettuazione di tali operazioni, che evidenziano una concentrazione maggiore nel nord Italia (46%), cui seguono il Sud (23%), il Centro (20%) e le Isole (7%).

Sempre negli ultimi dodici mesi la Direzione Investigativa Antimafia ha sottratto alle principali consorterie criminali patrimoni per oltre 600 milioni di euro, frutto dellazione propositiva dellAutorità Giudiziaria e del potere diniziativa del Direttore della D.I.A..

Roma, 7 agosto 2017

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/