Passa ai contenuti principali

PER UN'ANTIMAFIA DEL GIORNO PRIMA: PROPOSTE DELLA FONDAZIONE CAPONNETTO

PER UN'ANTIMAFIA DEL GIORNO PRIMA La Fondazione Antonino Caponnetto ritiene che oggi la mafia sia il principale problema dell'Italia con un fatturato che raggiunge i 200 miliardi di euro in Italia ed i 2000 in Europa . Come di consueto quindi è nostra intenzione presentare alcune proposte utili a combattere i fenomeni mafiosi e di criminalità organizzata. Vediamo quali sono. INSERIRE I COSTI VIVI DELLE INTERCETTAZIONI NEGLI ONERI A CARICO DELLE SOCIETÀ TELEFONICHE CONCESSIONARIE DELLE LICENZE. Si risparmierebbero milioni di euro. INASPRIMENTO CONSIDEREVOLE DELLE PENE PER CHI DETIENE ARMI DA FUOCO IN MODO ILLEGALECalerebbe il numero delle rapine con le armi da fuoco. Si limiterebbero i regolamenti cruenti tra bande in strada. FORMAZIONE ELENCO ESAUSTIVO DEI BENI CONFISCATI E RAFFORZAMENTO DELL'AGENZIA DEDICATA.Servirebbe ad avere un quadro preciso della situazione. UTILIZZO DEI BENI GIÀ DOPO IL SEQUESTRO QUANDO CI SI TROVA DI FRONTE ALL'ART. 416 BIS.Porterebbe ad un maggiore e più rapido utilizzo dei beni. FORMAZIONE ELENCO NAZIONALE DELLE INTERDITTIVE ANTIMAFIA. E' già previsto dalla nuova normativa ed aiuterebbe le singole prefetture e più in generale tutti gli operatori a colpire i mafiosi imprenditori. Al momento basterebbe l'implementazione della già esistente Banca Dati Interforze. QUANDO UN' ATTIVITÀ ECONOMICA SOTTRATTA AI MAFIOSI VIENE CONSEGNATA PREVEDERE UNA NORMA CHE ESTENDA I FIDI BANCARI PREESISTENTI PER ALMENO CINQUE ANNI.Permetterebbe di evitare come spesso accade che dopo la consegna di un bene vengano a mancare di colpo i fidi e le garanzie preesistenti. PERMETTERE IN TEMPI RAPIDI L'UTILIZZAZIONE DEL PARCO AUTO CONFISCATO ANCHE PER LE ASSOCIAZIONI ANTIMAFIA CON ESONERO DEL BOLLO PER CINQUE ANNI E CON SCONTO DEL 75% SUL COSTO ASSICURATIVO. Aiuterebbe il mondo antimafia e si eviterebbe di far invecchiare nei garage numerose auto tolte ai mafiosi. CREAZIONE DI UNA WHITE LIST DELLE IMPRESE.Permetterebbe di evitare in origine la partecipazione alle gare degli imprenditori mafiosi. TESTO UNICO ANTIMAFIA. Sono stati fatti passi avanti con il codice antimafia ma non bastano. 41 BIS RAFFORZATO. Il 41 bis ancora regge ma troppo spesso si parla di abolizione con apposite campagne di promozione mafiosa. UTILIZZO PER LE FORZE DELL'ORDINE CHE NON HANNO BENZINA DEI SOLDI CONFISCATI ALLA MAFIA PROVENIENTI DAL FUG. Piccoli passi avanti ma non bastano. ISTITUZIONE DEL REATO DI AUTO RICICLAGGIO, ED UNA MIGLIORE DEFINIZIONE TRAFFICO DI INFLUENZA E CORRUZIONE TRA PRIVATI. Il primo ancora non è reato, gli altri due si ma in modo blando nella nuova legge sulla corruzione. MAGGIORE TUTELA DEI TESTIMONI DI GIUSTIZIA E DEI CITTADINI SOGGETTI AD USURA. Nessun passo avanti al momento. AZZERAMENTO DELL'ATTUALE NORMATIVA SUGLI APPALTI PER SOSTITUIRLA CON UNA PIU' EFFICACE. Nessun passo avanti al momento. ASSEGNAZIONE ED UTILIZZO VELOCE DEI BENI CONFISCATI. Situazione stazionaria. RAFFORZAMENTO DELLA DIA CON IL RITORNO AL SUO SPIRITO ORIGINARIO VOLUTO DA FALCONE E CONDIVISO DA CAPONNETTO E CREAZIONE DI UNA AGENZIA FEDERALE EUROPEA. Piccoli passi avanti sono stati fatti. Bisogna proseguire nel rafforzamento. MODIFICA DELL'ART. 416 BIS PER ESTENDERE TALE REATO ANCHE ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA E DELL' ART. 7. L. 203/91 (AGGRAVANTE CON METODO MAFIOSO) In questo modo diventa più semplice colpire le nuove forme mafiose e la nuova criminalità economica. MODIFICA ART 416 TER ABOLENDO IL CONCETTO DI CONSAPEVOLE PROCACCIAMENTO. In questo modo si colpirebbe in modo efficace il voto di scambio.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…