Passa ai contenuti principali

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) SU DOSSIER SAN MARINO

IL REPORT CHE GIRA A SAN MARINO... Si parla di fatti scabrosi come se fosse un dossier a luce rossa. Si parla di politici con il nome accostato alla mafia e si desidera tirare fuori i nomi oppure si vuole che determinati nomi escano dal report o dossier che si voglia. E' bene fare chiarezza visto che qualcuno dice di avere il dossier anche con una discreta, ma non sufficiente precisione. Partiamo dall'anno scorso. Dopo la presentazione del Report con Vigna, Giarrusso e Crocetta, questo non viene messo da parte ma al contrario aggiornato di continuo, all'incirca con cadenza mensile attingendo tutte le notizie che escono. Queste notizie per non dimenticarle vengono messe su delle bozze di cui ne esistono diverse versioni. Poi da questo materiale che per San Marino arriva ad un centinaio di pagine inizia il lavoro di analisi e di verifica, perchè la lotta alla mafia è una cosa seria e non va affrontata in modo superficiale ed arruffato e le effettive presenze dei clan vanno viste con la necessaria prudenza per evitare anche le eventuali millanterie criminali. Può darsi che una di queste bozze, non so come ma immagino il perchè, sia arrivata a qualcuno e che questo qualcuno la stia facendo girare non autorizzato, tra l'altro in violazione delle norme civili e penali sulla corrispondenza e sulla privacy, ma in realtà questo è solo uno dei problemi. Vedete, chi è abituato a scrivere i report dossier, ed io li scrivo dal 2004, sa bene che una bozza non vale niente ed è solo un punto di partenza per notizie da verificare. Inoltre la bozza che gira da quel che ho capito non è aggiornata se non al giugno 2013, mentre il dossier sarà aggiornato a dicembre 2013 e quello che sarebbe uscito ad ottobre sarebbe stato aggiornato a settembre 2013. Per tagliare la testa al toro però affronterò il caso del politico citato nelle varie testate giornalistiche: Marco Gatti. In qualità di commercialista ha messo a disposizione della magistratura la documentazione contabile nel caso SEVEN ELEVEN S.r.l.. Questo fatto è stato abbondantetemente trattato dalla stampa e dalla politica e per il dossier della Fondazione Caponnetto è assolutamente irrilevante al momento e privo di importanza. Quindi non è tra quelle notizie da inserire in un report sulla mafia, non per volontà di qualche tipo di censura ma perchè non è da inserire in quanto non interessante. Lo stesso vale per il caso relativo al politico ex reggente coinvolto nell'inchiesta, questa sì molto interessante, Money 2 Money che da fonte giornalistica italiana di cui vi allego il link ( http://iltirreno.gelocal.it/prato/cronaca/2013/07/27/news/spediti-in-cina-4-5-miliardi-con-il-money2money-1.7488688 ) non risultà più presente in tale vicenda. Di tale notizia a partire dal 2010 hanno trattato tutti i quotidiani sammarinesi ed un paio di libri usciti. Ebbene anche questo caso oramai è irrilevante. Non l'inchiesta che mantiene un suo interesse per le aree geografiche che tocca. Infine il dossier Scaramella su Podeschi e Stolfi, assolutamente irrilevante per il report antimafia e non solo per questo. Il report non riguarderà solo il passato ma il presente e le analisi future perchè bisogna capire cosa fa la criminalità organizzata oggi e cosa farà domani. Invece sul territorio sammarinese noto un certo nervosismo ed una tendenza al dossieraggio che non mi piace e penso che ciò serva solo a far confusione ed a creare un fumo tale per fare in modo di bloccare le riforme antimafia. In conseguenza di ciò invito quindi chi si occupa di tale materia come la lotta alla mafia ed alla criminalità organizzata a tenere conto di tali mie parole. Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…