Passa ai contenuti principali

PAOLO BORROMETI ANCORA MINACCIATO

solo testo 11:24, Domenica 18 Ottobre 2015 AGI Globale Cronaca cod. R010072 1050 Car. Apri in Pop-up Ricomponi Salva Stampa Invia per E.mail Notizie simili nel Notiziario Storico Priorità bassa Mafia: minacce al giornalista Borrometi, "Ho deciso, tu morirai" (AGI) - Roma, 18 ott. - "Ti acceco con le mie dita. Ho preso la mia decisione, anche se mi arrestano c'e' chi viene a cercarti. Tu morirai". Sono queste le nuove minacce di morte arrivate al giornalista siciliano Paolo Borrometi, 32 anni. Borrometi, collaboratore dell'Agi e direttore del sito web "La Spia.it" e' stato minacciato pubblicamente di morte sul noto social network Facebook da Venerando Lauretta, gia' in carcere per associazione mafiosa. "Ora vai a denunciarmi, voglio pagarti il reato che commetto su di te - scrive Venerando Lauretta nei confronti di Borrometi -. Comunque ti verro' a trovare pure che non vali i soldi del biglietto, saro' dietro la tua porta. Mi viene da ridere pensando il giorno che sei tra le mie mani. Ti devo accecare con le dita, non ti salva neanche Gesu' Cristo. Il tuo cuore verra' messo nella padella e dopo me lo mangero'. Ho preso la mia decisione, anche che se mi arrestano c'e' chi viene a cercarti, tu morirai". (AGI) Red/Mld (Segue) solo testo 11:24, Domenica 18 Ottobre 2015 AGI Globale Cronaca cod. R010073 1509 Car. Apri in Pop-up Ricomponi Salva Stampa Invia per E.mail Notizie simili nel Notiziario Storico Priorità bassa Mafia: minacce al giornalista Borrometi, "Ho deciso, tu morirai" (2) (AGI) - Roma, 18 ott. - Paolo Borrometi e' da tempo sotto tutela, dopo essere stato oggetto di intimidazioni ed anche una aggressione, che ha lasciato al giornalista una menomazione alla spalla. Gia' ad agosto scorso il cronista era stato minacciato di morte da Gionbattista Ventura, fratello di Filippo Ventura che, per la Direzione Nazionale Antimafia (Relazione 2014) e' il capomafia di Vittoria (Ragusa) e per questa motivazione e' in carcere. Il Ventura aveva scritto: "Ti scippero' la testa, saro' il tuo incubo. Ti scippero' la testa ovunque, anche all'interno del Commissariato di Vittoria". Paolo Borrometi su Facebook commenta: "Quale sarebbe (stavolta) la mia colpa? Quella di avere denunciato, fra gli altri, anche Venerando Lauretta e suo figlio (Riccardo) per minacce e ingiurie. Per Lauretta, suo figlio no, non dovevo denunciarlo. Lui poteva e puo' minacciarmi, a seguito di alcuni miei articoli sulle attivita' illegali della famiglia Lauretta nel Mercato di Vittoria, ma io no, non potevo ne' dovevo denunciarlo. Perche' per Lauretta - scrive Borrometi - "loro" possono fare e minacciare di morte tranquillamente. Noi non possiamo denunciare. Eppure chi crede nella Giustizia, deve denunciare e sa che accanto avra' le Forze dell'Ordine. Cosi' come sono certo sara' anche questa volta con me. Sono stanco, dobbiamo fare quadrato contro questi mezzi uomini. Denunciare sempre e stare accanto a chi denuncia". (AGI) Red/Mld solo testo 11:29, Domenica 18 Ottobre 2015 AGI Globale Cronaca cod. R010074 1370 Car. Apri in Pop-up Salva Stampa Invia per E.mail Notizie simili nel Notiziario Storico Priorità bassa Mafia:Giarrusso(M5S),inammissibili minacce di morte a giornalista (AGI) - Roma, 18 ott. - "Noi stiamo con Paolo Borrometi. E' inammissibile ed inconcepibile che nel nostro paese si possa impunemente minacciare di morte un giornalista". Lo afferma il senatore del Movimento 5 Stelle e componente della Commissione Antimafia, Mario Michele Giarrusso, esprimendo solidarieta' nei confronti del giornalista siciliano, Paolo Borrometi, minacciato di morte da alcuni soggetti legati alla criminalita' organizzata di Vittoria (Ragusa). "Lauretta e Ventura, mafiosi di Vittoria, pensano forse di vivere in una repubblica delle banane? Questa e' l'Italia - afferma Giarrusso - e nel nostro Paese persone come Lauretta e Ventura dovrebbero essere da tempo in galera senza possibilita' di ritornare liberi". Giarrusso annuncia che: "La prossima settimana interverro' in Senato perche' il Movimento 5 Stelle non puo' permettere che queste minacce restino impunite e cadano nel silenzio. La misura e' colma. L'arroganza e la tracotanza dei mafiosi sembra non aver limite. Ma questi delinquenti stanno commettendo un grave errore: Paolo Borrometi, ma anche Nello Trocchia e tutti i giornalisti coraggiosi ed indipendenti come loro non sono soli. Il Movimento - conclude - e' con loro e chiedera' misure urgentissime per far cessare queste vergognose ed infami minacce". (AGI) red/Mld Mafia: nuove minacce al giornalista Paolo Borrometi ZCZC0658/SXA XRR27059_SXA_QBXB R POL S0A QBXB Mafia: nuove minacce al giornalista Paolo Borrometi Giarrusso (M5s), misura e' colma chiederemo provvedimenti urgenti (ANSA) - ROMA, 18 OTT - Nuove minacce di morte sono arrivate al giornalista siciliano Paolo Borrometi, 32 anni. Borrometi e' stato minacciato a morte su Facebook da Venerando Lauretta, gia' in carcere per associazione mafiosa e dal figlio, Riccardo Lauretta. "Quale sarebbe, stavolta, la mia colpa?", si chiede il giornalista. "Quella di aver denunciato, tra gli altri, anche lui e suo figlio. Per Lauretta, suo figlio non dovevo denunciarlo...Lui puo' minacciarmi a seguito di alcuni miei articoli, loro possono minacciare di morte tranquillamente ma noi non possiamo denunciare. Eppure chi crede nella giustizia deve denunciare...Sono stanco, dobbiamo fare quadrato contro questi mezzi uomini". A fianco del giornalista Paolo Borrometi si schierano i 5 stelle. "E' inammissibile e inconcepibile - afferma il senatore 5 stelle Mario Michele Giarrusso - che nel nostro paese si possa minacciare impunemente di morte un giornalista. Lauretta e Ventura, mafiosi di Vittoria (rg) pensano forse di vivere in una repubblica delle banane?". Il senatore assicura che la prossima settimana interverra' in senato sulla vicenda, "non si puo' permettere che queste minacce restino impunite e cadano nel silenzio. La misura e' colma. Ma questa delinquenti - conclude Giarrusso - stanno commettendo un grave errore: Paolo Borrometi, ma anche Nello Trocchia e tutti i giornalisti coraggiosi e indipendenti come loro non sono soli. Il Movimento chiedera' misure urgentissime per far cessare queste infami minacce". (ANSA). VR/MRS 18-OTT-15 10:44 NNN --

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…