Passa ai contenuti principali

DIA: GEN. FERLA SU CONTRASTO A RICICLAGGIO

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

IL DIRETTORE DELLA D.I.A. SENTITO DALLE COMMISSIONI RIUNITE
“II GIUSTIZIA” E “VI FINANZE” SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO DI ATTUAZIONE DELLA IV DIRETTIVA EUROPEA SUL CONTRASTO AL RICICLAGGIO.

FERLA (DIA): La DIA tra i principali attori preposti alla tutela del sistema economico-finanziario dalle infiltrazioni della criminalità mafiosa.

“Le nuove disposizioni dello schema di decreto legislativo di attuazione delle direttive comunitarie rafforzano il ruolo e i compiti della D.I.A.”. Lo sostiene il Direttore, Nunzio Ferla, ascoltato oggi dalle Commissioni riunite Finanze e Giustizia.

“In particolare, le norme ribadiscono l’attuale assetto istituzionale mantenendo una chiara distinzione dei ruoli con riferimento alla separazione tra il compito di analisi finanziaria, svolto dall’U.I.F. della Banca d’Italia e le prerogative investigative attribuite alla D.I.A., per gli sviluppi connessi alla criminalità organizzata, e al Nucleo Speciale di Polizia Valutaria”.

“Nello schema di decreto legislativo oltre alle norme della Direttiva comunitaria sono state recepite le importanti esperienze maturate nel corso dell’ultimo biennio”. Ferla, in particolare, ha fatto riferimento al protocollo d’intesa siglato nel maggio del 2015 tra la D.I.A. e la Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo che ha “consentito di raggiungere l’ambizioso obiettivo di esaminare tutte le segnalazioni sospette pervenute e di definire procedure di raccordo info-investigativo grazie alle quali le segnalazioni confluiscono immediatamente alle Procure distrettuali se collegate a procedimenti penali in corso”. Sulla base del proficuo lavoro svolto da uno specifico Gruppo di lavoro, la Procura Nazionale ha emesso specifici atti d’impulso che hanno consentito alle Distrettuali di avviare importanti indagini “antiriciclaggio”.

Roma, 29 marzo 2017

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/