Passa ai contenuti principali

COMUNICATO DIA CATANIA - SEQUESTRO CAPPELLO


Su delega di questa Direzione Distrettuale Antimafia, è in corso da parte di personale della Direzione Investigativa Antimafia di Catania, diretta dal 1° Dir. P.S. dr. Renato Panvino, lesecuzione di un decreto di sequestro beni, emesso dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione nei confronti di CAMBRIA Mario Carmelo, cl. 1986, esponente di spicco della criminalità etnea, in particolare del noto clan mafioso Cappello-Bonaccorsi.
Il provvedimento, finalizzato alla successiva confisca dei beni, riguarda i beni mobili e immobili e somme di denaro, individuati a conclusione dei complessi accertamenti patrimoniali delegati alla D.I.A., e riconducibili direttamente o indirettamente al CAMBRIA Mario Carmelo.
Questi è figlio del più noto CAMBRIA Andrea, soggetto ritenuto organico al Clan mafioso etneo Cappello, nei confronti del quale già nellottobre 2017 la D.I.A. di Catania aveva eseguito il sequestro di autoveicoli e somme di denaro per un valore di circa 200 mila euro.
CAMBRIA Mario Carmelo, di anni 32, vanta una serie di precedenti di polizia per reati in materia di sostanze stupefacenti, con laggravante del metodo mafioso, e furto.
Più volte tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, in data 17.03.2016, nellambito dellOperazione di Polizia denominata Family, condotta dalla Polizia di Stato, veniva colpito da ordinanza applicativa di misura cautelare, unitamente al padre Andrea e altri n.7 soggetti, tutti ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti nonché di traffico illecito di sostanze stupefacenti, con laggravante di cui allart. 7 Legge 203/91, per aver agevolato il clan mafioso etneo Cappello  Bonaccorsi, e di essere lassociazione armata. Dalle investigazioni condotte il CAMBRIA Andrea emergeva come promotore dellassociazione criminale che trafficava in stupefacenti, dei quali si approvvigionava in Campania e Calabria.
Sempre nellanno 2016, sulla scorta delle pregresse vicende penali sin qui riportate, che ne evidenziavano labitualità a delinquere, il Tribunale di Catania -Sezione Misure di Prevenzione-  decretava nei suoi confronti lapplicazione della Misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S., nella misura di anni due, con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza e cauzione di €. 3.000,00.
I minuziosi e complessi accertamenti patrimoniali svolti dalla D.I.A. nei confronti di CAMBRIA Mario Carmelo, estesi anche al suo nucleo familiare, hanno consentito non solo di pervenire ad una puntuale ricostruzione del suo profilo criminale, ma anche di accertare la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati, in base allattività svolta dallo stesso, e gli arricchimenti patrimoniali del predetto.
Lesito della complessa e articolata attività svolta è stato condiviso dal Tribunale  Sezione Misure di Prevenzione, che ha emesso lodierno provvedimento ablativo che interessa anche beni fittiziamente intestati alla moglie RANNO Antonella, in particolare, unabitazione, un garage, unautovettura e somme di denaro cointestate, per un valore complessivamente stimato in circa 300 mila di euro.

Post popolari in questo blog

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.