Passa ai contenuti principali

FONDAZIONE CAPONNETTO INTERVIENE SU VICENDA SORELLE NAPOLI


Appresa la storia di Irene, Gioacchina ed Anna Napoli e la loro madre Gina, quattro donne forti e coraggiose che, con tutte le loro forze stanno difendendo le loro terre da continue intimidazioni e raid dei pascoli, la Fondazione Caponnetto  si è mobilitata con la responsabile di Palermo Giusi Badalamenti che immediatamente si è messa a lavoro e dopo aver incontrato le sorelle Napoli, chiedendo al senatore Giarrusso che fa parte della Fondazione Caponnetto e nella scorsa legislatura in commissione antimafia, di intervenire in proposito.
In merito Giusi Badalamenti ha detto: 《È importante esser vicino a gli imprenditori ed agricoltori siciliani che in sicilia subiscono intimidazioni e minacce da parte della mafia, il nostro gesto è un segnale forte contro chi si crede intoccabile e al di sopra della giustizia ma, mi rivolgo anche a tutti coloro che subiscono minacce ed hanno paura di denunciare e spesso mollano tutto, ed invito a prendere esempio dalle Signore Napoli. Desidero ringraziare il Senatore Giarrusso per aver fin da subito lavorato con il suo movimento presente quel giorno affinché le sorelle Napoli avessero non solo la vicinanza delle istituzioni sane ma anche un concreto risultato. Per questo è stato importante che il Sen. Giarrusso  in quel giorno abbia telefonato al Dott Cuttaia per verificare l'istanza di finanziamento (vittime di mafia) avanzata dalle Sig.re Napoli nel luglio 2017 e non ancora erogata e che il prefetto Dott. Cuttaia fin da subito abbia dimostrato disponibilita nel verificare e sbloccare l'istanza. naturalmente siamo ancora all'inizio e noi come Fondazione ci auguriamo e siamo fiduciosi che i colpevoli di tutto verranno garantiti alla giustizia... sia una questione di tempo".
Il presidente Salvatore Calleri interviene in proposito ricordando che le sorelle Napoli nel 2017 hanno ricevuto il premio Caponnetto su candidatura della Fondazione Raggio di Luce Onlus di Pistoia e ringrazia il giornalista Salvo Palazzolo di Repubblica per aver segnalato il caso.

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

DIA GENOVA - PONTE MORANDI - ARRESTI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA DIA DI GENOVA ESEGUE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE E SEQUESTRI NEI CONFRONTI DEGLI AMMINISTRATORI DI UN'IMPRESA GIÀ IMPEGNATA NELLA RICOSTRUZIONE DEL PONTE MORANDI

La D.I.A. di Genova sta eseguendo, in Liguria e in Campania, due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, nei confronti dell'amministratore di fatto (ritenuto contiguo ad elementi inseriti in organizzazioni camorriste) della TECNODEM S.r.l. di Napoli - società già impegnata nella demolizione del ponte Morandi” - e di una donna considerata prestanome nell'ambito della medesima compagine societaria.
Sono altresì in corso perquisizioni con esecuzione di sequestri preventivi.
I provvedimenti traggono origine da una articolata indagine, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova e condotta dalla D.I.A.…

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…