Passa ai contenuti principali

COMUNICATO DIA TRAPANI SU OPERAZIONE FREEZER

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

OPERAZIONE FREEZER: LA D.I.A. E LA QUESTURA DI TRAPANI
AZZERANO I VERTICI DELLA FAMIGLIA MAFIOSA DI ALCAMO
FACENTE CAPO AD IGNAZIO MELODIA

Allalba di questa mattina la D.I.A. e la Polizia di Stato di Trapani hanno dato esecuzione ad unordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale Palermo, nei confronti di Ignazio MELODIA, 61enne a capo della famiglia mafiosa di Alcamo (TP) per volere diretto di Matteo MESSINA DENARO che presenziò alla sua rituale cerimonia di affiliazione, Salvatore GIACALONE, 62enne di Alcamo (TP), Antonino STELLA, 69enne originario di Marsala (TP), Filippo CRACCHIOLO, 56enne di Alcamo (TP), Giuseppe DI GIOVANNI, 32enne di Alcamo (TP), e Vito TURRICCIANO, 70enne, attualmente detenuto, di Castellammare del Golfo (TP), tutti ritenuti, a vario titolo, facenti parte della citata organizzazione mafiosa.

Lattività odierna scaturisce dagli esiti delloperazione freezer, coordinata dalla D.D.A. di Palermo che ha permesso, tra laltro, di far emergere una serie di estorsioni a carico di imprenditori locali, nonché il tentativo di infiltrazione di cosa nostra nel libero svolgimento delle elezioni amministrative del posto.

Significativo è il fatto che i più importanti dialoghi sulle attività della famiglia mafiosa siano avvenuti allinterno della cella frigorifera del negozio di ortofrutta di Filippo CRACCHIOLO, ad Alcamo. Nel negozio, infatti, punto di incontro dei principali esponenti mafiosi del luogo, sono state occultate dalla Polizia di Stato di Trapani le microspie, che hanno disvelato gli affari illeciti della citata consorteria e gli incontri nei quali Ignazio MELODIA ha avanzato pretese estorsive e illustrato lassetto e le regole interne a “cosa nostra” trapanese.

Dalle investigazioni svolte della D.I.A. di Trapani è, invece, emerso come Giuseppe DI GIOVANNI, in occasione delle elezioni amministrative del giugno 2016, abbia procurato voti, con minacce anche a mano armata, a favore della compagna Alida Maria Lauria, candidata per la lista civica Insieme si può, connessa al candidato sindaco Baldassarre Lauria. La donna non fu eletta, ma ottenne 140 voti. Nel perseguimento delle finalità elettorali, il DI GIOVANNI coinvolse anche il MELODIA, accompagnandolo presso la sede elettorale della Lauria e riferendogli il nome di chi si opponeva alla candidatura della compagna. Di Giovanni, allo scopo, ha sistematicamente coadiuvato il capo mafia MELODIA facendogli da autista e partecipando a incontri riservati con altri mafiosi.

In sintesi, dalle indagini della Polizia di Stato e della D.I.A. si è avuta ulteriore conferma che la famiglia MELODIA, affiliata ai Corleonesi, è da anni saldamente a capo del “mandamento di Alcamo”, nonostante i ripetuti arresti subiti.

Trapani, 21 febbraio 2017

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/