Passa ai contenuti principali

MASSONERIA GOI: BINDI E GIARRUSSO ALL'ATTACCO

Massoneria: Bindi, nessuno fermerà il nostro lavoro

Giarrusso (M5S), Bisi (Goi) si fa beffe dell'Antimafia

(ANSA) - ROMA, 8 FEB - Né la presidente dell'Antimafia né la Commissione "consentiranno a chicchessia di provocare o dileggiare le istituzioni di questo Paese. Se qualcuno intende farlo non glielo permetteremo, se qualcuno vuole continuare ad avanzare bislacche motivazioni giuridiche può continuare a farlo ma queste non avranno alcun appiglio né fermeranno il nostro lavoro". Così ha risposto la presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, nell'apertura della seduta odierna, al senatore Michele Giarrusso (M5S) che ha posto all'attenzione della Commissione recenti dichiarazioni del Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia (Goi), Stefano Bisi.
"Dichiarazioni che - ha detto Giarrusso - sembrano da un lato una reazione all'audizione dell'ex Gran Maestro del Goi Di Bernardo che ha fatto specifico riferimento ai documenti sequestrati dal procuratore Agostino Cordova e ha visto la reazione del Goi che è stata chiedere la restituzione di quei documenti. Dall'altro, sono dichiarazioni che sembrano farsi beffe di questa Commissione, dei suoi lavori e della sua presidenza".
Giarrusso ha chiesto di valutare l'acquisizione dei documenti ancora presso la procura di Roma prima che vengano restituiti al Goi. "La sua richiesta è degna di essere valutata in ufficio di presidenza", gli ha risposto Bindi. (ANSA).

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/