Passa ai contenuti principali

COMUNICATO DIA CATANIA - CLAN TRIGILA

Direzione Investigativa Antimafia

COMUNICATO STAMPA

CATANIA: LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER UN VALORE DI 1.000.000,00 DI EURO AD ESPONENTI DI SPICCO DEL CLAN TRIGILA DI NOTO.


Dalle prime ore della mattinata odierna personale della D.I.A. di Catania, diretta dal 1° Dir. della Polizia di Stato dr. Renato PANVINO, sta eseguendo due decreti di sequestro beni emessi dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione - su proposte avanzate dal Direttore della D.I.A. Giuseppe GOVERNALE, in sinergia con la Procura della Repubblica di Catania diretta dal Procuratore dr. Carmelo ZUCCARO, nei confronti di TRIGILA Antonio Giuseppe cl. 1951, inteso Pinnintula capo indiscusso dellomonimo clan mafioso - operante nella zona sud della provincia di Siracusa, inserito nel più ampio cartello mafioso con il clan diretto dal noto boss NARDO Sebastiano e legato al pericoloso ed egemone clan mafioso catanese SANTAPAOLA - condannato alla pena dellergastolo, e TRIGILA Gianfranco, cl. 1974, fratello del predetto, esponente di spicco del medesimo clan.
La carriera criminale dei fratelli TRIGILA, Antonio Giuseppe e Gianfranco è costellata da numerosi precedenti penali tra i quali vanno evidenziati, a vario titolo, lassociazione mafiosa, la partecipazione ad associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, acquisto detenzione e vendita illeciti di sostanze stupefacenti, riciclaggio, estorsione in danno di esercizi commerciali, omicidio, porto illegale di armi e furto.
In data 26.09.2016, da ultimo, la Polizia di Stato di Siracusa, nellambito dellOperazione di Polizia denominata Ultimo Atto ha dato esecuzione allordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania nei confronti di BIANCA Nunziatina, moglie di TRIGILA Antonio Giuseppe e nei confronti di TRIGILA Gianfranco, in quanto indagati per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e per la gestione diretta della stessa attività di spaccio, il tutto aggravato dalla finalità mafiosa, al fine di agevolare le attività del sodalizio mafioso in questione.
I minuziosi e complessi accertamenti patrimoniali svolti dalla D.I.A. di Catania nei confronti di TRIGILA Antonio Giuseppe e del fratello TRIGILA Gianfranco, estesi anche ai rispettivi nuclei familiari, hanno consentito non solo di pervenire ad una puntuale ricostruzione del loro profilo criminale, che ne ha evidenziato la spiccata pericolosità sociale, ma anche di accertare, in base allattività svolta dagli stessi, la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati e gli arricchimenti patrimoniali dei predetti, evidentemente provento dellattività delittuosa. Lesito della complessa e articolata attività svolta è stato condiviso dal Tribunale di Catania che ha disposto, con i provvedimenti ablativi in corso di esecuzione, il sequestro dei beni, complessivamente stimati in oltre 1.000.000,00 euro.
Nel corso delle indagini svolte nellambito delloperazione di Polizia denominata Ultimo Atto è stato accertato, infatti, che lomonimo clan mafioso, oltre ad essere dedito alle tradizionali attività illecite delle estorsioni, dello smercio di stupefacenti e del gioco dazzardo, gestiva, direttamente e/o indirettamente, altre attività legate alle risorse del territorio attraverso la fittizia intestazione a terzi di immobili e società.
Dai colloqui in carcere intercorsi fra TRIGILA Antonio Giuseppe ed i suoi familiari, captati nellambito delle attività investigative, emergeva inconfutabilmente linteressamento del capo clan nei confronti di unimpresa esercente lattività di fabbricazione di imballaggi in legno, operante nellindotto del mercato ortofrutticolo di Pachino.
Il TRIGILA, infatti, si informava in merito agli affari economici dellazienda ed alle somme di denaro provenienti dallattività svolta che dovrebbero entrare nelle casse del clan.
Al riguardo, infatti, il TRIGILA riferiva chiaramente di aver effettuato un cospicuo investimento nella suddetta impresa  circa trecentocinquanta milioni, non meglio specificati -  per lacquisto di un macchinario per la costruzione delle cassette.
Successivi accertamenti patrimoniali permettevano di acclarare che la predetta impresa era stata acquistata da BUONORA Graziano, genero del capo clan Pinnintula.
Il patrimonio oggetto dellodierno sequestro è composto da:
compendio aziendale di unimpresa individuale operante nel settore di bar e ristorazioni;
unimpresa individuale operante nel settore della fabbricazione di imballaggi in legno;
quattro autoveicoli ed un motoveicolo;
nr. 5 immobili;
rapporti finanziari e disponibilità bancarie;
per un valore complessivo di oltre 1.000.000,00 di euro.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…