Passa ai contenuti principali

LUMIA - CAPIRE IL BOSS CORONA AIUTA A SCOPRIRE COSA NOSTRA DI OGGI

CAPIRE IL BOSS CORONA AIUTA A SCOPRIRE COSA NOSTRA DI OGGI



Bisogna concentrarsi per qualche momento sull’operazione della Guardia di Finanza della DDA di Palermo sul boss di cosa nostra Giuseppe Corona e sul suo sistema di relazioni.

  Innanzitutto il boss Corona ha un pedigree storico in cosa nostra, con il padre ucciso e con una condanna a 16 anni di carcere alle spalle per omicidio. Ecco la prima lezione. In questa area di fine pena si trova la forza dell’organizzazione che via via  resiste alla cattura dei suoi boss. Colpire l’organizzazione sul piano penale, culturale, economico e politico è decisivo se vogliamo vincere la guerra alle mafie oltre che raggiungere importanti risultati in alcune singole battaglie.

Il boss Corona era attorniato da una fitta rete di insospettabili prestanome e professionisti, avvocati e imprenditori di ogni genere che gestivano locali tra i più noti della città. Ma attenzione, non vorrei che passassero in secondo piano due fatti: la presenza del boss nell’Ippodromo e la sua attività di  fornitore di catering a Villa Niscemi, famosa sede di rappresentanza del Sindaco di Palermo. Ecco come i boss sono ancora oggi in grado di entrare nei ‘santuari’  della società palermitana e chissà ancora quante altre presenze ancora da svelare in altri importanti ‘santuari’ del potere economico palermitano,  come ho avuto modo di segnalare in una delle mie ultime interrogazioni solo di  pochissimi mesi fa.
Un’altra lezione allora. Non bisogna abbassare la guardia nell’ aggressione ai patrimoni e non bisogna fare alcun passo indietro nel sistema delle interdittive antimafia e della lotta al riciclaggio.

Anche la politica deve trarre una lezione. Strumentalizzare la lotta alla mafia o addirittura combattere l’antimafia è un modo per fare un regalo alle cosche. Nessun partito o movimento politico è immune da tentativi di infiltrazione. Anche in questo caso la migliore difesa è l’attacco, facendo della lotta alla mafia una vera progettualità integrata e sistemica in grado di guidare il nostro Paese e la comunità internazionale  per colpire le mafie sia sul versante repressivo-giudiziario che su quello culturale  e sociale, sia sul versante economico-finanziario che su quello politico-istituzionale.

Giuseppe Lumia

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

OMICIDIO DI MAFIA A PESARO: NON CADERE MAI NELLA TRAPPOLA CHE LA MAFIA NON SPARA PIÙ O DIMENTICA... di Giuseppe Lumia

A Pesaro si è consumato un gravissimo omicidio di mafia proprio in pieno centro. Ad agire due killer a volto coperto;  ad essere colpito il fratello di un collaboratore di giustizia calabrese. L’agguato è stato realizzato platealmente la notte di Natale.

Il Capo della Procura Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, ha spiegato bene il carattere mafioso dell’omicidio e il segnale di sfida che con esso viene lanciato allo Stato.

C’è, insomma,  da riflettere per individuare  e superare alcune trappole in cui spesso si cade.


PRIMA TRAPPOLA: LE MAFIE NON SPARANO PIÙ.
Per mesi e mesi si è diffuso uno strano _leitmotiv_ legato all’analisi che le mafie non ricorrono più all’uso della violenza, e in particolare degli omicidi, perché ormai si sono trasformate  in “mafia d’affari”. Una cosa è invece certa: le mafie più si tuffano negli affari  più mantengono sul tavolo del proprio agire il possibile uso della violenza. In sostanza al famoso _kalashnikov_ non si rinuncia mai. L‘Ndrangheta…

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…