Passa ai contenuti principali

VITTORIA: ARRESTI PER SPACCIO DI STUPEFACENTI E DENUNCIA PER CORSA CLANDESTINA DI CAVALLI.

Compagnia Carabinieri di Vittoria NOTA:


Comunicato Stampa VITTORIA: ARRESTI PER SPACCIO DI STUPEFACENTI E DENUNCIA PER CORSA CLANDESTINA DI CAVALLI. Fine settimana d’intenso lavoro per i Carabinieri della Compagnia di Vittoria impegnati in un servizio a largo raggio di controllo del territorio, con l’impiego di numerose pattuglie dei comandi dipendenti, che hanno eseguito una serie di posti di controllo lungo le principali arterie cittadine e svariati interventi che si sono conclusi con arresti e denunce in stato di libertà di numerosi soggetti. Proprio nel corso di tale servizio, nella serata di sabato, una pattuglia della locale Aliquota Radiomobile è intervenuta in Piazza Manin di Vittoria, noto luogo di aggregazione di soggetti di origine nord – africana dediti anche allo spaccio di sostanze stupefacenti, ove notavano un soggetto che veniva subito riconosciuto dai militari in ESSALAH Samir, tunisino di anni 33, pregiudicato e per questo ben noto ai militari che, sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di gr. 70 di sostanza stupefacente del tipo hashish già pronta per essere immessa sul mercato. Durante il controllo però lo stesso, intuendo che stava per essere tratto in arresto, si dava alla fuga a piedi per le vie limitrofe, aiutato dai numerosi connazionali che in quel momento affollavano la piazza, che aggredivano i militari per impedirgli di portare a termine le operazioni. In aiuto dei Carabinieri, fortunatamente, intervenivano due coniugi di anni 62 e 60 residenti nella vicinanze che, vista la situazione, con alto senso civico non esitavano ad intervenire in ausilio ai Carabinieri, ma venivano anche loro aggrediti. A quel punto solo l’intervento di altre pattuglie delle Forze dell’Ordine riusciva a riprendere il controllo della situazione e ESAALAH Samir veniva tratto in arresto per spaccio di stupefacenti e, dopo le formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato associato alla locale casa circondariale. I militari della Compagnia di Vittoria e i due eroici coniugi intervenuti in loro aiuto, invece, venivano medicati presso il locale Pronto Soccorso, ove gli venivano diagnosticate lesioni personali giudicate guaribili tra 7 e 30 giorni. In particolare, ad avere la peggio, sono stati uno dei Carabinieri, che ha riportato un trauma cranico con frattura dello zigomo e la donna che ha riportato la frattura del setto nasale. Altro intervento significativo svolto dall’Arma di Vittoria è stato quello effettuato a Scoglitti, in c.da Berdia, dove, nel corso di un servizio appositamente predisposto, i Carabinieri della locale Stazione sorprendevano nr.7 soggetti intenti a svolgere una corsa clandestina di cavalli, che veniva interrotta dall’arrivo dei militari, che identificavano tutti i soggetti partecipanti alla competizione, che venivano deferiti in stato di libertà per maltrattamento di animali e organizzazione di competizione non autorizzata tra animali, mentre i cavalli venivano sottoposti a sequestro per essere sottoposti a visita veterinaria da parte di personale dell’ASP di Ragusa.

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

DIA GENOVA - PONTE MORANDI - ARRESTI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA DIA DI GENOVA ESEGUE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE E SEQUESTRI NEI CONFRONTI DEGLI AMMINISTRATORI DI UN'IMPRESA GIÀ IMPEGNATA NELLA RICOSTRUZIONE DEL PONTE MORANDI

La D.I.A. di Genova sta eseguendo, in Liguria e in Campania, due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, nei confronti dell'amministratore di fatto (ritenuto contiguo ad elementi inseriti in organizzazioni camorriste) della TECNODEM S.r.l. di Napoli - società già impegnata nella demolizione del ponte Morandi” - e di una donna considerata prestanome nell'ambito della medesima compagine societaria.
Sono altresì in corso perquisizioni con esecuzione di sequestri preventivi.
I provvedimenti traggono origine da una articolata indagine, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova e condotta dalla D.I.A.…