Passa ai contenuti principali

CROCETTA SOLIDALE CON ANTOCI

Sicilia. Crocetta:”Solidarietà a Giuseppe Antoci”


Palermo, 27 lug. “E' una mera operazione di “mascariamento”, quella operata
contro Giuseppe Antoci, una persona esposta in prima linea, che rischia
seriamente la vita e compie atti concreti contro la mafia. Non sono riusciti ad
ucciderlo con l'attentato e, adesso, non so con quanta consapevolezza, c'è chi
lo vuole demolire sul piano morale. E' un'azione, questa, avviata sin dai primi
giorni dopo l'attentato, quando qualcuno sosteneva che i colpi erano stati
tirati in basso, come se nel cuore della notte, al buio, si potevano centrare
perfettamente gli obiettivi, come se coloro che sparano non sanno molto bene
che quando si è oggetto di un attentato la prima cosa fa la persona, è buttarsi
al di sotto del sedile  della macchina, come se qualcuno non si fosse studiato
neppure la dinamica dell'attentato che era basata sul fatto di fermare la
macchina, sparare all'altezza delle ruote per impedire che l'auto si potesse
muovere e successivamente incendiarla. Ma questi sono dettagli tecnici che non
ci interessano, fanno parte del lavoro degli investigatori.
Quello che colpisce, è che alcuni signori non sentano il bisogno di attaccare
i mafiosi, che ammazzano, estorcono. No, il bisogno principale è colpire
l'antimafia. Anche quando, come nel caso di Antoci, non è l'antimafia delle
chiacchiere ma quella concreta degli atti amministrativi. Se qualcuno ha da
dire qualcosa e vuole criticare Antoci, trovi atti nelle vicende del Parco dei
Nebrodi che non siano in linea con questa scelta chiara di combattere la mafia.
Alcuni si devono solo vergognare e chiedere scusa non solo ad Antoci, ma a
tutti i siciliani onesti.
Antoci ha querelato i diffamatori e io sono convinto che anche in questo caso
ci sarà giustizia, quella giustizia che io ho avuto 4 anni dopo nei confronti
di un giornale che mi aveva “mascariato”. Solo che le sentenze arrivano dopo,
nel frattempo oltre al dolore di Antoci, dei suoi familiari per la crudeltà
dell'attentato, si aggiunge la grande sofferenza generata dall'azione
diffamatrice. Coraggio Giuseppe, i siciliani onesti sono con te”. Lo dice in
una nota il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

DIA GENOVA - PONTE MORANDI - ARRESTI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA DIA DI GENOVA ESEGUE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE E SEQUESTRI NEI CONFRONTI DEGLI AMMINISTRATORI DI UN'IMPRESA GIÀ IMPEGNATA NELLA RICOSTRUZIONE DEL PONTE MORANDI

La D.I.A. di Genova sta eseguendo, in Liguria e in Campania, due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, nei confronti dell'amministratore di fatto (ritenuto contiguo ad elementi inseriti in organizzazioni camorriste) della TECNODEM S.r.l. di Napoli - società già impegnata nella demolizione del ponte Morandi” - e di una donna considerata prestanome nell'ambito della medesima compagine societaria.
Sono altresì in corso perquisizioni con esecuzione di sequestri preventivi.
I provvedimenti traggono origine da una articolata indagine, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova e condotta dalla D.I.A.…