CONFISCA DIA BOLOGNA

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. DI   BOLOGNA CONFISCA BENI AD UN PREGIUDICATO CALABRESE, RITENUTO ELEMENTO DI SPICCO DELLA NDRANGHETA

La Direzione Investigativa Antimafia di Bologna ha confiscato beni mobili e immobili ad un pregiudicato calabrese residente in provincia di Modena, BAGLIO Rocco Antonio, nei confronti del quale è stata irrogata anche la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza.
Entrambe le misure di prevenzione sono state adottate dal Tribunale di Modena, su proposta del Direttore della D.I.A., allesito di accertamenti patrimoniali esperiti dal personale della Sezione Operativa di Bologna.
Originario di Polistena (RC) ed indicato come elemento di spicco della ndrangheta (legato alla famiglia Longo-Versace), BAGLIO Rocco Antonio giunge in Emilia-Romagna negli anni Ottanta, in quanto sottoposto alla Sorveglianza Speciale con divieto di soggiorno nei Comuni dellItalia Meridionale, stabilendosi a Fiorano Modenese (MO).
Nel tempo, risulta aver subito numerose condanne, anche in via definitiva, per numerosi reati quali estorsione, violazione sul controllo delle armi, detenzione abusiva di munizioni e bancarotta fraudolenta, venendo, tra laltro, più volte arrestato.
Gli accertamenti patrimoniali svolti dalla D.I.A. hanno riguardato, in particolare, le imprese immobiliari di cui sono soci i familiari di BAGLIO, ma che, di fatto, sono risultate essere nella totale disponibilità dello stesso pregiudicato.
Lodierna confisca ha, nello specifico, interessato 3 capannoni industriali, 2 appartamenti, 5 appezzamenti di terreno siti nei comuni di Castelnuovo Rangone (MO), Fiorano Modenese (MO) e Formigine (MO), nonché 1 autoveicolo, 1 autocarro e vari rapporti bancari ancora in corso di quantificazione.

Bologna, 11 maggio 2017