Passa ai contenuti principali

RISULTATI OPERATIVI DIA LOMBARDIA

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA


INAUGURAZIONE DELLA NUOVA SEDE
DEL CENTRO OPERATIVO
DELLA DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA DI MILANO.

RISULTATI OPERATIVI


Oggi si è tenuta, nell’anno del “Venticinquennale della Direzione Investigativa Antimafia”, l’inaugurazione della nuova sede del Centro Operativo D.I.A. di Milano, alla presenza del Ministro dell’Interno, Marco Minniti, e del Capo della Polizia – D.G.P.S., Franco Gabrielli.

L’articolazione in argomento, nel corso degli ultimi mesi, ha svolto un’importante attività di prevenzione nel comparto degli accessi ai cantieri, per contrastare i tentativi di infiltrazione mafiosa nel settore degli appalti. In particolare, sono state controllate 341 imprese.

Le richieste di informazioni antimafia pervenute dalle prefetture di Milano, Monza Brianza, Lodi, Como, Varese, Sondrio, Lecco e Pavia sono state, invece, 6.136 ed hanno riguardato, oltre alle iscrizioni alle white list provinciali, gli appalti relativi ad expo 2015, al giubileo, alla ricostruzione post terremoti del centro Italia e ad altre grandi opere. Nello specifico, su 37 provvedimenti interdittivi adottati, 34 hanno riguardato soggetti collegati alla ‘ndrangheta.

Il Centro Operativo meneghino ha valutato, altresì, 371 segnalazioni di operazioni finanziarie sospette, di cui 89 pervenute dalla D.N.A..

Nel settore delle indagini giudiziarie, sono stati eseguiti 10 arresti, 8 dei quali in esecuzione di provvedimenti restrittivi emessi dall’Autorità Giudiziaria (che ha delegato anche 34 perquisizioni), 2 sequestri di denaro contante per 50 mila euro, 2 sequestri  di sostanza stupefacente  (129 kg di marijuana e 5 kg di cocaina) e 24 sequestri di beni immobili e mobili per un controvalore di oltre 5 milioni di euro. Infine, sono state denunciate 24 persone ex art. 416 c.p., con l’aggravante mafiosa dell’art. 7 d.l. 152/91, nonché contestate numerose  violazioni per reati fallimentari, interposizione fittizia e riciclaggio.

Milano, 10 maggio 2017

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/