Passa ai contenuti principali

PROGETTO ARCELLA

COMUNICATO STAMPA Il 26 e il 27 maggio l’Arcella vivrà una intensa esperienza di animazione, programmata in ogni rione, fra cultura e partecipazione sociale. Legalità e territorio: Arcella fare rete per sviluppare buone pratiche di riqualificazione è stato il tema scelto da alcuni studenti dell'Istituto Valle di Padova, impegnati in un percorso di cittadinanza attiva sin dal precedente anno scolastico, ed oggi all’interno del più ampio Progetto GSA - Grande Scuola Arcella, proposto dal Dirigente dell'Ufficio Scolastico Ambito territoriale di Padova, dott. Andrea Bergamo. Durante gli incontri pubblici promossi dalla Fondazione Antonino Caponnetto gli studenti hanno osservato che l’espansione edilizia, avvenuta negli anni '50 e seguita nel tempo con peculiarità proprie, ha ridotto oggi quel pezzo di città ad un area in più punti dequalificata, ricca tuttavia di potenzialità inespresse, caratterizzata da un'importante arteria viaria che taglia in due il quartiere ma che comprende alcune realtà urbane di un certo rilievo quali il Santuario dell'Arcella, la vicina stazione ferroviaria, centri di aggregazione di differente natura, aree dismesse o in via di dismissione. La proposta che i ragazzi hanno avanzato è stata di offrire le loro competenze, in particolar modo con il loro indirizzo fotografico, per disporre una lettura tematica del quartiere grazie alle immagini, strumenti documentari, ma anche espressioni creative, coinvolgendo la popolazione del quartiere attraverso una serie di attività ed eventi divulgativi, quali mostre e spettacoli. I protagonisti sono i cittadini coinvolti sin dal primo momento in attività laboratoriali mediante interviste e raccolta di testimonianze, come anche la creazione di percorsi condivisi a guida dei ragazzi della scuola. L'intento è quello di innescare comportamenti positivi, sia negli studenti sia nella comunità, relativi alla cura, al recupero e alla valorizzazione del paesaggio urbano. Il progetto intende perseguire i seguenti obiettivi: • promuovere la partecipazione attiva, la rielaborazione delle conoscenze, l'apprendimento e lo sviluppo di competenze attraverso l'iniziativa personale delle capacità progettuali; • sollecitare la ricerca e l'indagine sul territorio, con particolare riferimento al patrimonio culturale, paesaggistico e ambientale, ed alle sue risorse; • sviluppare competenze trasversali e comunicative attraverso linguaggi e tecnologie laboratoriali; • incoraggiare la nascita di atteggiamenti, comportamenti, proposte e progetti a favore della difesa dei beni storici, culturali ed ambientali del territorio di appartenenza; • fornire strumenti culturali e tecnici di lettura ed analisi critica del paesaggio e dell'ambiente; E intende farlo con modalità diverse: • campagna di documentazione fotografica sul territorio; • interviste mediante riprese audio/video ai cittadini; • partecipazione attiva in eventi espositivi, in grado di coinvolgere ampie fasce di popolazione. Oggi il progetto Arcella ha un valore aggiunto: una rete di associazioni, cittadini, professionisti, genitori e volontari, con la collaborazioni della Polizia di Stato, spontaneamente hanno costituito un comitato e deciso di sostenere i ragazzi nel sogno che vorrebbero realizzare. Sostengono il progetto: Net for Children, Master Audio, Associazione Culturale Palio Arcella, Fondazione Caponnetto, Koinos Code, Rete Arcella Viva. Un sentito grazie va alla Questura di Padova per il sostegno e la fattiva collaborazione dei poliziotti di quartiere. Più che di città sicure, si sente sempre più il bisogno di città vivibili. E Insieme si può. In allegato locandina delle iniziative in programma il 26 e 27 maggio p.v. -

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/