Passa ai contenuti principali

GIARRUSSO M5S: COME MAI NESSUN PROVVEDIMENTO INTERDITTIVO SU IMPRESE TAV A FIRENZE?

COMUNICATO STAMPA

GIARRUSSO (M5S): NESSUN PROVVEDIMENTO INTERDITTIVO ANTIMAFIA NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ CHE HANNO ESEGUITO I LAVORI TAV DI FIRENZE.

ROMA, 30 MAGGIO - Quali i motivi per cui le Prefetture di Firenze, Prato e Roma non abbiano valutato la necessità di emanare un provvedimento interdittivo antimafia nei confronti delle società Varvarito Lavori srl di Firenze, Hidra srl di Prato e Htr srl di Roma, presenti nell'aree di loro competenza, i cui titolari sono stati rinviati a giudizio per attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti nell’ambito dell’inchiesta sui lavori TAV (Treno Alta Velocità) a Firenze? A porre questa domanda al Ministro dell’Interno sono alcuni senatori del M5S attraverso una dettagliata interrogazione parlamentare. “Non si comprende come queste società, nonostante le note vicissitudini giudiziarie, risulterebbero ancora iscritte negli elenchi dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa, la cosiddetta ‘White list’ considerato che ai titolari sarebbe stato contestato anche l’articolo 260 del Codice dell'ambiente (reato di competenza della Direzione Distrettuale Antimafia), in relazione ai cantieri della TAV per il sotto attraversamento di Firenze, nonché per avere avuto una condotta illecita permanente, proseguita senza soluzione di continuità”. A sostenerlo è il componente della commissione antimafia Mario Giarrusso. “Inoltre va sottolineato che tutta l’attività di raccolta, trasporto e smaltimento in discarica (la maggior parte delle 413mila tonnellate di fanghi) era gestita dalla ditta Veca Sud di Maddaloni, in provincia di Caserta, strettamente collegata ad ambienti della criminalità organizzata di tipo camorristico ed in particolare ai clan dei Casalesi e alla famiglia Caturano. Infine - conclude Giarrusso - la società Hrt Bonifiche, risulta essere iscritta nella "White List" della Prefettura di Roma dal 28 aprile 2016 e si è aggiudicata un appalto della Regione Lazio da 400mila euro per lo spostamento delle macerie da Amatrice”

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/