Passa ai contenuti principali

DIA: CONFISCA DA 100 MILIONI A PALERMO

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA COMUNICATO STAMPA MAFIA: LA D.I.A. DI PALERMO CONFISCA BENI PER OLTRE 100 MILIONI DI EURO AGLI EREDI DI UN NOTO IMPRENDITORE, RITENUTO PERSONAGGIO DI RILIEVO DI COSA NOSTRA La Direzione Investigativa Antimafia di Palermo ha eseguito un provvedimento di confisca nei confronti dell’imprenditore edile palermitano PECORA Francesco, cl.1939, deceduto il 3 maggio 2011, e dei suoi eredi, che ha colpito beni mobili e immobili, rapporti bancari, capitale sociale e relativo compendio aziendale di 6 società. Il provvedimento di confisca, emesso dal Tribunale di Palermo – Sezione M.P., trae origine da una proposta avanzata dal Direttore della D.I.A.. PECORA Francesco, personaggio di rilievo della consorteria mafiosa palermitana “cosa nostra”, annovera come suoi coimputati nei “processi alla mafia” personaggi di alto spessore criminale, quali Pippo CALO’, Antonino ROTOLO, Tommaso SPADARO e Giuseppe FICARRA. La figlia di PECORA, Caterina, è coniugata con MOTISI Giovanni, cl. ’59, latitante, figlio del noto Matteo, inteso “Matteazzo”, già uomo d’onore della famiglia mafiosa di Pagliarelli. A conferma che in cosa nostra spesso i “legami” giudiziari si rinsaldano con quelli familiari e viceversa, si evidenzia, altresì, che PECORA è consuocero di SBEGLIA Salvatore, costruttore edile palermitano, condannato per mafia e socio in affari di GANCI Raffaele, boss del quartiere Noce di Palermo. Il PECORA e le sue società avevano assunto un ruolo di interfaccia e di canale di collegamento con il mondo imprenditoriale legale, gestendo i capitali provenienti dalle attività delittuose di “cosa nostra” anche fuori dalla Sicilia (un’azienda confiscata ha sede legale a Pordenone), condividendo gli interessi illeciti dell’associazione. Con l’odierno provvedimento sono stati sottoposti a confisca 168 immobili (appartamenti, ville, magazzini e terreni), 3 società di capitale e 3 società di persone, rapporti bancari ed altro, per un valore complessivo di oltre 100 milioni di euro. Palermo, 3 febbraio 2016

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/