Passa ai contenuti principali

COMISO: 5 ARRESTI PER DROGA

Comando Provinciale Carabinieri di Ragusa NOTA: Per l’immediata divulgazione. Vittoria, giovedì 19 febbraio 2015 CONTATTO: Tenente PLEBANI Comunicato Stampa COMISO. RAFFICA DI PERQUISIZIONI ANTIDROGA: 5 PERSONE ARRESTATE, 3 SEGNALATI ALL’UTG DI RAGUSA E 140 GRAMMI DI HASCISC SEQUESTRATI. Prosegue a ritmi serrati l’attività di contrasto allo spaccio di droga nel territorio della giurisdizione della Compagnia di Vittoria, che ha consentito, nella nottata appena trascorsa, a Comiso, di arrestare in flagranza di reato 5 persone, 4 maggiorenni e un minore, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, e di sequestrare oltre 140 grammi di hascisc destinata al consumo dei giovani del luogo. Si tratta di 4 cittadini extracomunitari, alcuni con precedenti specifici in materia di droga, e di un minore italiano: • Chammem  Samir, 32enne tunisino; • Boussoria Moez, 31enne tunisino; • Arfaouri Anouar, 28enne tunisino; • Zahraoui  Zakaria, 19enne marocchino. Nello specifico, l’attività posta in essere dai Carabinieri della Stazione di Comiso, frutto di appositi servizi di osservazione e pedinamento per monitorarne i movimenti e protrattisi per svariati giorni, aveva consentito di appurare un certo andirivieni di giovani nella centralissima via Roma, finchè i militari hanno sorpreso Chammem Samir, insieme a Zahraoui  Zakaria e al minore, intrattenersi con tre ragazzi del luogo, ai quali davano furtivamente un piccolo involucro: ne è nata una perquisizione che ha permesso di rinvenire addosso ai giovani quasi 2 grammi di hascisc, mentre ai tre non solo 55 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività delittuosa, ma anche ulteriori 16 grammi della medesima sostanza suddivisa in stecchette. L’attività è poi proseguita con le perquisizioni domiciliari, finchè nell’abitazione di uno dei due sono stati trovati altri due connazionali tunisini, Boussoria Moez e Arfaouri Anouar, in possesso di un panetto di hascisc di quasi 100 grammi e altra medesima sostanza stupefacente suddivisa in piccole stecche, per un totale di 26 grammi, nonché 370 euro in contanti, provento dell’attività illecita. Tutti i maggiorenni sono stati condotti nella caserma di via Leonardo Sciascia, da dove, al termine delle formalità di rito, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, dottoressa Valentina Botti, mentre il minore è stato associato al Centro di Prima Accoglienza di Catania: tutti dovranno rispondere di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. I tre giovani assuntori, invece, originari di paesi limitrofi a Comiso, sono stati segnalati all’Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa per detenzione per uso personale di droga. Ora, al vaglio degli inquirenti, che stanno proseguendo le attività d’indagine, la posizione degli arrestati, per accertare l’eventuale complicità di altri criminali, il canale di approvvigionamento e la destinazione, considerato che l’hascisc recuperata, una volta tagliata, avrebbe fruttato un cospicuo guadagno: la sostanza stupefacente sequestrata è già stata inviata presso il Laboratorio di Sanità Pubblica dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa al fine di stabilirne il principio attivo e il numero di dosi ricavabili, così come il denaro provento dell’attività delittuosa anch’esso sottoposto a sequestro. L’attività messa in campo si inquadra nell’ambito dei servizi a largo raggio disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Ragusa, finalizzati alla prevenzione e alla repressione del fenomeno dello spaccio di droga, specie tra i giovani, e che aveva consentito nei giorni scorsi di arrestare a Vittoria un 20enne, trovato in possesso di 40 grammi di eroina purissima suddivisa in due ovuli.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…