Passa ai contenuti principali

CONTROLLO DEL TERRITORIO A RAGUSA

Controlli a tappeto nel week-end: 5 denunciati e 5 segnalati. Ragusa, Marina di Ragusa e Santa Croce Camerina, lunedì 9 febbraio 2015. I militari della Stazioni carabinieri di Marina di Ragusa e Ragusa, quelli di Santa Croce Camerina e del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Ragusa hanno eseguito un prolungato servizio di controllo del territorio “a largo raggio” nelle sere di venerdì, sabato e domenica. Il servizio è stato mirato a prevenire e colpire i comportamenti illeciti sulla strada ma anche i reati contro il patrimonio. Due utenti della strada sono stati colti in stato d’alterazione psicomotoria alla guida ed entrambi hanno subito il sequestro del veicolo. Il primo, un ventenne neopatentato da Noto (Sr) è stato denunciato per guida in stato d’ebbrezza aggravata dall’orario notturno e dalla condizione di neopatentato. Un quarantottenne ragusano, invece, ha evidenziato la presenza di cannabinoidi nel sangue. Decine sono state le perquisizioni nel corso di posti di controllo su strada e anche in abitazione. Un tunisino residente a Santa Croce, 25enne bracciante agricolo, è stato trovato in possesso di uno smartphone risultato provento di furto a Marina di Ragusa. È stato quindi denunciato per ricettazione alla Procura della Repubblica di Ragusa. Denunciato anche un 57enne ragusano, già noto ai carabinieri, poiché aveva in tasca un coltello a serramanico senza giustificato motivo. E un automobilista dei tanti sottoposti a controllo lungo le maggiori arterie stradali dei comuni di Ragusa e Santa Croce ha insospettito i carabinieri addetti al controllo poiché aveva un tagliando assicurativo esposto sul parabrezza particolarmente sbiadito. Da una più approfondita analisi, i militari di Marina hanno scoperto che era stampato con il computer e la stampante geto d’inchiostro a colori, per cui s’era sbiadito al sole. L’uomo, un 36enne imprenditore agricolo ragusano, è stato denunciato per i reati di falso in scrittura privata e uso di atto falso. Moltissimi anche i controlli antidroga con cinque persone segnalate al Prefetto di Ragusa quali assuntori di stupefacenti e quindi proposti per la relativa sanzione. Un giovane di Marina, appena 18eene, è stato beccato per la seconda volta dall’inizio dell’anno con una dose di hashish in tasca. Anche due coppie di amici sono stati segnalati. I primi due, tunisini residenti tra Marina e Santa Croce, stavano fumando uno spinello in auto, sicché oltre alla “canna” è stata sequestrata pure la patente di guida. Stessa fine ha fatto la patente di un giovane ragusano che con un amico stava consumando uno spinello in auto in riva al mare. Dalla perquisizione dell’abitacolo è venuto fuori un altro spinello ancora integro. Sebbene in questo week-end non sia stata sequestrata droga ad alcun minorenne, l’età dei consumatori registrata va dai 18 ai 32 con una media di 22 anni. I controlli quotidiani proseguono, con ovvio incremento nei fine settimana quando le persone si muovono maggiormente e commettono con maggior frequenza violazioni, specialmente connesse al consumo di sostanze da abuso.

Post popolari in questo blog

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.