Passa ai contenuti principali

CONTROLLO DEL TERRITORIO A RAGUSA

Controlli a tappeto nel week-end: 5 denunciati e 5 segnalati. Ragusa, Marina di Ragusa e Santa Croce Camerina, lunedì 9 febbraio 2015. I militari della Stazioni carabinieri di Marina di Ragusa e Ragusa, quelli di Santa Croce Camerina e del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Ragusa hanno eseguito un prolungato servizio di controllo del territorio “a largo raggio” nelle sere di venerdì, sabato e domenica. Il servizio è stato mirato a prevenire e colpire i comportamenti illeciti sulla strada ma anche i reati contro il patrimonio. Due utenti della strada sono stati colti in stato d’alterazione psicomotoria alla guida ed entrambi hanno subito il sequestro del veicolo. Il primo, un ventenne neopatentato da Noto (Sr) è stato denunciato per guida in stato d’ebbrezza aggravata dall’orario notturno e dalla condizione di neopatentato. Un quarantottenne ragusano, invece, ha evidenziato la presenza di cannabinoidi nel sangue. Decine sono state le perquisizioni nel corso di posti di controllo su strada e anche in abitazione. Un tunisino residente a Santa Croce, 25enne bracciante agricolo, è stato trovato in possesso di uno smartphone risultato provento di furto a Marina di Ragusa. È stato quindi denunciato per ricettazione alla Procura della Repubblica di Ragusa. Denunciato anche un 57enne ragusano, già noto ai carabinieri, poiché aveva in tasca un coltello a serramanico senza giustificato motivo. E un automobilista dei tanti sottoposti a controllo lungo le maggiori arterie stradali dei comuni di Ragusa e Santa Croce ha insospettito i carabinieri addetti al controllo poiché aveva un tagliando assicurativo esposto sul parabrezza particolarmente sbiadito. Da una più approfondita analisi, i militari di Marina hanno scoperto che era stampato con il computer e la stampante geto d’inchiostro a colori, per cui s’era sbiadito al sole. L’uomo, un 36enne imprenditore agricolo ragusano, è stato denunciato per i reati di falso in scrittura privata e uso di atto falso. Moltissimi anche i controlli antidroga con cinque persone segnalate al Prefetto di Ragusa quali assuntori di stupefacenti e quindi proposti per la relativa sanzione. Un giovane di Marina, appena 18eene, è stato beccato per la seconda volta dall’inizio dell’anno con una dose di hashish in tasca. Anche due coppie di amici sono stati segnalati. I primi due, tunisini residenti tra Marina e Santa Croce, stavano fumando uno spinello in auto, sicché oltre alla “canna” è stata sequestrata pure la patente di guida. Stessa fine ha fatto la patente di un giovane ragusano che con un amico stava consumando uno spinello in auto in riva al mare. Dalla perquisizione dell’abitacolo è venuto fuori un altro spinello ancora integro. Sebbene in questo week-end non sia stata sequestrata droga ad alcun minorenne, l’età dei consumatori registrata va dai 18 ai 32 con una media di 22 anni. I controlli quotidiani proseguono, con ovvio incremento nei fine settimana quando le persone si muovono maggiormente e commettono con maggior frequenza violazioni, specialmente connesse al consumo di sostanze da abuso.

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

OMICIDIO DI MAFIA A PESARO: NON CADERE MAI NELLA TRAPPOLA CHE LA MAFIA NON SPARA PIÙ O DIMENTICA... di Giuseppe Lumia

A Pesaro si è consumato un gravissimo omicidio di mafia proprio in pieno centro. Ad agire due killer a volto coperto;  ad essere colpito il fratello di un collaboratore di giustizia calabrese. L’agguato è stato realizzato platealmente la notte di Natale.

Il Capo della Procura Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, ha spiegato bene il carattere mafioso dell’omicidio e il segnale di sfida che con esso viene lanciato allo Stato.

C’è, insomma,  da riflettere per individuare  e superare alcune trappole in cui spesso si cade.


PRIMA TRAPPOLA: LE MAFIE NON SPARANO PIÙ.
Per mesi e mesi si è diffuso uno strano _leitmotiv_ legato all’analisi che le mafie non ricorrono più all’uso della violenza, e in particolare degli omicidi, perché ormai si sono trasformate  in “mafia d’affari”. Una cosa è invece certa: le mafie più si tuffano negli affari  più mantengono sul tavolo del proprio agire il possibile uso della violenza. In sostanza al famoso _kalashnikov_ non si rinuncia mai. L‘Ndrangheta…

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…