Passa ai contenuti principali

CONTROLLO DEL TERRITORIO A VITTORIA

Comando Provinciale Carabinieri di Ragusa NOTA: Per l’immediata divulgazione. Vittoria, lunedì 2 febbraio 2015 CONTATTO: Tenente PLEBANI Comunicato Stampa VITTORIA. OPERAZIONE “WEEKEND SICURO”: SCATTANO 9 DENUNCE E 1 SEGNALAZIONE ALL’UTG DI RAGUSA PER DETENZIONE PER USO PERSONALE DI DROGA. Controlli serrati da parte dei Carabinieri anche nel corso di questo fine settimana in tutta la giurisdizione della Compagnia di Vittoria, finalizzata a far trascorrere un weekend sicuro a tutte le oneste famiglie che abitano nel territorio di competenza e a tutte quelle persone che vi si recano: 9 le persone denunciate, 27 le perquisizioni effettuate, 5 le patenti ritirate, 16 contravvenzioni al C.d.S. comminate per un totale di 30 punti decurtati dalle patenti di guida, 58 veicoli controllati e 126 persone identificate, 1 mezzo recuperato risultato rubato e restituito al legittimo proprietario, 1 persona segnalata all’Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale. Sono i risultati dei controlli su vasta scala che i Carabinieri, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo predisposti in tutto il territorio ragusano dal Comando Provinciale, hanno portato a termine nelle città di Acate, Scoglitti e Vittoria. Un’operazione che ha comportato il dispiegamento in tutta la giurisdizione di 15 pattuglie e di oltre 30 militari, finalizzata da un lato a reprimere i reati di natura predatoria, che più da vicino colpiscono gli onesti cittadini, specie nelle aree rurali, e dall’altro lato a combattere i fenomeni della guida senza patente e senza assicurazione del mezzo, o in stato di ebbrezza alcolica, con evidenti risvolti negativi in caso di incidenti stradali: in tale ottica sono state organizzate perquisizioni mirate, frutto di prolungata attività di acquisizione di informazioni e di successivo riscontro operativo. L’attività di controllo straordinario del territorio di competenza ha permesso ai militari di deferire in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria iblea ben 9 persone. Nello specifico ad Acate, i Carabinieri della locale Stazione, hanno proseguito l’intensificazione dei controlli alla circolazione stradale, “pizzicando” 3 persone che guidavano senza patente, che non avevano mai conseguito, e senza copertura assicurativa: si tratta di M. M., 33enne tunisino, di A. A. I., 24enne rumeno, e di F. F., 25enne rumeno. Così come previsto dal Codice della Strada i 3 sono stati denunciati e i mezzi che conducevano sono stati sottoposti a sequestro. Inoltre, nel corso di un controllo all’interno di un esercizio commerciale, il proditorio intervento dei Carabinieri ha evitato che una rissa, da poco scoppiata, finisse in tragedia: un pregiudicato tunisino di 34 anni, K. B., è stato deferito in stato di libertà per aver ferito un ragazzo albanese, il 31enne K. C., procurandogli lesioni in varie parti del corpo giudicate guaribili in 7 giorni. Nella frazione di Scoglitti, nel corso dei servizi di controllo dei soggetti destinatari di misure alternative alla pena carceraria, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato Z. I. G., 26enne rumeno, per evasione dagli arresti domiciliari non trovandosi nel proprio domicilio al momento del controllo, senza che fosse stato autorizzato preventivamente dal Tribunale di Ragusa. Nella città di Vittoria, invece, il giro di vite ha permesso di denunciare a piede libero: • G. S., 41enne vittoriese, sorvegliato speciale di P.S., che all’atto del controllo è risultato responsabile della violazione degli obblighi imposti dalla misura di prevenzione cui era sottoposto; • P. A., 29enne rumeno, che, fermato durante un posto di blocco, veniva sorpreso alla guida di una Fiat Punto con targhe anteriore e posteriore diverse da quella di immatricolazione, e privo della necessaria copertura assicurativa; 1 B. G., 74enne vittoriese che, nel corso di una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di una bicicletta, risultata oggetto di furto denunciato presso la Stazione di Vittoria nel mese di gennaio c.a.: il mezzo, previo riconoscimento, è stato restituito all’avente diritto, un pensionato di Vittoria. Nel corso del servizio, inoltre, è stato segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa per detenzione per uso personale di sostanza stupefacente un 30enne rumeno, B. C. E., trovato in possesso di oltre 1,5 grammi di hashish. In tal senso è opportuno ricordare a tutti i cittadini che da qualche mese è attivo il numero 43002, per segnalare via sms, mantenendo l’anonimato, casi di spaccio o consumo di stupefacenti, ma anche episodi di bullismo: si tratta di un ulteriore mezzo, messo a disposizione dal Ministero dell’Interno, per combattere tali fenomeni che incidono in modo drammatico soprattutto nella fascia più giovane della popolazione. Controlli di tale natura da parte dell’Arma dei Carabinieri, finalizzati al contrasto dei reati predatori e dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, proseguiranno nei prossimi giorni in tutta la provincia di Ragusa.

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…