Passa ai contenuti principali

SEQUESTRO DIA BARI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA Centro Operativo Bari COMUNICATO STAMPA LA DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA DI BARI SEQUESTRA BENI PER OLTRE 700.000 EURO AD UN PREGIUDICATO ANDRIESE Beni ed immobili, ivi compresi gli arredi, per un valore di oltre 700.000 euro sono stati sequestrati dal personale della Direzione Investigativa Antimafia di Bari al pregiudicato andriese, Fasciano Giovanni di 66 anni, tratto in arresto, insieme al figlio Leonardo, nel marzo dello scorso anno, nell’ambito dell’operazione denominata “Bate”, relativa ad un traffico internazionale di stupefacenti, condotta dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma, attualmente detenuto presso il carcere di Bari. Fasciano Giovanni, come risulta dagli atti di indagine, rivestiva il ruolo di organizzatore e finanziatore, insieme ad altri, dell’illecito traffico, che prevedeva il trasporto dal Nicaragua all’Italia di enormi quantitativi di stupefacente, anche tramite l’occultamento dello stesso in pietre trasportate in container. Il provvedimento di sequestro è stato emesso in base alla normativa antimafia dal Tribunale di Trani, Sezione per le Misure di Prevenzione, ed ha interessato l’impresa edile di famiglia, tre appartamenti ed altrettanti box auto, due terreni, di cui uno edificabile, ubicati nei comuni di Trani ed Andria. Da una analisi approfondita del patrimonio dell’intero nucleo familiare del pregiudicato, la DIA di Bari ha accertato che FASCIANO Giovanni, a fronte di una situazione reddituale che, sovente, non avrebbe consentito neanche la sopravvivenza dello stesso nucleo, nel corso degli anni aveva effettuato numerosi acquisti e vendite immobiliari, sostenendo anche mutui di 1.200 euro al mese realizzando, così, un patrimonio sproporzionato rispetto ai redditi percepiti e/o all’attività economica esercitata. Dagli accertamenti patrimoniali è infatti emerso, ad esempio, che il pregiudicato nel triennio 2008-2010 ha dichiarato 900 euro l’anno, nel 2012 un reddito pari a 0, mentre negli anni precedenti ha dichiarato una media pari a circa 14.000 euro l’anno. L’emissione del provvedimento di sequestro, eseguito dagli uomini della D.I.A. con l’ausilio di personale appartenente all’Arma dei carabinieri di Andria, ha costituito l’epilogo della minuziosa attività di indagini patrimoniali svolta con l’utilizzo del potere di proposta in capo al Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, previsto dal Codice Antimafia che consente di contrastare gli illeciti arricchimenti non soltanto dei soggetti appartenenti alle organizzazioni mafiose ma anche di coloro abitualmente dediti alla commissione di reati con i cui proventi vivono in tutto o in parte, come in questa indagine, anche al fine di restituire i beni alla società civile. Bari, 12 febbraio 2015

Post popolari in questo blog

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.