Passa ai contenuti principali

GIARRUSSO M5S, familiari boss a scuola in Sicilia sarebbe gravissimo

Mafia: M5S, familiari boss a scuola in Sicilia sarebbe gravissimo
(AGI) - Roma, 4 mag. - "Quanto sta accadendo nella zona meridionale della provincia di Siracusa ed in particolare ad Avola e' gravissimo. Appare come un territorio fuori controllo, in cui, addirittura, i familiari di un capomafia condannato, Michele Crapula, chiedono ad una scuola la registrazione video-audio di una conferenza ed il diritto di replica per spiegare agli studenti le motivazioni per cui il proprio padre delinque. Una minaccia per la scuola che fa seguito alle pesanti minacce di morte denunciate dal giornalista Paolo Borrometi". E' quanto scrivono in un'interrogazione parlamentare indirizzata ai ministri dell'Interno, Marco Minniti, e dell'Istruzione, Valeria Fedeli, i senatori del Movimento 5 Stelle (con primo firmatario Mario Michele Giarrusso, componente delle Commissioni Antimafia e Giustizia), sul caso dei familiari del boss, Michele Crapula, che hanno chiesto di andare in una scuola di Avola (Siracusa) a parlare con gli studenti, denunciato nei giorni scorsi dall'AGI.
   "Michele Crapula - spiegano nell'interrogazione i senatori del M5S - e' un boss affiliato all'associazione mafiosa "Cosa nostra" (in particolare al clan "Trigila") e condannato per diversi reati, fra i quali associazione di tipo mafioso (art. 416-bis, codice penale); in particolare il Crapula ha rivestito il ruolo di reggente e di capo del clan al quale appartiene e per tali motivazioni il boss e' stato condannato ed e' attualmente detenuto. Di recente, il clan Trigila ed i boss affiliati sono saliti alla "ribalta" nazionale grazie ad alcune inchieste condotte dal giornalista Paolo Borrometi e pubblicate dalla testata giornalistica "La Spia", dall'agenzia di stampa "Agi", nonche' riprese da alcuni organi di informazione nazionali.

Mafia: M5S, familiari boss a scuola in Sicilia sarebbe gravissimo (2)
(AGI) - Roma, 4 mag. - La famiglia Crapula continua, per il tramite di alcuni familiari del boss, ad esercitare interessi economici e mafiosi in citta', ad iniziare dal settore delle Agenzie funebri. Il Movimento 5 Stelle, con l'interrogazione urgente, chiede quali iniziative di competenza intendano adottare i Ministri interrogati affinche' siano favorite iniziative ispirate ai valori della legalita', venga evitato che i familiari del capo mafia Michele Crapula possano confrontarsi con gli studenti, in un intollerabile par condicio fra mafia e antimafia; quali provvedimenti urgenti intenda adottare il Ministro dell'interno affinche' l'Istituto scolastico di Avola possa essere tutelato da possibili ritorsioni mafiose; quali provvedimenti urgenti il ministro dell'Interno intenda adottare per tutelare il giornalista Paolo Borrometi, gia' costretto a vivere sotto scorta da anni, affinche' possa continuare a svolgere la sua azione di informazione libera, nonostante le pesanti minacce di morte che continua a ricevere e quali iniziative, infine, si vogliano adottare per favorire il ripristino della legalita' nel territorio della Provincia di Siracusa, in particolare quello meridionale, cioe' nei comuni di Noto, Avola, Pachino, Portopalo e Rosolini".

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/