Passa ai contenuti principali

Lotta alla contraffazione - Maxi sequestro di oltre 32 milioni di prodotti

Comando Provinciale Roma

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno sequestrato oltre 32 milioni di prodotti recanti marchi contraffatti ovvero privi dei requisiti di sicurezza, denunciando tre cittadini cinesi, titolari delle attività commerciali interessate.
Nel corso di un controllo in materia di sicurezza prodotti eseguito dai Finanzieri del 3° Nucleo Operativo Metropolitano della Capitale presso tre punti vendita siti nel quartiere prenestino, peraltro da poco inaugurati, hanno individuato numerosi articoli contraffatti, sia direttamente esposti per la vendita al pubblico che stoccati nei relativi magazzini.
Le successive perquisizioni, estese a tutti i locali aziendali, portavano al rinvenimento e al sequestro dell’ingente quantitativo di merce, consistente in capi d’abbigliamento, accessori e giocattoli, recanti loghi e form factor dei più noti brand della moda e del mondo dell’intrattenimento tra i quali “CONVERSE”, “CHANEL”, “ROLLING STONES”, “WALT DISNEY” E “LEGO”.
Nel corso delle ispezioni è stata rinvenuta anche molta merce con falsa marcatura CE, attestando così, in modo fraudolento, la conformità dei prodotti agli standard di sicurezza. Questa illecita condotta è particolarmente insidiosa per i consumatori che sono tratti in inganno sulla qualità dei prodotti acquistati.
La complessa operazione si è conclusa con il maxisequestro di oltre 32 milioni di articoli e la denuncia alla Procura della Repubblica di Roma dei tre titolari delle aziende interessate, tutti di nazionalità cinese, per i reati di contraffazione e vendita di prodotti pericolosi.
Le attività descritte si inquadrano nell’ambito del dispositivo di contrasto all'abusivismo commerciale e alla contraffazione, orientato prevalentemente a disarticolare la filiera del falso e a rimuovere i canali di approvvigionamento.

Post popolari in questo blog

Alleanze tra cosche per uccidere Lumia

COSA NOSTRA DEGLI INZERILLO E GAMBINO: TRA PALERMO E NEW YORK, UN FIUME DI SOLDI... Riflessione di Giuseppe Lumia

Un ponte più lungo di Brooklyn c’è e nonostante alcune interruzioni viene subito ripristinato e continua a far passare un fiume di “soldi”...  Cosa Nostra degli “scappati” capeggiata dagli Inzerillo insieme ai Gambino di Torretta e ai Gambino della Grande Mela ha  attraversato questo Ponte tra Palermo e New York chissà quante volte. Avanti e indietro: droga, affari e riciclaggio portandosi dietro anche dei killer recuperati proprio dal loro Feudo di Torretta (arrestato anche il Sindaco) perché ogni tanto bisogna tenere pronte le armi per dare testa alle altre mafie: Russe e Nigeriane in testa. Ricordo in tal senso una missione negli USA della Commissione Antimafia quando potei assistere ad un monitoraggio satellitare dell’FBI sulla zona di Torretta, Carini, Capaci, Borgetto, Partinico per cogliere i flussi del denaro e dei giovani killer... Il vecchio boss Giovanni Buscemi, che ha iniziato proprio da killer la sua ascesa ai vertici della famiglia degli Inzerillo, sapeva come “comport…

DIA GENOVA - PONTE MORANDI - ARRESTI

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA DIA DI GENOVA ESEGUE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE E SEQUESTRI NEI CONFRONTI DEGLI AMMINISTRATORI DI UN'IMPRESA GIÀ IMPEGNATA NELLA RICOSTRUZIONE DEL PONTE MORANDI

La D.I.A. di Genova sta eseguendo, in Liguria e in Campania, due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova, nei confronti dell'amministratore di fatto (ritenuto contiguo ad elementi inseriti in organizzazioni camorriste) della TECNODEM S.r.l. di Napoli - società già impegnata nella demolizione del ponte Morandi” - e di una donna considerata prestanome nell'ambito della medesima compagine societaria.
Sono altresì in corso perquisizioni con esecuzione di sequestri preventivi.
I provvedimenti traggono origine da una articolata indagine, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova e condotta dalla D.I.A.…