Passa ai contenuti principali

NAPOLI. SEQUESTRATI NELL'AREA VESUVIANA 8 COMPLESSI AZIENDALI


 NAPOLI. SEQUESTRATI NELL'AREA VESUVIANA 8 COMPLESSI AZIENDALI
 GDF SCOPRE 1.600 TONNELLATE RIFIUTI SPECIALI E 26 LAVORATORI IN NERO
 (DIRE) Napoli, 5 giu. - I militari della guardia di finanza di
 Torre Annunziata, nell'ambito di un servizio in materia di
 contrasto all'abusivismo commerciale e ai reati ambientali, hanno
 sottoposto a sequestro 8 complessi aziendali in diversi comuni
 dell'hinterland vesuviano e operanti nel settore del recupero e
 commercio di indumenti usati, scoprendo oltre 1.600 tonnellate di
 RIFIUTI speciali illecitamente stoccati e smaltiti. L'attivita'
 ha preso avvio da due interventi effettuati dalla compagnia di
 Casalnuovo di Napoli nei mesi precedenti, a seguito dei quali,
 oltre all'utilizzo di manodopera in nero, erano state rilevate,
 sempre presso alcune aziende dell'area vesuviana, gravi
 violazioni alle vigenti disposizioni in materia di stoccaggio e
 smaltimento dei RIFIUTI.
    In particolare, era stata riscontrata una illecita attivita'
 di gestione di RIFIUTI speciali non pericolosi derivanti
 dall'industria tessile, con il conseguente sequestro, oltre che
 di 2 complessi aziendali, di circa 200 tonnellate di RIFIUTI
 speciali non pericolosi. Quindi, a seguito dell'ulteriore
 sviluppo dell'attivita' investigativa, la stessa compagnia di
 Casalnuovo ha eseguito un esteso intervento d'iniziativa nei
 confronti di altre 12 aziende operanti nel medesimo settore
 economico. Anche in questa circostanza, e' stato appurato che le
 aziende attenzionate si avvalevano di manodopera in nero, avendo
 individuato, all'atto dell'accesso, 26 lavoratori irregolari,
 privi di regolare inquadramento contrattuale e contributivo. È
 stato inoltre constatato che, in alcuni casi, queste imprese
 operavano in totale assenza di qualsiasi autorizzazione al
 trattamento dei RIFIUTI, costituiti da capi di abbigliamento
 dismesso da selezionare, stipato in buste di plastica ed
 indistintamente collocato insieme ai RIFIUTI derivanti dalle
 operazioni di cernita e taglio. Contestualmente, e' stata
 rilevata la completa mancanza di locali e macchinari idonei a
 consentire l'igienizzazione degli indumenti ed il titolare
 dell'attivita' non e' stato in grado di esibire la certificazione
 relativa all'avvenuto trattamento di sanificazione, ne' tanto
 meno la documentazione fiscale concernente l'acquisto degli abiti
 usati.
    In altri casi le imprese, benche' dotate delle previste
 autorizzazioni, operavano in maniera illecita, stoccando
 quantita' di RIFIUTI di gran lunga superiori a quelle consentite
 dalle autorizzazioni. In particolare nel comune di Cercola (NA)
 e' stato individuato un sito adibito di fatto a discarica
 abusiva, utilizzato presumibilmente da diverse aziende operanti
 nel settore, in cui erano state fatte confluire ed ammassate
 centinaia di tonnellate di indumenti usati, nonche' scarti
 tessili e di abbigliamento.
    Le fiamme gialle di Casalnuovo, quindi, hanno proceduto al
 sequestro di 8 complessi aziendali, costituiti da 12 capannoni ed
 aree pertinenziali per circa 6.000 mq, svariati macchinari
 industriali ed oltre 1.600 tonnellate di RIFIUTI speciali. I
 responsabili - 10 persone, tutti italiani ad eccezione di una
 donna ucraina residente in Italia - sono stati denunciati alla
 competente procura della Repubblica di Nola per il reato di
 illecita gestione di RIFIUTI.
   (Com/Gup/ Dire)
 10:38 05-06-19
 NNNN

Post popolari in questo blog

LE MINACCE DI MAFIA A SALVO PALAZZOLO DEVONO FARCI RIFLETTERE di Giuseppe Lumia

Non sono le solite minacce, che comunque sono sempre gravi e non vanno mai sottovalutate soprattutto quando provengono dalla mafia.

Salvo Palazzolo ha messo  in evidenza che in un quartiere popolare di Palermo, famoso ahimè nel mondo, lo Zen, sono state distribuite derrate alimentari da parte di un certo Cusumano, il cui fratello era stato già coinvolto in fatti di mafia. Si tratta di tutto un mondo legato ai Lo Piccolo, che esercitano ancora il loro dominio su diversi  mandamenti mafiosi.

Perché c’è da rifletterci sopra? Perché per la mafia è decisivo mantenere un suo perverso sistema di welfare sociale, non per dispensare beneficenza o diritti ma per esercitare un dominio potente e soffocante.

Cambiano i capi, si alternano le leadership, da Riina e Provenzano a Matteo Messina Denaro e ai giovani come i rampolli dei Greco, ma per loro è sempre indispensabile tenere sotto i tacchi la vita quotidiana di chi soffre ed è in difficoltà reale.

Questo consente ai boss di mantenere in piedi…

PIERA AIELLO: È UN ONORE ESSERE TRA LE 100 DONNE DEL 2019

Con grande onore sono stata inserita nel programma della BBC  “100 women of 2019” dove hanno partecipato anche  donne vincitrici del premio Nobel. Ringrazio la BBC e dedico questa nomination alla mia famiglia, a Rita Atria e a Paolo Borsellino, persone a me care che mi hanno permesso di essere la donna che sono oggi.

MATTARELLA 40 ANNI DOPO. HA ANCORA SENSO FARE MEMORIA PERCHÉ ATTUALISSIMO E PERCHÉ LA VERITÀ NON È VENUTA FUORI di Giuseppe Lumia

Dall’omicidio di Piersanti  Mattarella sono passati ben 40 anni. Non sono pochi. L’oblio per anni aveva preso il sopravvento. Adesso bisogna ritornarci, ritornarci con rigore  e capire di più e consegnare così alle nuove generazioni una memoria di Mattarella potente, potremmo dire “pericolosa” perché non scontata, burocratizzata, addomesticata ma viva, dinamica che vuole il cambiamento e vuole ispirare chi intende liberarsi dalla mafia e dal  suo sistema di relazioni.

Il Leader politico e il Presidente della Regione Mattarella aveva ben tre muri da abbattere per realizzare il suo sogno di cambiamento:

1) Il muro di Cosa Nostra. Un muro consolidato e costruito in due secoli di penetrazione nella società, nell’economia e nella politica. La Democrazia Cristiana scelse nel dopoguerra di andare a patti con la mafia in funzione anti-sinistra dopo che nel 1947, alle prime elezioni libere per l’elezione dell’Assemblea Regionale, vinse il “Blocco del Popolo”. Con la strage di Portella delle G…