Passa ai contenuti principali

RELAZIONE DNA 2016 - CAMORRA IN FRIULI

Quanto  invece  alla  presenza  di  realtà  criminali  legate  ai  clan  camorristici,  si  è da  poco  sviluppata  –  ed  è  ancora  in  corso  –  una  vasta  indagine  al  momento concretizzatasi  in  numerose  perquisizioni  ed  avvisi  di  garanzia,  su  una  nota quanto  diffusa  rete  di  esercizi  pubblici,  gestita,  non  solo  in  F.V.G.,  da  soggetti di  origine  napoletana.  Questi  ultimi,  attraverso  una  serie  di  ristoranti  e pizzerie,  avrebbero  il  compito  di  riciclare  denaro  proveniente  da  traffici illeciti  campani  per poi  reindirizzare  il  denaro  “pulito” nel  napoletano.  Appare significativo,  in  proposito,  che  nella  vicenda  sembra  svolgano  un  ruolo  alcuni professionisti  di  stanza  a  Napoli  che  non  si  limiterebbero  a  mere  funzioni  di intermediazione,  ma  potrebbero  aver assunto  livelli  di  direzione nella  vicenda.   Si  tratta  di  un  intreccio  ancora  da  chiarire  ma  che  reca  elementi  di  novità  e che  potrebbe  costituire  il  canovaccio  di  altre  vicende,  sempre  legate  alla saturazione  in  sud  Italia  della  ristorazione.  Tale  sodalizio  di  riciclaggio,  con immissioni  di  denaro  costanti  e  puntuali  a  referenti  napoletani  colpisce particolarmente,  poiché  risulta  da  tempo  essersi  insediata  in  Trieste  per  cui  è in  grado  di  disporre  di  una  platea  di  clienti  molto  vasta  e  spesso  di  elevato tenore  sociale.

Post popolari in questo blog

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA

COMUNICATO STAMPA

LA D.I.A. SEQUESTRA BENI PER 2.5 MILIONI DI EURO NEI CONFRONTI DI UN PREGIUDICATO PUGLIESE, OPERANTE A PADOVA, DI FATTO NULLATENTE

Nella giornata odierna il Centro Operativo D.I.A. di Padova e la Sezione Operativa D.I.A. di Lecce hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro, emesso dal Tribunale di BRINDISI  Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di DONOFRIO Giuseppe.
Il sequestro ha interessato la porzione di un immobile di pregio - la storica “Barchessa di VILLA MOLIN” - ubicato a Padova (di proprietà della moglie del DONOFRIO, BRONDIN Annalisa), nonché le quote di capitale sociale della società “I TRULLI Srl” con sede a Padova, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni euro.
I precedenti giudiziari del DONOFRIO, pugliese di origini ma ormai noto commerciate nellarea veneta, delineano la sua figura di esponente di vertice di organizzazione criminale dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (anni ’80 e 90), …

MINACCE - BRANDARA - ABUSIVISMO - LICATA - PREOCCUPAZIONE

In riferimento alle minacce ricevute da Maria Grazia Brandara commissario di Licata che ha il difficile compito di affrontare la questione dell'abusivismo esprimiamo la nostra vicinanza oltre alla preoccupazione per tale episodio auspicando che venga trovato il responsabile al più presto.
Giusi Badalamenti, Elena Giampapa, Pasquale Calamia  ed Alessio Micale Fondazione Antonino Caponnetto - Sicilia



http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2017-09-22/a-licata-citta-abusivismo-minacce-morte-commissario-brandara-125725.shtml?uuid=AEz13wXC

CALLERI (FONDAZIONE CAPONNETTO) ~ FATTO GRAVE IL MURALES INNEGGIANTE A RIINA A FIRENZE

Oggi a Firenze è apparsa questa immagine di Riina. È apparsa su un muro in pieno centro storico.
Fatto grave e da non sottovalutare. La mafia vive di simboli. Firenze poi è città martire della mafia e non dobbiamo dimenticare la strage di via dei Georgofili e quella tentata di via Toscanini. Non ci si può permettere di tollerare un murales segno di consenso sociale per cosa nostra.

Salvatore Calleri Presidente Fondazione Caponnetto

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/01/26/foto/firenze_su_un_muro_del_centro_storico_spunta_il_murales_per_riina_santo_subito_-187335539/1/